RRC1

Al Garante infanzia

garante infanzia 530x400RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO.

Non possiamo dire che sono tempi questi dove i valori umani sono rispettati dove le parti più deboli di questa società vengono protette, è tempo questo dove è difficile dare fiducia e ancora di più è necessario vigilare in particolare in quegli ambiti dove c’è più fragilità, dove non ci si può difendere.

La mancanza delle istituzioni che dovrebbero garantire quei beni primari, come la salute, l’educazione, la giustizia ha creato un vuoto all’interno delle famiglie, dei giovani, ma possiamo vedere che anche le vecchie generazioni hanno subito questo crollo d’identità, di certezza nella propria società, dei propri valori originali.

Lentamente sempre più persone hanno iniziato a far ricorso a filosofie orientali, centri di benessere new age che danno risposte lì dove la medicina ufficiale diventa impotente e sempre più costosa, centri di educazione per genitori e figli perché la scuola non ha più risposte in una società così deteriorata, un business sotterraneo che fornisce cure mediche alternative,counselor divenuti esperti dopo solo tre mesi di corso, maestri di ogni genere, shiatsu, yoga, reiki, massaggi, come dicevo un mercato che continua a produrre sempre nuovi addetti alla cura alternativa in particolare in questo momento di grave disoccupazione, una rete capillare che si è sapientemente infiltrata nelle scuole, nei luoghi di lavoro, negli ospedali…come una ragnatela tessuta con abile maestria.

Questo non dovrebbe che preoccuparci, tanti sono i verbali degli esperti nel settore che illustrano i danni e i numeri che in alcuni casi provocano queste terapie alternative…

Mi rivolgo al garante dell’infanzia, sarebbe opportuno avere dei filtri in più quando ci rivolgiamo a dei minori, dei controlli su chi opera all’interno di un mondo infantile che non ha difese, i bambini non si toccano, eppure come nel caso dell’istituto comprensivo 2 “ serena “ di Treviso, scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, parliamo di bambini piccoli, che non hanno spirito critico, che non possono difendersi da cosa gli viene proposto, in questo istituto addirittura nel piano offerta formativa è inserito lo yoga come proposta per aiutare i bambini nella concentrazione e nella gestione delle situazioni difficili, e sicuramente anche lo shiatsu visto che il promotore di quest’attività è un adepto di un gruppo che fa riferimento a un capo carismatico…o per lo meno così si definiscono.

Nel pof (piano offerta formativa “ è riportato -“ risorse interne – insegnante Massimo Comunello (esperto yoga) - risorse esterne - ad okido yoga riconosciuta dallo csen – coni.

Dobbiamo dire che lo csen è un’affiliata al coni e non l’okido, anche se con un semplice gioco di parole è possibile dare un’altra interpretazione e importanza a chi utilizza la pubblicità in modo ingannevole.

L’okido è un gruppo di terapie alternative che fa riferimento a un “maestro” per un consulto questi chiede 500,00-600,00 euro come offerta, si potrebbe obiettare che nemmeno un luminare americano che visita in Italia chiede queste cifre, è veramente triste vedere la devozione di molta gente verso un semplice essere umano che si considera al di sopra di ogni cosa, che esige di essere chiamato “vita” o “dio “, il carattere rigido e manipolatorio che caratterizza questo gruppo sempre alla ricerca di pubblicità e introiti economici non credo possa rientrare in un piano formativo scolastico.

Nell’immaginario collettivo lo yoga e tutte le attività orientali sono benefiche opportunità, in realtà poco si conosce dell’altro lato della medaglia, perché non si può trascurare i migliaia di casi di collassi mentali e nervosi, di follia, di suicidi, di perdita dei beni economici.

Lo yoga viene presentato come una ginnastica che porta a un benessere psicofisico, è veramente entrato a far parte della nostra società, proposto dovunque quale tecnica di rilassamento per eliminare lo stress, per essere più in forma e più belli.

Questo modo di proporre lo yoga è assolutamente riduttivo, il concetto di tale pratica è cambiare il respiro e cercare a tutti i costi quei punti di benessere dove fissare la propria mente, il rilassamento al termine della lezione dello yoga è una vera ipnosi, gli esercizi yoga non sono stati concepiti per modificare la forma fisica ma per risvegliare e riattivare la forma del serpente all’interno del corpo umano, ciò che gli orientali chiamano Kunda lini situata nella colonna vertebrale.

Queste forze risvegliate e una respirazione guidata scatenano disturbi emozionali e mentali che hanno portato in cliniche psichiatriche molte persone.

Il significato vero dello yoga sta nell’eliminare gradualmente la relazione tra la propria anima e il mondo fisico, eliminando dalla mente ogni pensiero, ed è estremamente pericoloso in particolare nei bambini entrare in uno stato alterato di coscienza, dove la mente si svuota, una forma di autoipnosi dove il “maestro” inserirà messaggi di benessere, di positività, non c’è risoluzione di un problema, ma solo la manipolazione della mente in stato di quiete a ricordare momenti di benessere.

Gentile garante dell’infanzia io credo che sarebbe opportuno avere un controllo maggiore sui nostri figli, loro no, non devono essere toccati, non possono pagare il vuoto di una società che non sa organizzare la loro scuola, che non vigila sulla loro crescita, in alcune scuole romane si praticano trattamenti shiatsu nelle scuole primarie, giustificati come “ benessere dell’anima “, addirittura formano progetti come “ tutti i bambini fanno shiatsu” ma siamo sicuri che i bambini abbiano bisogno di essere manipolati?

Queste pratiche orientali non hanno nulla a che fare con la scienza, il potere magico dell’energia che asseriscono fluisce nel corpo non è altro che “energia termica occulta” che sarebbe impossibile sentire se la manipolazione del corpo non avesse aperto le porte psichiche di chi si sottopone a tali attività, una sorta di transfert ipnotico terapeuta – paziente dove l’unico punto di riferimento più stabile in simile condizione è il principio del piacere, che viene ricercato con ogni mezzo e in ogni campo.

Il benessere, la ricerca della salute a qualunque costo, la truffa sulla salute antica come il mondo, sono argomenti cui dovremmo essere invitati a riflettere quotidianamente, perché la truffa, il pericolo potrebbe essere ovunque.

I giornali ci tengono informati sullo stato di decadimento delle nostre scuole, ciò che si definisce sofferenza scolastica è in realtà un problema ampio e complicato, supportato da un tessuto sociale fragile che non ci lascia ben sperare, e non è possibile liquidarlo in due righe, ma possiamo sentirci sicuri di portare i nostri bambini nella scuola?

Non è compito della scuola esercitare un controllo su cosa s’infiltra nelle aule, tornando all’argomento yoga, dovrebbe essere necessario da parte del dirigente scolastico permettere a un esperto di informare i genitori dei benefici e dei danni di simili attività e richiedere un consenso scritto se accettare o meno la responsabilità di affidare i propri figli a questo genere di pratiche, nell’istituto comprensivo 2 “serena “ di Treviso questo tipo di comportamento è stato attuato?

Nelle scuole primarie dove viene praticato lo shiatsu ai bambini c’è un consenso dei genitori?

Un informazione corretta?

Ultima modifica ilVenerdì, 19 Settembre 2014 12:15
Altro in questa categoria: « La Storia di Valentina

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.romacapitalemagazine.it/home/modules/mod_weather_gk4/helper.php on line 408

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.romacapitalemagazine.it/home/modules/mod_weather_gk4/helper.php on line 409

Roma