logorcb

updated 6:25 PM CEST, Jun 17, 2019
Calcio

Calcio (304)

Totti lascia la Roma. La conferenza è da mille titoli. Intanto la Roma risponde

 L’ex capitano e dirigente della società capitolina ha ufficializzato le proprie dimissioni date questa mattina a Fienga. Tanti i sassolini dalla scarpa che Totti si è tolto davanti ad una platea numerosissima di giornalisti, per quello che non è un addio ma un arrivederci. Il club non ha fatto attendere la risposta, arrivata sul proprio sito attraverso un comunicato.
Provateci voi.
Provate a dare il titolo a questo articolo, dopo aver riascoltato passo passo la conferenza stampa di Francesco Totti, tenutasi oggi alle 14:00 presso la Sala d’Onore del CONI.
Non è assolutamente facile scegliere una delle almeno quaranta frasi da prima pagina enunciate dall’ex capitano della Roma.
Anzi, anche ex dirigente ormai. Già, dopo 30 anni d’amore anche una storia apparentemente infinita ha avuto termine, in maniera più che burrascosa.

AS Roma, ufficiale il nuovo tecnico Paulo Fonseca

 Il portoghese, 46 anni ex Shakhtar Donetsk, firmerà a Londra tra stasera e domani il contratto che lo legherà ai giallorossi per i prossimi due anni, con opzione di rinnovo per il terzo, a 2.5 milioni netti a stagione. Ad annunciare la scelta è stato il club attraverso un comunicato ufficiale sul proprio sito internet.
Il tempo stringe.

A Trigoria sembrano finalmente averlo capito ed ecco che il puzzle inizia a comporsi.
Uno dei tasselli principali da trovare nella scatola da 1000 pezzi era quello dell’allenatore. Dopo diversi rifiuti, da quello di Antonio Conte a quello di Giampiero Gasperini, e numerosi profili analizzati e scartati, si è arrivati nella giornata di oggi a dare un volto e un nome al nuovo tecnico della Roma.

La Notte dei Re, Figo batte Totti. Trionfa la beneficenza

 Nella splendida cornice del campo centrale del Foro Italico, i due maestri del calcio Totti e Figo, in compagnia di tanti altri campioni, hanno dato spettacolo con il pallone tra i piedi in un match ricco di gol e giocate mozzafiato. A spuntarla, al termine dei due tempi da mezzora, è la squadra del portoghese per 17-11. Seedorf e Totti capocannonieri con 4 reti ciascuno.
Musica, animazione, spettacolo e tanto, tanto calcio.
La Notte dei Re è stato un evento riuscito su tutti i fronti. Tantissime le persone accorse al Village esterno, dove hanno potuto ammirare, tra i tanti stand presenti, le quattro coppe del mondo e quella dell’europeo del 1968 vinte dalla Nazionale Italiana, le maglie di alcune leggende del calcio, incontrare molti protagonisti della serata, tra cui Luca Toni, Marco Materazzi e Cristian Zaccardo, scatenarsi a ritmo di musica, con Dolcenera ed Elodie sul palco, e assistere alle partite di paddle di molti calciatori coinvolti nell’evento di beneficenza.
Alle 21:00, poi, tutti al campo centrale del Foro Italico, che abitualmente ospita gli Internazionali di Tennis di Roma, per il calcio d’inizio della partita 6 contro 6 tra il Team di Francesco Totti e quello di Luis Figo. Una sorta di Roma-Inter per intenderci.

Serie A, le pagelle di Roma-Parma

 De Rossi vince la sua ultima partita in maglia giallorossa. La sblocca il romano Pellegrini, la pareggia l’ex Gervinho e la risolve l’esperto di gol vittoria nelle partite d’addio: Perotti. Fischi e applausi per uno spento Dzeko alla sostituzione. Bene Jesus, decisivo Mirante. I crociati giocano non sfigurano, ma all’Olimpico è 2-1. Bene Mazzoleni alla sua ultima direzione in Serie A.
Tu chiamale se vuoi emozioni.
Sono tante quelle vissute stasera in uno Stadio Olimpico gremito in ogni ordine di posto. 60mila cuori giallorossi che hanno battuto per 18 anni all’unisono con quello di Daniele De Rossi, raffigurazione concreta del tifoso della Roma in campo.

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Parma

 Ranieri si affida a De Rossi dal primo minuto. Torna Manolas al centro della difesa. Kluivert preferito a Under a destra. D’Aversa recupera Gagliolo ma perde Siligardi. Spazio a Ceravolo e Sprocati in avanti. In porta, esordio per Frattali. Arbitra Mazzoleni.
Tra i rimpianti del passato, la tristezza del presente e la paura del futuro.

La Roma chiude il campionato all’Olimpico davanti a 60mila spettatori, tra lacrime e polemiche, sfidando un Parma che è sì matematicamente salvo, ma che non verrà di certo nella capitale per sfigurare.

Ranieri: “Vorrei l’Olimpico ricolmo d’amore per Daniele. Le voci non hanno aiutato la squadra”

 Il tecnico della Roma ha incontrato i giornalisti in sala stampa a Trigoria, in vista dell’ultima sfida di campionato contro il Parma di domenica sera allo Stadio Olimpico.
Queste le sue parole:
Domenica è l’ultima partita della stagione, l’ultima partita con la maglia della Roma di Daniele De Rossi, Che atmosfera si aspetta di trovare allo Stadio Olimpico? 

Io mi auguro che ci sia l’atmosfera che Daniele merita. Questa è l’unica cosa che io mi posso augurare, proprio vedere lo stadio ricolmo d’amore per Daniele. Deve essere una festa per Daniele, per tutto quello che ha dato alla Roma e per il modo in cui l’ha dato. Per cui, senza ombra di dubbio, mi aspetto una cosa positiva per lui al 100%.

Serie A, le pagelle di Sassuolo-Roma

 I giallorossi non vanno oltre lo 0-0, sprecando diverse occasioni da gol, specie nella ripresa. Mirante sventa qualche minaccia. Neroverdi pericolosi in campo aperto con Boga e Berardi. Maresca promosso.
Già era difficile con i tre punti. Con uno è praticamente impossibile.
La Roma si ferma a Reggio Emilia, impattando su un Sassuolo che onora l’impegno di campionato, nonostante la salvezza già acquisita.
I giallorossi ripetono lo stesso copione visto contro la Juventus, giocando alla pari dell’avversario nel primo tempo e tentando di sbloccarla in tutti i modi nella ripresa, consentendo agli emiliani di rendersi pericolosi in campo aperto.

Serie A, le probabili formazioni di Sassuolo-Roma

 Ranieri perde Manolas. Ballottaggio Juan Jesus-Marcano per sostituire il greco. Idea Pastore sulla trequarti, De Rossi e Zaniolo in panchina. Pellegrini convocato. Neroverdi senza Peluso, Magnani, Sensi e Bourabia. Locatelli dal primo minuto. Corsa a tre per il ruolo da centravanti. Arbitra Maresca di Napoli.
Vincere per sperare e calmare le acque.
I tre punti potrebbero avere un peso specifico non indifferente per la Roma, impegnata nel penultimo turno di campionato su un campo storicamente amico.
Al Mapei Stadium contro il Sassuolo, infatti, i giallorossi hanno sempre vinto nei 5 precedenti fin qui giocati.
Battere i neroverdi significherebbe continuare a sognare un quarto posto più che complicato e a stemperare leggermente la tensione accumulata nella capitale nei giorni scorsi, a seguito del mancato rinnovo del contratto di Daniele De Rossi da parte della società di James Pallotta.

Ranieri: “A De Rossi andava detto in un’altra maniera per dargli modo di pensare bene. Roma-Parma sia una festa”

 Il tecnico della Roma ha incontrato i giornalisti in sala stampa a Trigoria in vista del match di campionato di sabato alle 20:30 contro il Sassuolo a Reggio Emilia.
Queste le sue parole:

È stata una settimana diversa dalle altre. È finita in secondo piano la partita col Sassuolo. Una settimana come questa potrebbe avere una conseguenza negativa o positiva sul rendimento della squadra, è più preoccupato o spera che possa essere uno stimolo per le prossime due partite?
Io credo che debba essere uno stimolo positivo e propositivo. Ormai i giocatori sono abituati a tutto. Poteva essere uno stimolo negativo anche il fatto di tutte quelle le voci sull’allenatore del futuro, i ragazzi non hanno mai mollato. Mi auguro invece che questo fatto sia uno sprone a fare bene, perché ci sono due partite da completare, c’è ancora una piccola possibilità però dobbiamo avere la coscienza a posto di aver fatto il massimo che potevamo fare.
Ha parlato dell’aspetto mentale, le chiedo dell’aspetto fisico. Come stanno i giocatori, soprattutto Zaniolo e Pellegrini? 
L’aspetto fisico di tutti, stanno bene. Zaniolo riprende oggi, aveva il solito polpaccio indurito, oggi farà lavoro differenziato, mentre gli altri faranno lavoro di scarico. Pellegrini diciamo che non è grave, è la solita vecchia cosa che gli si acuisce, però credo di averlo a disposizione per sabato e se non lo sarà per sabato ce lo avrò sicuramente per la prossima settimana.
Ieri gli sono state attribuite alcune frasi nell’incontro con i tifosi al cancello di Trigoria. Quando gli si è chiesto chi decide lei avrebbe risposto “testa grigia a Londra e quello di Boston”. Volevamo verificare per correttezza se fossero vere…
Non mi sembra di aver utilizzato queste parole. Quando i nostri tifosi chiedevano spiegazioni sulle decisioni della fine del rapporto di Daniele (De Rossi, ndr) qui alla Roma io ho detto sicuramente a Londra e in America. Chi decide è il presidente e la persona che gli è più vicino è la persona che sta in Inghilterra.

De Rossi: “Se fossi stato un dirigente avrei consigliato di trattenere un calciatore bravo. Accetto la decisione”

 Il capitano della Roma ha incontrato i giornalisti in sala stampa a Trigoria per annunciare il proprio divorzio dal club giallorosso a fine stagione. Presenti il CEO Fienga, Totti e tutta la squadra.
Esordisce Guido Fienga
: “Buongiorno a tutti, grazie per essere qui. Vi abbiamo convocato per comunicarvi che ieri mi sono incontrato con Daniele e comunicato la decisione della società di non rinnovare il contratto come calciatore a Daniele dall’anno prossimo. Abbiamo parlato a lungo e ho espresso a Daniele la volontà e il desiderio di averlo nell’organico della società per continuare la sua carriera all’interno della Roma nel percorso che lui deciderà. Personalmente, e per certi versi quasi egoisticamente, ho sperato e ancora lo faccio che Daniele voglia accogliere l’idea di starmi accanto perché mai come in questo momento mi avrebbe fatto comodo avere un vice come lui nel valutare le situazioni e prendere le decisioni in un contesto nel quale l’azienda si è resa conto di dover cambiare e correggere una serie di scelte fatte nel recente passato, per consentirci di ripartire. Sono convinto che questo tipo di disponibilità Daniele la coglierà quando lo riterrà opportuno anche perché per lui questa proposta è sempre valida, per la Roma e per il management della Roma. Anzi, mi auguro che quando deciderà di accogliere questa nostra proposta, riusciamo addirittura ad accelerare lo sviluppo dei progetti che abbiamo intenzione di sviluppare. Daniele ha espresso altre idee ma non voglio entrare nel merito di queste perché lascio a lui la scelta e sono idee che rispettiamo come lui sta rispettando le nostre. Vorrei che sia Daniele ad illustrarvi le intenzioni. Io sono arrivato da poco ma sono onorato del confronto aperto, trasparente e leale e in questo senso mi sento di impegnare tutta la società per le possibilità che Daniele potrà cogliere da ora in futuro, quando lo vorrà, qui da noi”.

Le parole di De Rossi:
 Dopo una sconfitta pesante, una volta hai detto “Ringrazio di essere nato romanista”. Cambieresti qualcosa della tua carriera alla Roma, faresti delle scelte diverse? 
Farei delle scelte diverse riguardo episodi quotidiani, alcune cose dette o alcune cose di campo, come episodi spiacevoli che mi hanno reso protagonista come i cartellini rossi o cose del genere. Per quello che riguarda le mie scelte e la decisione di rimanere per sempre fedele a questa squadra non tornerei indietro, non cambierei una virgola. Se avessi la bacchetta magica metterei qualche coppa dentro la mia bacheca ma la bacchetta non ce l’ha nessuno. Sono sereno per questa scelta poi nel corso di questi anni qualche errore è stato commesso, ma sarebbe stato impossibile il contrario.

Sottoscrivi questo feed RSS
Partly Cloudy

9°C

Roma

Partly Cloudy

Humidity: 46%

Wind: 8.05 km/h

  • Clear
    24 Mar 2016 16°C 6°C
  • Sunny
    25 Mar 2016 17°C 10°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore