logorcb

updated 2:03 PM CEST, Oct 13, 2019
Attualità

Attualità (325)

Roma: primo incontro dell’AREP con i cittadini dei PEEP/pdz

affrancazione emendamento 1In 9 ottobre presso la chiesa di San Enrico nella zona di Casal Monastero si è svolto il primo incontro organizzato dall’AREP  - Associazione Regionale Edilizia Peep - con tutti i cittadini di Roma e del Lazio interessati alle problematiche PEEP/PdZ. dove è stato esposto un programma basato sulla tutela l’assistenza dei diritti e la partecipazione.

A tale incontro hanno partecipato numerosi cittadini coinvolti nelle problematiche relative alla trasformazione e affrancazione dei loro appartamenti e a tutte le problematiche ad esse sottese.

In tale occasione che vuole essere la prima di una serie di iniziative sul territorio hanno partecipato Professionisti del settore che hanno cosi avuto modo di illustrare e rispondere alle domande ed ai dubbi che i singoli cittadini sono costretti a subire

L’associazione AREP,  da poco costituita, ha avuto modo di portare a conoscenza dei partecipanti tutte le  iniziative che sta portando avanti dinanzi all’Amministrazione capitolina volte a creare un canale collaborativo con le Istituzioni per fornire un supporto concreto alla possibile risoluzione di un problema che coinvolge tante famiglie.

L’iniziativa dell’AREP è principalmente quella di dialogo con la parte tecnica dell’Amministrazione per creare un proficuo binario al fine di una corretta valutazione delle istanze dei Comitati di quartiere.

Frecciarosa 2019: salute e prevenzione viaggiano in treno

frecciarosaDall’1 al 31 ottobre torna Frecciarosa, l'iniziativa promossa dal Gruppo FS Italiane e dall’Associazione IncontraDonna Onlus, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero della Salute e la partecipazione di Farmindustria.

Combattere il tumore al seno, sensibilizzare alla cultura della prevenzione e promuovere la salute di tutta la famiglia attraverso corretti stili di vita: questi gli obiettivi di Frecciarosa 2019, che rientra fra le attività dell’Ottobre Rosa, mese dedicato alla prevenzione delle malattie femminili.

Etichettato sotto

Il dialogo del Festival Francescano conquista Bologna: oltre 60mila presenze

Dialogo francescanoA Bologna in questi tre giorni migliaia di persone si sono fermate a riflettere sull'importanza del dialogo: Piazza Maggiore e Piazza Re Enzo gremite per assistere agli oltre 100 appuntamenti del Festival Francescano, molti di questi da tutto esaurito. Soddisfatti gli organizzatori: "Undici anni di Festival Francescano sono sinonimo di una manifestazione attesa e consolidata, che continua a sviluppare stimoli e partecipazione". Il prossimo anno, sempre a Bologna, si parlerà di economia

Etichettato sotto

Roma: seminario di approfondimento in materia bancaria con l'avvocato Roberto Di Napoli

seminariioSeminario di approfondimento in materia bancaria con intervento dell'avvocato Roberto Di Napoli

Il 27 settembre presso la Libreria Medichini si è svolto un seminario di approfondimento in materia bancaria avente ad oggetto la tematica, sempre di grande attualità, relativi i vizi dei contratti di mutu

Tale seminario dal titolo “ Le contestazioni invalidanti i contratti di mutuo – Vizi nella pattuizione del piano di rimborso alla francese “ ha visto la presenza autorevole dell’Avvocato Roberto Di Napoli divenuto un esperto di questa materia molto attuale, che interessa migliaia di famiglie e non solo, nonché autore di varie pubblicazioni di notevole pregio.

A tale evento di formazione professionale erano presenti come relatori l’Avv. Daniele Rossi che ha trattato nel suo intervento la tematica dei mutui fondiari, il Dott. Francesco Olivieri che è intervenuto per approfondire i temi relativi ai piani di ammortamento in particolare su quello cd. alla francese anche in considerazione sulle nuove pronunce in tal senso e la Dott.ssa Pietrella commercialista- curatrice fallimentare che ha svolto sia ruolo di moderatrice intervenendo sui vari argomenti anche in virtù delle sue competenze oltre ad approfondire alcuni argomenti in ambito fallimentare.

Il convegno è stata anche l’occasione della presentazione, a firma Roberto Di Napoli e Daniele Rossi, del libro “le contestazioni invalidanti i contratti mutuo” (Revelino editore)

 STEFANO DI SANTO

TELEFONO AMICO ROMA: «QUASI 2 MILA RICHIESTE DI AIUTO IN UN ANNO»

TelefonoAmico 1 650x445L’organizzazione di volontariato Telefono Amico Italia, che da oltre 50 anni si prende cura delle persone che hanno bisogno di essere ascoltate, cerca nuovi volontari a Roma. «Il nostro servizio è attivo 365 giorni all’anno dalle 10 alle 24, ma vogliamo renderlo ancora più capillare ed efficace».

«Nel 2018, grazie al prezioso supporto di 20 volontari, abbiamo gestito quasi 2 mila richieste di aiuto, offrendo supporto, ascolto e attenzione a tante persone in difficoltà, ma per rendere il nostro servizio ancora più efficace e capillare abbiamo bisogno di ampliare il nostro team di “ascoltatori solidali”». A renderlo noto è la presidente di Telefono Amico Roma Monica Silvestrini, che traccia il bilancio dell’ultimo anno di attività del centro di ascolto e lancia un appello per la ricerca di nuovi volontari.  

«La maggior parte delle persone che quest’anno si sono messe in contatto con noi – aggiunge – ha chiesto supporto e ascolto ai nostri volontari per problemi connessi all’area del sé (64%), parlando di solitudine o di altri disagi esistenziali, ma abbiamo ricevuto numerose chiamate anche per problemi legati alle relazioni con gli amici, il partner, la famiglia o i colleghi di lavoro. Le richieste di aiuto sono arrivate principalmente da uomini (61%) con età compresa tra i 46 e 65 anni (53%)».

Attivo dal 1956 Telefono Amico Roma è uno dei 20 centri territoriali di Telefono Amico Italia, organizzazione di volontariato che si prende cura, al telefono e via mail, delle persone che hanno bisogno di aiuto, garantendo il totale anonimato.  «A livello nazionale nell’ultimo anno abbiamo raccolto e gestito circa 50 mila richieste di sostegno, offrendo quasi 9mila ore di assistenza telefonica e ascolto», spiega la presidente nazionale Monica Petra.

Il servizio di ascolto di Telefono Amico – raggiungibile attraverso il numero unico 199.284.284 o attraverso la compilazione di un form anonimo sul sito – è attivo 365 giorni all’anno dalle 10 alle 24.

«L’attività dei nostri volontari – sottolinea la presidente di Telefono Amico Italia – è molto delicata, per questo è previsto un corso teorico-pratico obbligatorio di circa 6 mesi finalizzato a fornire a coloro che vogliono intraprendere questo percorso gli strumenti principali per instaurare e gestire una relazione di aiuto, sia nella dimensione dell'emergenza che in quella dell'abitualità». I volontari, in particolare, rispondono alle telefonate e alle e-mail delle persone che hanno bisogno di aiuto, offrendo supporto attraverso l’ascolto empatico, il dialogo e la valorizzazione delle risorse interiori con l’obiettivo è restituire benessere emozionale alle persone in difficoltà, senza mai esprimere giudizi e garantendo il totale anonimato.

«Essere di supporto a chi vive momenti difficili non è affatto semplice – racconta Antonio, storico volontario di Telefono Amico Italia – In alcuni casi si fa fatica a trovare parole di conforto, ma spesso chi vive un dolore molto inteso trae sollievo anche dal solo fatto di sentirsi capito e ascoltato. Sono molto felice di offrire a chi sta male un piccolo aiuto: facendo del bene, ci si sente davvero bene». 

Governo: nasce il Conte bis, i ministri hanno giurato al Quirinale

 

governoIl governo Conte ha giurato al Quirinale, nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella: è dunque nella pienezza dei poteri. Al termine del giuramento, Mattarella e Conte hanno lasciato il tavolo e hanno raggiunto i ministri, per la foto di rito.

 Conte ha giurato per primo e ha firmato con la propria penna, che ha estratto dal taschino della giacca, e non utilizzando quella a disposizione sul tavolo. Conte, e come lui tutti i ministri, ha pronunciato la formula del giuramento, che è: "Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo della Nazione".

Il primo ministro a giurare è il stato ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà. A seguire tutti gli altri. Alfonso Bonafede, confermato titolare della Giustizia, giura da ministro con la mano sul cuore davanti al presidente della Repubblica.

Conte, dopo il giuramento, è giunto a palazzo Chigi, accolto nel cortile dal picchetto d'onore. Il presidente del Consiglio ha suonato la campanella, nel tradizionale passaggio che precede il primo Consiglio dei ministri di ogni nuovo governo. Il premier, che succede a se stesso, è stato accolto a Palazzo Chigi dal segretario generale Roberto Chieppa, che poi gli ha passato la campanella, che da tradizione viene consegnata da un premier all'altro. Insieme a lui anche il sottosegretario uscente alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti e Riccardo Fraccaro che gli succede a Palazzo Chigi. Tra i due una stretta di mano.

"Buon lavoro e auguri al nuovo Governo e a tutti i Ministri! Ora cambiamo l'Italia". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti, che ha assistito al giuramento del nuovo governo dal suo ufficio in Regione Lazio

Etichettato sotto

Carabiniere ucciso dai ladri a Roma, 4 interrogati: 2 presi in hotel a Prati.

mario cerUn carabiniere  di 35 anni, Mario Rega Cerciello, vicebrigadiere, è stato ucciso a Roma mentre tentava di fermare due ladri che avevano derubato una donna. Un altro è rimasto ferito. L'episodio è avvenuto in pieno centro a Prati. Sono ricercati ed è in corso una gigantesca caccia all'uomo. Sono almeno quattro le persone che si trovano nella caserma dei carabinieridel Nucleo Investigativo di Roma per essere ascoltati nell'ambito delle indagini sulla morte del vice brigadiere dei carabinieri. Non si esclude che nelle prossime ore possano essere ascoltate anche altre persone.

Etichettato sotto

Asilo via Aquilanti, viaggio nel nido della discordia

 Roma Capitale Magazine si è recata presso la struttura al centro delle polemiche per una serie innumerevole di problematiche strutturali e organizzative. Non solo il caldo asfissiante, ma anche barriere architettoniche e dieta discutibile per i bimbi iscritti.
Le disgrazie non vengono mai da sole.

Ne è l’esempio lampante l’asilo nido ubicato in Via Francesco Aquilanti, nel quartiere Massimina a Roma. Una struttura nata con i migliori auspici ma già piena di problematiche di svariato genere. Da quelle strutturali a quelle organizzative, di cui ci siamo occupati in un articolo precedente.
Ci siamo recati qualche giorno fa presso l’istituto per comprendere con i nostri occhi le criticità in cui sono coinvolti decine di bambini e di famiglie.

Nido di via Aquilanti, un papà: “Una struttura nuova ma piena di problemi. Il Comune ci ascolti”

 Caldo d’estate e freddo d’invero sono solo l’apice di una struttura nata sotto un destino piuttosto triste. Gabriele, padre di due bimbe iscritte in quella scuola, ci racconta quanto si nasconde dietro il nido di Massimina in un’intervista esclusiva per Roma Capitale Magazine.
Ha fatto molto scalpore il caso di un asilo nido, ubicato in via Francesco Aquilanti nel quartiere Massimina nel Municipio XII. Una struttura inaugurata solo due anni fa ma già piena di problematiche strutturali e organizzative. Caldo tropicale in estate, con conseguenti malori, e freddo pungente d’inverno sono solo la punta dell’iceberg, ma dietro c’è molto altro. A rimetterci, come al solito, genitori, bambini, insegnanti e addetti ai lavori, che nonostante mail, telefonate e file agli sportelli del Comune e della ASL, non ricevono risposte concrete. Per capirne di più abbiamo voluto contattare uno dei numerosi papà che hanno i figli iscritti presso questo asilo nido. Si chiama Gabriele Lago, candidato alle ultime elezioni municipali, padre di due bambine che frequentano la struttura di via Aquilanti.

Gabriele, ci può raccontare innanzitutto come è sorto questo asilo nido?
Questo nido è un progetto vecchio, forse c’era ancora Rutelli come sindaco di Roma. Il progetto nasce come palestra, poi trasformato in un asilo nido. È stato inaugurato dalla Sindaca Raggi due anni fa con grande piacere da parte nostra. Però poi, mano a mano, sono usciti fuori problemi, e non pochi.

Caos Ediliza Agevolata, l’appello di una venditrice: “Il Comune si sbrighi”

 Nonostante alcune misure adottate dalla politica, come l’istituto dell’affrancazione per rimuovere il vincolo del prezzo calmierato dall’immobile, il Comune di Roma procede a rilento sull’argomento, gettando nello sconforto le centinaia di migliaia di famiglie di venditori ancora alle prese con una vera e propria beffa.
Roma Capitale Magazine torna ad occuparsi del Caos Edilizia Agevolata a Roma, venutosi a creare a seguito della Sentenza a Sezioni Unite della Corte di Cassazione numero 18135 del 2015.

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore