RRC1

Si può fare ?

download

L’attacco contro la base aerea siriana, da dove secondo Washington sarebbe partito il precedente raid chimico di Damasco a esclusivo e irreparabile danno degl’innocenti e che a quanto pare ha aperto finalmente le coscienze di tutto il mondo circa la complessità del conflitto in quella zona del Medio Oriente, è stato sferrato tra il 5 e il 6 aprile, a notte fonda. I bersagli erano gli aerei del sistema di difesa apposito e ciò che rende operativa la base. “Sulla risposta da dare all’aggressione ci consulteremo con gli alleati” ha dichiarato il ministro siriano dell’Informazione, Turjman. La tv di Stato siriana ha parlato di aggressione che, secondo l’esercito siriano, danneggia le operazioni contro il terrorismo. Secondo Damasco l’offensiva voluta da Trump ha causato 15 morti, 6 militari e 9 civili (tra i quali 4 bambini).

Pochi giorni dopo, secondo la Cnn che ha citato fonti militari, gli Usa hanno sganciato la bomba GBUG3 MAAB – Massive Ordinance Air Blast, conosciuta come “la madre di tutte le bombe”, sull’Afghanistan orientale, nella zona di Hangurhar, praticamente contro l’Isis. La bomba era stata sviluppata durante il conflitto in Iraq del 2003, ma mai utilizzata. E’ lunga 9,7 metri con un diametro di 10,2 metri, e pesa 10 tonnellate. E’ il più potente ordigno esplosivo non nucleare: la sua deflagrazione equivale all’esplosione di 11 tonnellate di tritolo. Guidata da un sistema Gps sull’obiettivo, è la prima volta che viene impiegata. Il portavoce di Trump ha poi confermato ch’è stata sganciata sui tunnel in cui i jihadisti del posto vanno avanti e indietro.

Misteri in caduta libera

Paradise Lost 12

Un’infermiera è al centro di un procedimento disciplinare dell’Asl di Treviso perché sospettata di aver finto di vaccinare molti dei bambini portati al suo ambulatorio, buttando via le fiale dopo averli però registrati. I colleghi si erano insospettiti perché i bimbi non piangevano durante l’iniezione. Il caso era stato segnalato nel giugno 2016 ai Nas e alla Procura, ma il mese scorso il Gip su richiesta del Pm lo aveva archiviato. L’Asl ha avviato una campagna di richiamo che riguarderebbe circa 500 piccoli pazienti.

Nella notte tra il 4 e il 5 marzo a San Severo (Foggia) dei colpi d’arma da fuoco hanno raggiunto due automezzi della polizia del reparto Prevenzione & Crimine, inviati dal Governo per un controllo rafforzato del territorio foggiano, a seguito di numerosi episodi di criminalità verificatisi. A sparare sui mezzi parcheggiati dinanzi a un hotel è stata una sola persona alla guida di una vettura risultata rubata. “E’ in atto una vera e propria guerra alla città, ma anche un’azione pericolosa contro lo Stato e le istituzioni” ha denunciato il sindaco, Miglio. Per il questore di Foggia poteva trattarsi di una vendetta per l’inasprirsi dei controlli, ma non ha escluso legami con la questione del “Gran Ghetto”, il discutibilissimo luogo d’accoglienza per i rifugiati.

SEMINARIO CON LA WFWP SULL’UOMO E IL SUO DESTINO

LOGO

C’è bisogno di pace in questo mondo abitato da indifferenza e violenza, odio e sete di potere.

Dalla famiglia si inizia ad imparare a costruire la pace dentro se stessi, in rapporto con gli altri.

La famiglia è infatti il primo luogo dove si impara a crescere, a confrontarsi, amare e perdonare. E’ nella famiglia quale cellula sociale ché giorno dopo giorno si costruisce un futuro di pace e armonia di cui ogni singolo membro è artefice se a guidarlo in ogni decisione, gesto, azione è il cuore, un cuore che lo porti ad incontrare e ad accogliere l’altro con le sue diversità da cui trarre arricchimento e saggezza. Pace, solidarietà, famiglia e diritti umani, temi centrali nel percorso  di vita di ciascun individuo, sono al centro di importanti seminari, convegni e incontri che la WFWP  “Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo” di cui è presidente Elisabetta Nistri, svolge da anni a livello internazionale in cui sono coinvolte ambasciate e importanti rappresentanti delle istituzioni, con il fine di promuovere un futuro dove al centro sia l’uomo. L’uomo visto quale persona cui sia garantito ogni diritto indistintamente: dalla tutela delle donne alla difesa dei minori, dalla famiglia all’immigrazione, nel rispetto di ciascuno a prescindere da differenze, sociali, culturali e religiose; diversità da cui trarre arricchimento e conoscenza. Ed è proprio centrata sull’uomo sulle sue domande circa il proprio destino, su cosa possa decidere o meno a riguardo e sui risvolti dei propri comportamenti in questa vita, che si focalizza l’incontro del prossimo 6 maggio 2017 organizzato dalla WFWP sul tema: La vera natura dell'uomo, tra eredità e progresso spirituale”. Durante l’incontro che si terrà a Roma presso la sede dell'Ambasciata di Pace di Via di Colle Mattia 131 sabato 6 maggio dalle ore 9:30 alle ore 17.00, saranno affrontati argomenti inerenti l’origine dell’universo, se sia nata prima la coscienza o la materia, e quale sia la vera natura umana, soffermandosi poi sul perché di tanta sofferenza in questa vita. Si parlerà inoltre di come poter essere felici, e dell’incidenza del caso rispetto alle singole scelte e di come gestire a pieno la propria vita giungendo ad essere “padroni della propria anima”.

ARGOMENTI DEL PROGRAMMA

  • Evoluzione o creazione? Da dove proviene l'universo?
  • È nata prima la coscienza o la materia?
  • Qual è l'essenza della vita? Quale la vera natura umana?
  • Perché la vita è spesso soprattutto sofferenza? Possiamo essere felici?
  • Esiste il destino o tutto ciò che avviene è frutto del caso?
  • È possibile gestire la propria vita ed essere veramente "padroni della propria anima"?.

LA FEDERAZIONE DELLE DONNE PER LA PACE NEL MONDO

In Italia la WFWP “Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo” è stata inaugurata nel 1992 dalla Fondatrice e Presidente Hak Ja Han Moon e successivamente fondata nel 1994. La WFWP si basa sul principio che le donne, lavorando insieme, prendendo l’iniziativa e rafforzandosi le une con le altre al dilà di razza, cultura e religione, per creare famiglie sane, possano risolvere i problemi delle nostre società e del mondo. La WFWP lavora per offrire alle donne di tutto il mondo la conoscenza, i mezzi e il sostegno necessario per creare la pace nella propria casa e famiglia ,pace nella propria comunità, nella propria nazione e nel mondo.

Seminario

"La vera natura dell'uomo, tra eredità e progresso spirituale"

iniziativa della WFWP, in collaborazione con la UPF, come approfondimento sui Principi fondamentali della Filosofia di pace del Rev. Moon.  

Sede Ambasciata di Pace

Via di Colle Mattia 131, 00132 Roma

Sabato 6 maggio 2017  dalle ore 9:30 alle ore 17:00

Per quanti prenderanno parte all’intero programma sono previsti due coffee break e un pranzo per un costo totale pari a Euro 20 a persona. Quanti interessati sono invitati a prenotarsi entro mercoledì 3 maggio 2017 scrivendo a .

DOVE SONO FINITI I CAPOLAVORI DELL’ARTE ITALIANA? IL LIBRO DI FABIO ISMAN RACCONTA DI CAPOLAVORI FUORI DALL’ITALIA E COLLEZIONI DISPERSE

FabioIsman LItaliaDellArteVenduta CopertinaLibro

Scrigno di bellezze artistiche e paesaggistiche l’Italia, luogo di riferimento privilegiato e fonte di ispirazione per grandi nomi della letteratura e dell’arte, racchiude un patrimonio artistico senza tempo. Grazie a opere, considerate capolavori di grandi Maestri che hanno reso uniche città quali Roma, Firenze, Venezia, Milano, Napoli, Torino, Bologna e ancora Ferrara, Mantova e Pisa, l’arte italiana ha lascito un segno indelebile.

Molte opere tra dipinti, sculture, icone, codici miniati, porcellane, manufatti pregiati, appartengono a collezioni private e solo di rado in occasioni di grandi mostre diventano visibili al grande pubblico. Il collezionismo inoltre è un privilegio di pochi, come sempre meno sono i mecenati che  investono su un determinato artista. Molti capolavori inoltre non sono sul nostro territorio nazionale per questioni legate ai bottini di guerra o perché trafugate e ancora molte sono andate distrutte in seguito a conflitti, catastrofi naturali. Resta il fatto che sebbene molto ancora sia presente in musei, palazzi e chiese d’Italia, oltre che presso collezionisti, gran parte di questo patrimonio è andato perduto.

A raccontare come l’interesse per l’arte sia mutato nel corso dei secoli domandandosi il perché vi  sia sempre meno attenzione alla conservazione di tale patrimonio, e come mai a quanti abbaino commissionato per decenni non resti solo che il blasone, è il giornalista e scrittore Fabio Isman con la sua opera L ’ITALIA DELL’ARTE VENDUTA. Collezioni disperse, capolavori fuggiti (edizioni Il Mulino).

Nell’ambito della Rassegna Libri/Barberini Corsini, a cura di Silvia Pedone, dopo il successo della presentazione tenutasi lo scorso 5 aprile del libro di Luca Calenne Le “tenebre oneste” di Mattia Preti presso la sede delle Gallerie Nazionali di Arte Antica – Palazzo Barbierini, è in programma il prossimo 26 aprile alle ore 17.30 quella del citato volume di Fabio Isman alla quale sarà presente Dario Franceschini, Ministro per i beni e le attività culturali e il turismo. 

Ad introdurre l’opera e a discuterne con l’autore saranno Marco Fabio Apolloni, Augusto Gentili e Claudio Strinati.

A di là delle catastrofi causate dai conflitti, sempre irrispettosi dell’arte, o dei criminali scavi archeologici che alimentano i lucrosi mercati internazionali, molte opere di valore si trovano fuori dall’Italia e questo forse è una perdita che fa riflettere sebbene siano presenti moltissimi capolavori apprezzati in tutto il mondo. Il collezionismo d’arte è un primato italiano, ma tantissimi fra i gioielli più pregiati delle raccolte create nella penisola durante i secoli si possono ammirare ormai soltanto fuori dai nostri confini, o quando vengono prestati per qualche mostra.

NOTIZIE SULL’AUTORE Fabio Isman, giornalista e scrittore, è stato per molti anni inviato del “Messaggero”. Fra i suoi numerosi libri: “I predatori dell’arte perduta. Il saccheggio dell’archeologia in Italia” (2009) e “Il ghetto di Venezia” (2010), entrambi editi da Skira, e per il Mulino “Andare per le città ideali” (2016).

Rassegna LIBRI BARBERINI / CORSINI

a cura di Silvia Pedone

PRESENTAZIONE LIBRO

L’ITALIA DELL’ARTE VENDUTA. Collezioni disperse, capolavori fuggiti

 di Fabio Isman, edizioni Il Mulino

Gallerie Nazionali di Arte Antica – Palazzo Barberini

Via delle Quattro Fontane 13, Roma

mercoledì 26 aprile 2017, ore 17.30

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

Informazioni: tel. 06-4824184

email: ;   

UFFICIO STAMPA

Maria Bonmassar: +39 06 4825370 | +39 335 490311 |

I bambini di Roma a lezione nell’orto scolastico

Wonderland Orto 1

L’Asilo Wonderland, nella sua sede di via Prenestina, promuove il laboratorio di educazione ambientale per accrescere la sensibilità di piccoli e genitori. Un progetto formativo per offrire ai bambini l’opportunità di conoscere la natura e accrescere la loro sensibilità sui temi ambientali aiutandoli a diventare a cittadini responsabili e consapevoli. Protagonisti del Laboratorio di educazione ambientale sono proprio i piccoli della sezione primavera e dell’infanzia dell’Asilo Wonderland di Roma. Durante le lezioni, sotto la sapiente guida del maestro Luigi, dottore in scienze ambientali, i bambini imparano a comportarsi responsabilmente nei confronti della natura, del territorio e dell’acqua. L’approccio scelto è quello dello “scopro-conosco-imparo” e i temi ambientali vengono trattati utilizzando favole, giochi ed esperimenti che coinvolgono i bambini e li avvicinano in maniera semplice e divertente allo studio dell’ambiente e della natura. Nei giorni scorsi i bambini si sono trasformati in piccoli agricoltori dando vita al “fantaorto”: nel giardino dell’Asilo Wonderland di via Prenestina gli alunni hanno potuto piantare semi di fiori, basilico, fagiolini, zucchine e carote inventando un nome per ogni pianta. L’orto “metropolitano” rimarrà patrimonio della scuola e sarà curato durante l’anno da insegnanti e bambini che potranno così assistere e sperimentare in prima persona il miracolo della natura che trasforma i semini in ortaggi e verdura da mangiare. “Riteniamo - fanno sapere dalla Scuola dell’Infanzia - che questo tipo di attività sia fondamentale per la crescita dei bambini. Puntare sulle tematiche ambientali, sulla cura del territorio e della natura, sull’attenzione all’inquinamento li aiuterà a diventare cittadini responsabili e consapevoli del mondo che li circonda”.

LE CHIAMAVANO” COLONNE SONORE” Golden 70’s FRANCO MICALIZZI E I SUOI TEMI PER IL CINEMA

locandina CONCERTO 28 aprile a Roma

Tra gli autori di colonne sonore che hanno saputo dare vita ad atmosfere musicali intense e d’ampio respiro per film indimenticabili, contribuendo a decretarne il successo, FRANCO MICALIZZI è tra quelli che hanno saputo esaltare attraverso la combinazione di ritmi e melodie le emozioni dei personaggi tra rabbia e gelosie, entusiasmo e passione, giustizia e vendetta.

A decretare il successo dei grande Maestro Micalizzi fu l’indimenticabile film con Terence Hill e Bud Spencer “Lo Chiamavano Trinità” del 1970 che riscosse un successo strepitoso sia in Italia, sia all’estero, inaugurando l’inizio di una nuova serie di Western all’italiana. Seguono i successi con la colonna sonora per “L’ultima neve di primavera “, del 1974 il cui tema conduttore balza ai primi posti delle hit parade internazionali, e per la serie di film polizieschi, i cui temi verranno ripresi dallo stesso Maestro con la Big Bubbling band formata nel 2005.

LE CHIAMAVANO ”COLONNE SONORE” Golden 70’s FRANCO MICALIZZI E I SUOI TEMI PER IL CINEMA

locandina CONCERTO 28 aprile a Roma

Tra gli autori di colonne sonore che hanno saputo dare vita ad atmosfere musicali intense e d’ampio respiro per film indimenticabili, contribuendo a decretarne il successo, FRANCO MICALIZZI è tra quelli che hanno saputo esaltare attraverso la combinazione di ritmi e melodie le emozioni dei personaggi tra rabbia e gelosie, entusiasmo e passione, giustizia e vendetta.

A decretare il successo dei grande Maestro Micalizzi fu l’indimenticabile film con Terence Hill e Bud Spencer “Lo Chiamavano Trinità” del 1970 che riscosse un successo strepitoso sia in Italia, sia all’estero, inaugurando l’inizio di una nuova serie di Western all’italiana. Seguono i successi con la colonna sonora per “L’ultima neve di primavera “, del 1974 il cui tema conduttore balza ai primi posti delle hit parade internazionali, e per la serie di film polizieschi, i cui temi verranno ripresi dallo stesso Maestro con la Big Bubbling band formata nel 2005.

TENTATA RAPINA AL SUPERMERCATO EMMEPIU’ DI SAN PAOLO

rapina emmepiu

Oggi 21 aprile, a Roma, intorno alle 15.30, un uomo ha cercato di rapinare le casse del supermercato Emmepiù di via Chiabrera nel quartiere di San Paolo.

Fortunatamente, grazie alla prontezza del personale, uno dei dipendenti è riuscito a bloccare il malfattore ed evitare il peggio, tuttavia l’uomo è riuscito a fuggire prima dell’arrivo dei Carabinieri della Stazione Roma San Paolo, accorsi immediatamente sul posto dopo la segnalazione.

Arrivata prontamente anche un’ambulanza per soccorrere la cassiera in stato di shock minacciata con una lama per unghie dall’aggressore.

Secondo una prima ricostruzione, sembrerebbe che l’ assalitore avesse come arma solo la lama e, dopo lo scontro dove ha avuto la peggio, oltre a non essere riuscito a portare via nulla, ha anche lasciato lo zainetto che aveva con sé.

In via Gaspare Gozzi, hanno ritrovato anche la sua giacca.

Sulla vicenda ora saranno aperte le dovute indagini, ma, paura a parte, tutto è andato per il meglio.

IL TRIONFO DELLA VITA TRA ELEGANZA E ARMONIA NELLE FIGURE FEMMINILI DI MILENA PETRARCA IN MOSTRA A NETTUNO PRESSO LA CANTINA BACCO

1660882 605801646164424 7615356411411560778 n

Artista di fama internazionale che con disinvoltura si muove tra tematiche legate all’universo femminile e ai diversi aspetti della realtà tra paesaggi e scenari naturali, sospesi tra mito e sogno, verità e speranzaMilena Petrarca non è soltanto una pittrice di fama internazionale, ma anche poetessa di grande sensibilità, scultrice, stilista e ritrattista che con la sua creatività dona ogni volta emozioni che durano nel tempo, legate all’uomo e alla sua vita sospesa tra gioie e malinconie, passioni e speranze.  Figlia d’arte, essendo la madre Maria Panetty Petrarca drammaturga, autrice di opere teatrali, canzoni napoletane, Milena Petrarca, nata a Pozzuoli, ma attiva tra Latina, Napoli, Roma e New York ha esposto con grande successo in Italia e all’estero ottenendo prestigiosi riconoscimenti. Tra le più note promotrici della cultura del Mezzogiorno in tutto il mondo, è organizzatrice di eventi a carattere storico-culturale come il Premio internazionale Magna Grecia Latina-New York istituito nel 1995 con l’approvazione di Rocco Caporale e di Mario Fratti direttore della Magna Grecia a New York e quello dedicato al Cinquecentenario di Cristoforo Colombo che le è valso il riconoscimento “Artistic Achivement Award Gallery”. La sua ricerca che si sofferma sulla forza del colore e della luce che ad esso da origine mira a cogliere l’infinito che appartiene alla natura cui si rivolge lo sguardo dell’uomo con le sue gioie e speranze, le sue angosce e nostalgie. Energia visiva ed emotiva si coniugano entro le rappresentazioni di Milena Petrarca dove protagoniste accanto alle figure femminili raffinate ed seducenti calate in un contesto quasi onirico, sono le nature morte e i paesaggi e il lungo mare dai colori luminosi e intensi, tra cui spiccano le vedute di Napoli, e le coste laziali del Circeo, Anzio e Nettuno.

Cosa bolle in provincia?

pot 820012 1280

In un contesto prettamente provinciale, al calar delle tenebre, non possiamo solamente preoccuparci della tossicodipendenza; dapprima quel che allarma è insito alla maniera di procacciarsi denaro per acquisire la droga per l’appunto, cioè rubando d’istinto o con premeditazione, e peggio ancora se a esigerla è un soggetto che si professa donna in tenerissima età, fino a sentirsi sessualmente acconsenziente all’eccesso, negli abissi di un ritrovo materialmente tendenzioso, avente a che fare con della compravendita che non passa mai in giudicato, che influenza alle spese dell’educazione come della cultura che non vengono più imposte né tantomeno promosse.

Sottoscrivi questo feed RSS

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.romacapitalemagazine.it/home/modules/mod_weather_gk4/helper.php on line 408

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.romacapitalemagazine.it/home/modules/mod_weather_gk4/helper.php on line 409

Roma