RRC1

Se la disperazione è il nostro forte

1280px Michelangelo giudizio universale dettagli 38

Qualche mese fa il papà di una ragazza che stava sull’altare a dire “Sì, lo voglio!” al suo compagno di una vita contemporaneamente ha pensato ch’era opportuno svuotare le casse di un ente creditizio, e magari minacciando di morte chi l’avrebbe ostacolato, per saldare il conto relativo ai festeggiamenti successivi al matrimonio della sua creatura…!

Rimanere soddisfatti di qualcosa peraltro è lo scopo che ci dovremmo prefiggere al sorgere del sole, ma in mezzo alla gente, preferibilmente con una creatività per mezzo della quale agire per non passare come dei malintenzionati; e nella normalità che solleciti a mirare in alto, stabilendo il motivo per cui debba battere il cuore, una passione che non debba pregiudicare la buonafede di taluni.

Serve assolutamente un progetto per tenere a bada del denaro, liquido preferibilmente, affinché una dote, perlopiù imprenditoriale, si radichi in un determinato posto.

Ma in presenza di un dettame morale che venga assorbito da forme di finanziamento adeguabili alla creazione di un insieme di vaste produzioni che intensifichino la società senza inquinarla; non auspicando più forsennatamente la difesa delle fasce sociali più deboli, così tanto da deteriorare chissà quale carta dei diritti.

Aumentano i casi di molestia straordinaria, e ciò è dovuto anche da un processo d’immigrazione impossibile oramai da spiegare in poche parole e nei panni di un esecutivo nazionale come pochi ma che viene poco considerato dall’Europa ancora convinta d’essere compatta; in balia di un qualunquismo incomprensibile, tendente all’opinione pubblica in modo esasperante, non potendo possedere una valida ragione.

Per garantire l’autenticità di un linguaggio urgono mezzi di comunicazione da utilizzare sinceramente, altrimenti la miseria straripa e non si riuscirà mai a riemergere.

Al precariato si lanciano guanti di sfida da posizioni che addirittura lo rievocano sin dal principio, perché non vi sono delle basi solide per soddisfare i bisogni primari, senza contare che l’accoglienza del diverso la si caratterizza se presi alla leggera.

La varietà umana viene esposta quando si è certi di avere del tempo libero, d’ammazzare facendo gl’illusionisti con le gravose questioni, e meglio se non travolti dall’entusiasmo che aleggia in periferia, in occasione delle ricorrenze cristiane, quando gli alti e bassi d’umore diventano incontenibili per chi ha scelto di stare in disparte; a rammendare la divisa di lavoro con quel minimo di buonsenso provato da competenze sballate, nonostante il massimo della tecnica ancora da sprigionare.

Facendo affari col calcolo delle probabilità si assapora il domani, ma il brevetto per cotanta roba non esiste, ignari sempre più della geografia degli eventi.

Se si vuol iniziare un’avventura occorre apprendere le regole del divertimento, e invece si studia assiduamente per sancire dei pericoli, alterando così la psiche, che soffre in primis della disconoscenza di uno e più luoghi malamente amministrati.

In realtà non si può assolutamente decifrare un potenziale dominio, men che meno aprire le porte a quel che passa… portatore eventuale di lucidità più che nuova, e presso prodotti di pelle e ossa controcorrente, lesti a sviluppare delle capacità ricavabili sapendo riciclare vittorie dimenticabili, colte lungo le vie percorse dai terroristi.

L’errore lo si fa stando al centro dell’attenzione, elaborando il contatto popolare, lungi dalle teorie che la politica non smette di annientare.

Le opportunità si smarriscono a seguito dell’attivismo di chi ci rappresenta, se buono solo nella sostanza, dato uno Stato misterioso, che tornerebbe in auge con gli 007, ma che non smette di diffidare di ogni umana alternativa… effettivamente stiamo in posa dacché messi allo scoperto come ad avvantaggiare soggetti sconosciuti, che non si fanno seghe mentali, alla riprova per giunta dell’irrilevanza delle veritiere descrizioni.

Per contare molto devi subire percosse ripetutamente, specie all’ultimo grado di giudizio, consapevoli che per salvaguardare un utile d’impresa i lavoratori ne fanno le spese tragicamente, scaricando nell’anonimato civile piani industriali privi di piani d’investimento interni.

Vada l’atmosfera di solidarietà, purché siano state tracciate delle vie per cominciare a ripulire il sistema e rendere efficaci le decisioni popolari; responsabilizzando e alla grande le nuove generazioni, che per esempio si devono scandalizzare dinanzi al mancato vaglio della giustificazione riguardante l’arresto di presumibili boss, da parte di uno sputasentenze!

Per assicurare sulla vigilanza c’è bisogno di rimpicciolire tanti di quegl’impianti da riuscire poi a pretendere un reale valore patrimoniale, essendo continuamente attivi; a maggior ragione adesso che non si può fare a meno di viaggiare, di andare altrove per svoltare con la vita, sorridendo come dei disperati a un nuovo approdo. 

Ultima modifica ilVenerdì, 14 Aprile 2017 13:07
Altro in questa categoria: « Terrore estero Drammi civili »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sunny

13°C

Roma

Sunny
Humidity: 58%
Wind: N at 35.40 km/h
Tuesday
Sunny
10°C / 20°C
Wednesday
Mostly sunny
8°C / 22°C
Thursday
Mostly sunny
6°C / 22°C
Friday
Partly cloudy
7°C / 21°C