Ascensore e montascale: come compiere la scelta giusta per la propria abitazione

Ascensore e montascale: come compiere la scelta giusta per la propria abitazione

Vivere in una casa accessibile comporta tanti vantaggi per ogni inquilino. Ci si può spostare ai piani alti con facilità, si possono trasportare oggetti pesanti senza sforzi e, in presenza di persone con disabilità o con problemi motori, viene assicurata autonomia negli spostamenti.  In commercio ci sono molteplici dispositivi per la mobilità, realizzati per diverse esigenze. La scelta giusta per la propria abitazione dipende dagli spazi, dalle necessità e dal gusto personale.


Ascensore: pro e contro

L’ascensore è un elemento che richiede uno spazio di 70 centimetri di larghezza e 1 metro e 25 di profondità nella formula più compatta. Se si scelgono invece modelli più tradizionali lo spazio aumenta e bisogna anche considerare che c’è bisogno di una fossa per contenerlo. Il contro dell’ascensore quindi è quello della necessità di spazio, e che sono richiesti particolari interventi edilizi ma ha una serie di pro da non sottovalutare. Per prima cosa l’impianto di sollevamento non va ad ingombrare le scale, ma ha una propria autonomia. Consente di caricare in tutta sicurezza un eventuale ausilio motorio, come la carrozzella, e assicura un’autonomia totale a persone con disabilità.

Gli ascensori possono essere esterni e interni. La scelta dipende da chi usufruirà del servizio, dai gusti personali e dalla struttura della casa: se ad esempio ci si trova in un edificio storico, è difficile poterlo installare all’interno per via degli spazi e del pregio e spesso si ricorre ad una soluzione esterna. Per non commettere errori può essere utile consultare delle guide online per confrontare le diverse soluzioni per la propria casa. Su siti specializzati come https://alfaelevatori.it/ sono disponibili informazioni utili per scoprire le differenze tra modelli, misure e possibilità di installazione. Non vanno sottovalutati i costi da sostenere.

Gli ascensori sono sicuramente più costosi del montascale, anche perché l’installazione richiede una spesa rilevante i lavori in muratura che servono alla creazione della struttura in cui si muove la cabina. L’ascensore però conferisce valore alla casa, rappresenta un investimento che dura nel tempo e che ha un riscontro anche economico.

Montascale: pro e contro

Il montascale è un impianto di mobilità che si installa direttamente sulle scale e ne segue perfettamente il percorso. Si può realizzare su misura per ridurre al massimo l’ingombro e alcuni modelli sono anche richiudibili, non andando ad intaccare i gradini. Per le persone con disabilità, si può acquistare il servoscala, che a differenza del montascale ha una pedana rigida per accogliere in sicurezza la carrozzella e una barra di chiusura per evitare qualsiasi tipo di rischio. Come il montascale, è dotato di un sistema richiudibile, che lo rende poco ingombrante. La scelta del montascale è perfetta per case a due piani e con scale molto ampie ed è pensato principalmente per persone anziane o con ridotta capacità motoria. Ha un costo inferiore all’ascensore, non richiede interventi sulla struttura dell’abitazione ed è un impianto facilmente rimovibile. Ha però una capienza ridotta rispetto all’ascensore ed è più lento.

Detrazioni fiscali

Fino al 31 dicembre 2021 è possibile recuperare la metà dell’investimento per l’installazione dell’ascensore grazie al cosiddetto Bonus Ristrutturazioni. L’agevolazione prevede un rimborso del 50% della spesa per l’acquisto e l’installazione di impianti che facilitano la mobilità e che hanno l’obiettivo di abbattere le barriere architettoniche. Con la legge di bilancio 2021 inoltre se nell’edificio nel quale si sta installando l’ascensore si stanno effettuando lavori di efficientamento energetico, come cappotto termico e installazione della pompa di calore, l’installazione dell’ascensore o montascale può rientrare nel Bonus Casa 110% come intervento trainato. In questo caso il recupero delle spese è quasi totale. L’agevolazione è stata estesa anche al prossimo anno. Il bonus è valido per tutti i lavori eseguiti entro il 30 giugno 2022.

Manuela Rella

Manuela Rella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *