logorcbtmp.svg

Serie A, le pagelle di Roma-Benevento

under roma benevento

Primo tempo da dimenticare. Incanta Under, si sbloccano Dzeko e Defrel.

Dr Jekyll e Mr Hyde.

Roma irriconoscibile e addirittura in svantaggio per parte del primo tempo contro il Benevento. Aggressiva e a suon di gol nella ripresa.

Accade un po’ troppo spesso nelle ultime partite che gli uomini di Di Francesco giochino a pallone solo a tratti, vedasi il primo tempo contro Inter e Verona o il secondo di ieri sera.

Ma ci sono anche note molto positive. Under mette a segno una doppietta e un assist, confermandosi il giocatore più in forma della rosa.

Dzeko torna al gol, incornando di testa da due passi su cross al bacio proprio del turco.

Defrel, dopo aver chiesto a tutti i compagni di poter calciare il rigore, ha trovato per la prima volta la gioia di sentire il suo nome annunciato dallo Speaker per il gol.

In difesa Alisson brilla meno del solito, così come Manolas, autore, tra l’altro, della deviazione sfortunata nel primo gol del Benevento. Florenzi si accende solo nella ripresa. Bene Kolarov e Fazio, che hanno siglato rispettivamente assist e gol del pareggio romanista nel primo tempo.

Alisson 5.5: E’ vero che sui gol non ha tutte le colpe, ma è sembrato meno attento del solito. Niente allarmi, un calo di tensione ci può stare.

Florenzi 5.5: Nel primo tempo va troppo alla leggera su Guilherme, concedendogli troppo spazio. Nella ripresa si rianima in fase offensiva, ma perde le marcature nel secondo gol del Benevento.

Manolas 5: Sbaglia perché perde la concentrazione. I piazzamenti spesso non sono adeguati e, inoltre, devia il tiro di Guilherme in modo da rendere la traiettoria del pallone imprendibile per Alisson, regalando il vantaggio agli ospiti. 

Fazio 7: A differenza del compagno di reparto, la concentrazione del Comandante è stata elevata e non solo in fase difensiva. Ha rimesso la squadra in riga con il gol del pareggio ed ha partecipato alla fase di costruzione senza sbagliare un appoggio.

Kolarov 6.5: La corsa ancora non è quella di inizio stagione, ma il serbo ha ritrovato lucidità e precisione nel suo mancino. Pennella sulla punizione dell’1-1 e mette ordine nei disimpegni in difesa. Si spinge spesso in avanti provando il duello in velocità con D’Alessandro.

Strootman 6: E’ colui che ha recuperato più palloni in fase di interdizione: 7. Davanti alla difesa si trova a suo agio. Alcune volte appare lento e macchinoso, ma non sono mancate le giocate di qualità.

Gerson 6.5: Come tutta la Roma, cresce col passare dei minuti. Sbaglia qualche appoggio di sinistro nel primo tempo, recupera palloni e sale in cabina di regia nella ripresa.

Perotti 6: Primo tempo anonimo nonostante il ruolo da trequartista affidatogli da Di Francesco. Meglio nei secondi 45’, in cui si insinua tra le maglie avversarie con maggior insistenza e confeziona l’assist per il primo gol di Under.

El Shaarawy 5: Ha bisogno di rifiatare e si vede. Spara alto un rigore in movimento nel primo tempo, perde molti duelli con i difensori avversari ed è impreciso in fase di appoggio. Unici lampi, i due tiri da posizione defilata che Puggioni devia in calcio d’angolo.

Under 8: Si merita tanti applausi. Trova la porta con facilità disarmante, facendo passare il pallone tra palo e portiere con precisione chirurgica. I cross più pericolosi arrivano dai suoi piedi, compreso quello del gol di Dzeko. Sta imparando la lingua, ma speriamo non comprenda ancora i complimenti, non deve montarsi la testa. Lasciamolo tranquillo, può solo crescere.

Dzeko 6.5: Rincorre il pallone nel primo tempo. Dopo il gol da centravanti puro, si mette a disposizione della squadra, confezionando l’azione del 3-1 insieme a Perotti e Under. Speriamo si sia sbloccato.

Defrel 6.5: Come con il Verona, il suo ingresso dà vivacità e velocità alla squadra. Chiede con grande voglia e umiltà di poter calciare il rigore. Premia la fiducia dei compagni spiazzando Puggioni. Primo gol per il francese a Roma e seconda partita consecutiva di livello.

Schick s.v: Entra a pochi minuti dal triplice fischio.

De Rossi s.v: Di Francesco lo fa entrare per testarne lo stato di salute. Recuperato.

Di Francesco 6.5: C’era un’occasione da sfruttare a tutti i costi. La squadra non gira come vorrebbe nel primo tempo. Si fa sentire negli spogliatoi e la Roma della ripresa e tutt’altra cosa.

Finalmente si torna a segnare più di un gol a partita. Il merito del tecnico abruzzese è quello di aver adattato il modulo alle caratteristiche degli uomini a disposizione. Adesso che torneranno tutti arruolabili potrà decidere se tornare al 4-3-3 o continuare con il 4-2-3-1.

La corsa per la Champions è ancora lunga e il tour de force sta per iniziare: si parte con l’Udinese sabato prossimo alle 15.

Ultima modifica ilMartedì, 13 Marzo 2018 12:42

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Mostly clear

22°C

Roma

Mostly clear
Humidity: 65%
Wind: W at 0.00 km/h
Tuesday
Thunderstorms
17°C / 29°C
Wednesday
Thunderstorms
17°C / 28°C
Thursday
Partly cloudy
16°C / 26°C
Friday
Scattered thunderstorms
14°C / 25°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore