RRC1

Silvana Lazzarino

Silvana Lazzarino

URL del sito web:

EVOLUZIONE: LE INCISIONI DI ALESSANDRO MONTESI

A.Montesi2 2

 Precisione e cura nella resa di rappresentazioni dove le figure vengono descritte con attenzione ai dettagli in virtù di un percorso di studi dedicati all’incisione presso la Zecca e Poligrafico dello Stato, ALESSANDRO MONTESI (Roma, 24 settembre 1951), figlio d’arte e nipote di Rossana Montesi vincitrice di una delle edizioni dei Cento pittori di Via Margutta, è protagonista di una suggestiva esposizione presso i nuovi spazi espositivi della Sala da Feltre- Open ART. La mostra personale, EVOLUZIONE, la prima dell’artista, che inaugura giovedì 23 marzo a partire dalle ore 19.00 presenta circa 20 opere tra dipinti, disegni e studi per incisioni.

I segreti e le tecniche dell’arte incisoria sono da lui appresi grazie all’incontro con Cionini primo incisore della Banca d’Italia conosciuto come il “Maestro delle Banconote”. Frequentando il suo studio per diverso tempo non appena preso il diploma, Alessandro Montesi dimostrava sempre più capacità nel creare disegni e elaborate composizioni con il bulino dando vita a delle vere e proprie opere d’arte che riprodotte in serie sono diventati dei multipli. Vanno citati gli splendidi clichés delle carte monete dei vari tagli della Lira. Montesi collaborò come incisore per la famosa ditta di medaglisti della famiglia Johnson con sede a Milano che realizzò numerosi modelli di medaglie di Alessandro. Realtà e fantasia si intrecciano nelle sue opere dove non mancano aspetti visionari. Alchimie caravaggesche e elementi surrealisti propri di Salvator Dalì emergono dalle sue rappresentazioni come anche raffinati elementi simbolici. Precisione e capacità nel cogliere le espressioni dei volti definiscono i ritratti con cui fa emergere l’essenza del personaggio che ha di fronte. Si avvicina in parte a Guttuso per la cura nei dettagli decorativi, i contorni ben definiti e un cromatismo vivace.

EVOLUZIONE

Mostra personale di Alessandro Montesi

c/o Sala da Feltre- Open ART

Via Benedetto Musolino, 7 Roma (Orti di Trastevere)

Orario: dal lunedì al venerdì 9-13/14-17

Inaugurazione giovedì 23 marzo 2017 ore 19.00

23 marzo – 23 aprile 2017

Ingresso libero

L’ELEGANZA E RITMO CON “PIROUETTE” L’INSTALLAZIONE DI VALENTINA PALAZZARI ALLA SALA SANTA RITA

image002

I linguaggi dell’arte contemporanea sempre più espressivi grazie all’utilizzo di materiali presi a prestito dalla quotidianità,  restituiscono un nuovo modo di creare interazione tra l’opera d’arte e lo spazio ad essa circostante. Spesso l’opera d’arte trova il suo significato più autentico proprio perché inserita entro un certo contesto con cui si armonizza per aprire a nuove ipotesi di rappresentazioni: è il caso di installazioni a carattere ambientale spesso destinate ad un determinato spazio che grazie ad esse acquista un nuovo impatto visivo. Presso la Sala Santa Rita a Roma lo scorso 5 marzo si è aperto un ciclo di mostre che si sono concentrate proprio sulla varietà e originalità dei linguaggi dell’arte contemporanea, dando particolare risalto a progetti ambientali e site specific realizzati dentro lo spazio di questo complesso. Dopo la mostra dell’artista ucraino Aljoscha che ha presentato il lavoro “A notion of cosmic Teleology” (5-13 marzo) e l’installazione “30 metri. Auto-Bio-Grafia” ricostruita con la parola scritta ad opera del giovanissimo Petar Pitocco (16-21 marzo), il ciclo di rassegne si chiude con l’opera ambientale  della famosa artista Valentina Palazzari che presenta “Pirouette” dove vengono messi in rapporto diversi materiali utilizzati in ambito edile per dare vita ad una struttura ascensionale e dinamica simile ad una giravolta.

PATRIZIA CANOLA: TRA I PROTAGONISTI DELLA TRIENNALE DI ARTI VISIVE A ROMA CON IL DIPINTO “FUTURO”

Futuro Olio su Tela 100 x 100 2 1

Straordinaria interprete degli orizzonti fisici e metafisici della natura che lega a sé il passato e il presente, protesa verso un futuro ancora in divenire, Patrizia Canola, artista di fama internazionale restituisce nei suoi dipinti dai colori intensi e avvolgenti desideri e nostalgie, stupore e speranza e quella gioia di vivere che come luce affiora in trasparenza in ogni sua rappresentazione sia che racconti di paesaggi diurni o notturni, tra boschi e marine, sia che tratti di nature morte, piazze, o contesti legati al pensiero dell’uomo proiettato a guardare dentro di sé e al proprio domani.

Con 40 anni di carriera, e numerose mostre in Italia e all’estero, tra cui le più recenti: “Nel respiro di Gaia. La Madre Terra” a Gualdo Tadino nello Spazio Store di San Benedetto, Verdi Off” a Parma per il Festival di Verdi eArt Walk” a Palazzo Zenobio Venezia, Patrizia Canola, è tra gli artisti selezionati per l’ESPOSIZIONE TRIENNALE DI ARTI VISIVE A ROMA giunta alla terza edizione, che sarà inaugurata il 1 aprile 2017 presso il Complesso del Vittoriano di Roma da Daniele Radini Tedeschi noto critico d’arte e Achille Bonito Oliva, teorico della Transavanguardia e riconosciuto come il più importante curatore d’arte contemporanea.

SPAZIO E MATERIA VERSO UNA NUOVA DEFINIZIONE NELLE INSTALLAZIONI DI MATTEO NEGRI IN MOSTRA A MILANO ALLA LORENZELLI ARTE

PianoPiano 2017 1

Nel colore, nelle sue infinite possibilità espressive a suggerire nuovi modi di percepire il rapporto tra forme e spazio, Matteo Negri, classe 1982, scultore con all’attivo mostre di successo in Italia e all’estero, trova l’elemento chiave per restituire ai suoi lavori una visione innovativa, talora distante dall’effettivo ruolo che quell’oggetto ricopre abitualmente. A dare altro volto a questi oggetti, o elementi di forte impatto visivo con cui suggerisce installazioni ambientali, è proprio il colore forte, ed intenso di stampo pop usato ad esempio per le mine sotterranee in ceramica smaltata che lontane dal loro effetto violento, diventano simili ad insoliti gioielli.

Sottoscrivi questo feed RSS

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.romacapitalemagazine.it/home/modules/mod_weather_gk4/helper.php on line 408

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.romacapitalemagazine.it/home/modules/mod_weather_gk4/helper.php on line 409

Roma