logorcb

updated 10:34 PM CET, Feb 21, 2020

Misteri in caduta libera

Paradise Lost 12

Un’infermiera è al centro di un procedimento disciplinare dell’Asl di Treviso perché sospettata di aver finto di vaccinare molti dei bambini portati al suo ambulatorio, buttando via le fiale dopo averli però registrati. I colleghi si erano insospettiti perché i bimbi non piangevano durante l’iniezione. Il caso era stato segnalato nel giugno 2016 ai Nas e alla Procura, ma il mese scorso il Gip su richiesta del Pm lo aveva archiviato. L’Asl ha avviato una campagna di richiamo che riguarderebbe circa 500 piccoli pazienti.

Nella notte tra il 4 e il 5 marzo a San Severo (Foggia) dei colpi d’arma da fuoco hanno raggiunto due automezzi della polizia del reparto Prevenzione & Crimine, inviati dal Governo per un controllo rafforzato del territorio foggiano, a seguito di numerosi episodi di criminalità verificatisi. A sparare sui mezzi parcheggiati dinanzi a un hotel è stata una sola persona alla guida di una vettura risultata rubata. “E’ in atto una vera e propria guerra alla città, ma anche un’azione pericolosa contro lo Stato e le istituzioni” ha denunciato il sindaco, Miglio. Per il questore di Foggia poteva trattarsi di una vendetta per l’inasprirsi dei controlli, ma non ha escluso legami con la questione del “Gran Ghetto”, il discutibilissimo luogo d’accoglienza per i rifugiati.

Andiamo più a “fondo”? La mattina del 16 marzo invece, è stata a dir poco avvertita un’esplosione all’apertura di una busta presso la sede del Fondo Monetario Internazionale, a Parigi. Una persona è rimasta ferita alle mani e al viso, trattasi di un’assistente della direzione. Evacuate per precauzione numerose persone. Per l’oramai ex presidente francese Hollande si è subìto un attentato, ovviamente la numero uno del Fmi Christine Lagarde ha condannato l’atto di violenza.

Allarme bomba anche alla Casa Bianca. Tre giorni dopo il fattaccio raccontato precedentemente, un’auto si sarebbe diretta verso un check point nella notte, col guidatore a sostenere di avere dell’esplosivo a bordo, secondo quanto riferito da due funzionari di polizia della Cnn. Il conducente sarebbe stato messo prontamente sotto custodia e l’auto controllata. Nonostante l’indefinibilità del caso sono state potenziate le misure di sicurezza alla Casa Bianca, e chiuse alcune strade nelle vicinanze.

Il recente voto referendario in Turchia non è risultato all’altezza degli standard internazionali. Lo hanno affermato gli osservatori dell’Osce, aggiungendo che la Commissione elettorale turca è stata talmente decisiva sull’ammissione delle schede non timbrate d’aver minato alle garanzie contro le frodi. Sempre secondo l’Osce, il referendum, che ha ampliato i poteri del presidente Erdogan, è stato condotto in condizioni di disparità tali che la campagna di voto si è rivelata iniqua, con limitazioni alle libertà fondamentali. Sul giudizio dell’Osce si è pronunciata la Casa Bianca praticamente all’istante, col portavoce Spicer che ha dichiarato “Attendiamo il rapporto”.

Gabriele Del Grande è in Italia. Il reporter italiano detenuto per diversi giorni in Turchia è tornato atterrando a Bologna con un aereo della Turkish Air Lines. Il giornalista, accolto dal ministro degli Esteri, Alfano, è stato immediatamente accompagnato in una saletta riservata dell’aeroporto dove ha riabbracciato la compagna e gli altri familiari. Del Grande, fermato senza un’accusa precisa, aveva iniziato lo sciopero della fame per protesta. Soddisfatto Alfano, dopo una notte a suo dire passata a lavorare realmente, silenziosamente, per il bene di Del Grande. 

Ultima modifica ilGiovedì, 27 Aprile 2017 17:50
Altro in questa categoria: « Polemiche politiche Si può fare ? »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore