logorcb

updated 10:48 PM CEST, Aug 24, 2019
Attualità

Attualità (321)

Edilizia agevolata: forse i venditori non dovranno restituire parte della vendita

tribunale di roma
La pronuncia della Cassazione n. 18135 del 2015 aveva creato un notevole fermento.
Ora un Giudice del Tribunale di Roma ha stabilito, contrariamente all’indirizzo giurisprudenziale, che per liberare gli immobili dal vincolo del prezzo massimo di cessione vanno riconosciuti all'acquirente soltanto gli oneri dell'affrancazione.

CAOS EDILIZIA AGEVOLATA: NUOVO CONVEGNO

Convegno 9 aprileIl 9 aprile 2018, presso la Corte d’appello di Roma, l’Associazione Laboratorio Forense, presieduta dal Presidente Avv. Paolo Voltaggio, ha organizzato un convegno avente ad oggetto il problema relativo alla compravendita d’immobili di edilizia residenziale convenzionata venduti a prezzo di libero mercato.

Dal convegno è apparso chiaramente che in tale situazione vi è una difficoltà, da parte degli Operatori del Diritto, nel trovare un percorso univoco per la definizione dei molti giudizi che stanno proliferando presso il Tribunale di Roma.

Al fine di comprendere l’indirizzo Giurisprudenziale del Tribunale di Roma è intervenuto il Giudice della 10 sezione Dott. Picaro il quale ha illustrato, con dovizia di particolari, l’intendimento della Sezione che si sta occupando delle pronunce in merito a tali contenziosi.

Metro C, stazione San Giovanni: finalmente la data di apertura


metro cIl 28 aprile prossimo la stazione San Giovanni della linea C aprirà al pubblico. Come riferisce l'agenzia Dire, salvo imprevisti dell'ultimo minuto, la data non cambierà e sarà annunciato a breve dal Campidoglio. Il 28 aprile, secondo i tecnici del Campidoglio è stato scelto come il giorno migliore per una serie di motivi. Il pre-esercizio in corso finirà ufficialmente il 23 aprile.


Dopo San Giovanni le prossime fermate ad aprire saranno Ipponio-Amba Aradam e Colosseo-Fori imperiali. Buone notizie, quindi, per i pendolari romani e per tutti i turisti che affollano la capitale.


 

Caos edilizia agevolata, la parola agli esperti

CassazioneLa situazione creatasi intorno alla sentenza della Cassazione a Sezioni Unite n.18135/2015 ha creato grande confusione, come confermato dai partecipanti al convegno tenutosi a Roma, proprio in Cassazione il 27 marzo.

Per tentare di chiarire la situazione e permettere ai cittadini di poter trovare una soluzione al problema abbiamo interpellato due addetti ai lavori: l’Avvocato Stefano Di Santo e l’Avvocato Andrea Lamonaca.

Caos edilizia agevolata, Comune e Ordine degli Avvocati chiedono una norma nazionale

TotaleLa confusione nata, a seguito della Sentenza n.18135 del 16 settembre 2015 sulla compravendita di case di edilizia economica e popolare, è stata oggetto del convegno svoltosi nel pomeriggio del 27 marzo 2018 presso l’Aula Avvocati del Palazzo di Giustizia di Piazza Cavour a Roma.

Alla riunione, organizzata da UNAEP (Unione Nazionale Avvocati Enti Pubblici) in collaborazione con l’Ordine degli avvocati di Roma, sono intervenuti diversi esponenti di peso del mondo giurisprudenziale capitolino, a partire dal Presidente del Consiglio dell’Ordine, Mauro Vaglio secondo il quale il caos sulla questione dei piani di zona e dell’edilizia agevolata destinata alle classi sociali meno abbienti rischia di diventare a Roma una pericolosa bomba sociale pronta a esplodere, se non già esplosa.

Dichiarazioni istituzionali

microphone 814015 1280

A fine gennaio, l’Onu aveva bollato come illegale e meschino il bando di Donald Trump nei confronti di profughi e cittadini provenienti da 7 paesi a maggioranza islamica. Una dura reazione quella dell’alto commissario del Consiglio per i Diritti Umani, Zeid Rà Ad Al-Hussein, che twittò la seguente affermazione: “La discriminazione sulla base della nazionalità è vietata dalle leggi sui diritti dell’uomo. Il bando è anche uno spreco di risorse che potrebbero essere destinate alla lotta contro il terrorismo”. L’Iran è arrivata addirittura a respingere la richiesta di partecipazione della squadra di lotta degli Usa alle gare di coppa del mondo che si sono tenute nella città di Kermashah il 16 e il 17 di febbraio, rendendolo noto col portavoce del proprio ministro degli Esteri, Bahram Qasemi, sempre a causa delle politiche del tycoon. Successivamente, 97 aziende hanno presentato una memoria congiunta per denunciare l’illegittimità del bando, e trattasi d’imprese attive soprattutto nel settore hi-tech, tra cui Apple, Microsoft, Google, Netflix, Spotfy e… la stessa Twitter; ma anche la Levis, la famosa produttrice di jeans. Secondo il documento depositato presso la Corte d’Appello federale, per quanto circuito la norma “viola le leggi sull’Immigrazione e la Costituzione arrecando danni significativi all’economia”.

Inoltre, gli Usa hanno avvertito la Nord Corea: “L’opzione militare è sul tavolo, è finito il tempo della politica americana di pazienza strategica”, queste le parole durissime del segretario di Stato americano, Rex Tillerson, dopo aver visitato la zona smilitarizzata al confine tra le due Coree. “L’approccio diplomatico con Pyongyang è fallito”, ha ribadito Tillerson, avvertendo il dittatore nordcoreano Kim prima dell’incontro col presidente cinese Xi Jin Ping, anche se Pechino aveva consigliato agli Usa di non alzare i toni.

Ma passiamo alle note dolenti a noi care…! In sede europea non si può non tenere conto nella valutazione dei conti che i terremoti nostrani sono sì eventi eccezionali, ma producono effetti continuativi. Lo aveva detto all’inaugurazione dell’anno giudiziario il presidente della Corte dei Conti, Martucci di Scarfizzi, sottolineando che “il rischio di dispersione dei finanziamenti europei utilizzati nel periodo 2007/’13 è poco oltre l’80%, in stridente contrasto con le difficoltà economiche del paese”. Il magistrato aveva poi lanciato l’allarme circa la carenza d’organico: “Dovremmo essere 611, siamo invece 391”.

Un momento di spensieratezza? Macché! “In sala stasera ci sono i giornalisti, guardate: sono qui, prendono appunti”, lo ha detto Beppe Grillo indicando un gruppo di cronisti in platea mentre si accendevano le luci per il suo show al teatro Goldoni di Livorno. “Estrapolano pezzi di frasi e poi fanno i titoli sui giornali. Infine dicono che sono io pericoloso per l’Informazione. Guardateli in faccia, e ricordatevi di loro”.

Euro e dintorni

01 UE EU

L’insistenza della Germania sull’austerità nell’eurozona ha lasciato l’Europa più divisa che mai, e una spaccatura dell’Ue non è più impossibile. E’ quanto affermato dal vicecancelliere tedesco, Gabriel, a inizio anno, parlando inoltre dei rischi politici in Francia e in Italia, e cioè contro la Merkel: “E’ inaccettabile che Stati come Francia e Italia che hanno varato (più o meno) delle riforme debbano fare sforzi giganteschi per ridurre di mezzo punto i deficit di bilancio… una volta ho chiesto invano alla cancelliera cosa sarebbe più costoso per la Germania, se permettere alla Francia di avere mezzo punto in più di deficit o lasciare avanzare un soggetto come Marine Le Pen…”.

Serve una revisione della spesa per finanziare le nuove priorità dell’Ue: migranti, lotta al terrorismo e difesa comune”, lo riporta il documento della Commissione Ue sul futuro delle finanze europee dopo la Brexit. “Lo status quo non è un’opzione, serviranno scelte dure. Dopo il 2020 il bilancio vedrà tagli e razionalizzazioni ai fondi per la coesione che vanno alle regioni e a quelli per l’agricoltura”. Secondo uno dei massimi dirigenti, Osttinger, “si prevede che mancheranno 10/11 miliardi di euro annualmente, perché nonostante lo sconto la Gran Bretagna resterà pur sempre un ex contributore netto dell’Ue”.

La naturale fine del mondo

clouds 936643 1280

Raid vandalico alla scuola G. Falcone, allo Zen di Palermo. Danneggiata la statua del magistrato ucciso 25 anni fa, che si trovava davanti alla scuola. Alla scultura è stata staccata la testa e un pezzo del busto, usati poi come ariete contro il muro dell’istituto scolastico. Successivamente, sempre nei pressi dell’edificio è stato trovato un volatile con la testa mozzata, come a voler minacciare le istituzioni. Aperta ovviamente un’indagine. “Oltraggiare la memoria di Falcone è misera esibizione di vigliaccheria” ha twittato il premier Gentiloni. “L’oltraggio alla statua di Falcone è triste e vergognoso… a 25 anni dalla strage di Capaci, questo scempio ci ricorda che la Mafia persiste ancora a Palermo”, ha ribadito la presidente dell’Antimafia, Rosy Bindi, aggiungendo: “A quest’esibizione di mafiosità occorre reagire e non permettere che l’indifferenza calpesti la memoria del sacrificio del giudice Falcone. La città faccia sentire la sua ribellione e la sua vicinanza ai martiri della lotta alla mafia”.

Produttività

stock photo engine gears wheels closeup view 560016454

Previsioni in crescita del Pil nell’anno in corso, stando al miglioramento dei dati economici con la pressione fiscale al 42,3%, rispetto al 42,9% del 2016. Scompare il calo dell’Irpef. “Cruciale tagliare il cuneo fiscale per ridurre il costo del lavoro”, così la premessa del Def, che ha ipotizzato inoltre l’utilizzo di 10 miliardi per la ricapitalizzazione precauzionale delle banche; un miliardo di tagli delle spese dei ministeri dal 2018 e la sostituzione delle clausole di salvaguardia con misure su spesa ed entrate. Non dovrebbero dunque aumentare le accise e le aliquote Iva. Per la lotta alla povertà 1,2mld di euro sarebbero in corso di distribuzione, mentre se ne prevedono 1,7 l’anno prossimo. La novità consisterebbe nel reddito d’inclusione per le famiglie povere. Tornando all’annientamento dell’aumento dell’Iva, il Governo ha confermato (ma è meglio dire promesso…!) l’impegno a disinnescare le clausole di salvaguardia col recupero di 19mld di euro grazie a misure di sul lato della spesa e delle entrate comprensive di ulteriori interventi di contrasto all’evasione. Dunque si dovrebbe poi andare avanti col processo di riduzione del carico fiscale che grava sui redditi delle famiglie e delle imprese, e il Def ha indicato una strada che profila una correzione dei conti nel 2018 pari allo 0,6% del Pil. Il deficit è stimato in forte calo l’anno prossimo (al 2,1%, mentre quest’anno è all’1,2%). Ottenuta la validazione dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio.

Si può fare?

autofocusIl padre di Eluana Englaro, Beppino, verrà risarcito di quasi 133mila euro dalla regione Lombardia.

Lo ha deciso il Consiglio di Stato respingendo il ricorso della Regione che non si fece carico del ricovero della ragazza, in stato vegetativo per 17 anni, in una struttura sanitaria adeguata per la sospensione dell’alimentazione e dell’idratazione come richiesto dal padre.

Eluana fu trasferita da una casa di cura di Lecco a una di riposo in quel di Udine, dove morì nel 2009.

Il Consiglio di Stato ha sottolineato: “La Regione doveva far staccare il sondino dopo che la Cassazione stabilì il diritto di Eluana a sospendere il sostegno vitale”.

Milleduecento studenti e circa centoventi professori dell’Istituto d’istruzione superiore Leonardo Da Vinci di Niscemi torneranno a scuola, dal 17 al 22 luglio, per completare il numero d’ore di presenza obbligatoria dell’anno scolastico 2016/’17, ridotto a dicembre e a gennaio per il mancato funzionamento degli impianti di riscaldamento.

L’ordinanza è stata emessa dal preside Cannizza, d’intesa col Consiglio d’Istituto e con quello dei docenti, su ricorso di due professori che avevano ottenuto l’arrivo degli ispettori scolastici.

Il mese scorso, caos in aula alla Camera, dov’era ripreso l’esame della legge elettorale, col ritorno in azione dei franchi tiratori, per mezzo del voto segreto che ha fatto passare un emendamento della Biancofiore (Forza Italia), ossia l’eliminazione dei collegi elettorali maggioritari in Trentino Alto Adige.

Il relatore della maggioranza aveva dato parere contrario. 270 sì, 256 no e un astenuto col voto brevemente palese sul tabellone per via di disguido tecnico.

Rosato (Pd) aveva chiesto immediatamente lo stop dei lavori sostenendo che il M5S ha dimostrato che la sua parola vale nulla. Anche Brunetta (Fi) ha voluto la sospensione per la verifica del patto. Fico del M5S invece ha affermato “Pd in difficoltà, il nostro voto era compatto”.

Senza contare la polemica sull’annuncio dei voti filmati del M5S…!

La legge di bilancio è di lacrime e sangue perché ci sono orientamenti molto rilevanti da parte della Commissione Ue, per ridurre l’aggiustamento strutturale.

È quanto ribadito dal viceministro dell’Economia, Morando, al convegno dei giovani di Confindustria. “Sarà molto più facile eliminare le clausole di salvaguardia, magari aggiungendo un intervento strutturale a favore del cuneo sui giovani”… una bellissima notizia per il presidente di Confindustria, Boccia, che ha chiesto al Governo di rendere strutturali queste misure.

In Francia, l’astensione registrata al primo turno delle elezioni legislative, del 10/6, è stata del 50,2%: un record nella storia della Quinta Repubblica.

Ciò lo ha riferito l’istituto Elab per Bfm Tv alla diffusione delle prime proiezioni.

Infine, non dimentichiamo che al pre-vertice di Parigi che ha anticipato il summit di Tallin, dei 29 ministri Ue, Roma ha incassato la piena fiducia di Francia e Germania sulla questione dei migranti. Voluto dal ministro Minniti, l’incontro col tedesco De Mazière, il francese Colomb e il commissario Ue, Avramopoulos, ha prodotto un documento su cui ancora si lavora.

Il testo, appoggiato da Parigi e Berlino, regolamenta azioni e finanziamenti delle Ong concedendo più fondi per consentire alla Libia il controllo delle coste.

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore