logorcb

updated 9:58 AM CET, Dec 8, 2019
Calcio

Calcio (384)

Calcio: una Lazio “OLTRE” ogni limite batte la Juventus 3-1

lazio juveUna serata da incorniciare in una cornice di pubblico unica va in scena una partita eccezionale piena di colpi di scena tra la squadra di Inzaghi, che viene da sei vittorie consecutive, e i bianconeri di Mister Sarri che hanno la possibilità di riscavalcare l’Inter, fermata in casa da un pareggio, in vetta alla classifica.

La partita vede all’inizio la Juve fare un pressing asfissiante, nella metà campo avversaria, con evidenti difficoltà dei biancocelesti di uscire dalla propria area di rigore con palla al piede; in virtù di questa pressione la Juve trova il vantaggio grazie ad una bella combinazione Dybala- Bentacourt che fornisce un assist facile a Ronaldo che deve solo appoggiare la palla in rete.

Successivamente al vantaggio la Lazio, dopo qualche minuto di assestamento, ha il merito di riuscire pian piano ad avanzare il proprio baricentro e a cominciare ad impensierire la difesa avversaria che inizia così a vacillare; dopo un bel forcing la Lazio riesce, anche con merito, a pareggiare grazie ad una bella giocata del “Mago” Luis Alberto che fornisce un assist a Luiz Felipe che di testa riesce a trafiggere la difesa bianconera.

Nella ripresa la Lazio va “OLTRE” ogni più rosea aspettativa visto che è Lei che fa la partita e ha il pallino del gioco a proprio favore; a parte un’occasione di Dybala scaturita da una leggerezza di Strakosha la Lazio si rende pericolosa e costringe in un’azione di ripartenza al fallo Cuadrado con Lazzari, in chiara occasione da rete, che costringe l’arbitro dopo aver visionato il Var a estrarre il cartellino rosso.

Al minuto 74 la Lazio passa in vantaggio con una magia di Milinkovich che riceve un assist al millimetro di Luis Alberto e con un secco sinistro in diagonale mette la palla alle spalle di Szczesny.

Nell’ultimo quarto d’ora la Juve, benché rimasta in 10 uomini, si riversa nella metà campo avversaria lasciando però spazi al contropiede da cui nascono il rigore su fallo a carico di Correa che Immobile si fa parare e il gol del 3-1 da parte di Caceido, appena entrato al posto di Milinkovich.

Una notte importante per la Lazio e una vittoria che fa ben sperare ma che non deve far illudere sul prosieguo del campionato che potrà nascondere comunque molte insidie.

Etichettato sotto

Serie A, le pagelle di Inter-Roma

 Vince l’equilibrio a San Siro. Senza Pau Lopez e con Dzeko in panchina, i giallorossi non sfigurano in casa dell’Inter capolista, reggendo per 90 minuti. Ottimo Diawara, Smalling vince il duello con Lukaku. Mirante salva il risultato. Lautaro timido sotto rete, De Vrij il migliore in difesa per i nerazzurri. Finisce 0-0. Promosso Calvarese.
Un punto dai significati opposti.

Serie A, le probabili formazioni di Inter-Roma

 Fonseca sorride, Dzeko è disponibile. Assenti Kluivert e Pastore, torna Zaniolo. A destra è ballottaggio tra Santon e Spinazzola, con Florenzi che insidia Mkhitaryan e Perotti per una maglia da titolare a sinistra. Conte perde anche Gagliardini. Centrocampo quasi obbligato, con chance per Borja Valero e Vecino. Confermato il tandem Lautaro-Lukaku. Arbitra Calvarese, al VAR Mazzoleni.
Sulle ali dell’entusiasmo.

Inter e Roma, protagoniste dell’anticipo del venerdì della 14esima giornata di Serie A, stanno attraversando un ottimo momento, confermato dalla classifica e dai risultati recentemente ottenuti.

Fonseca: “Questo è il tipo di partite che vogliamo giocare. Dzeko c’è”

 Il tecnico della Roma, Paulo Fonseca, ha incontrato i giornalisti in sala stampa a Trigoria, in vista del match di campionato di domani sera contro l’Inter a San Siro.
Queste le sue parole:

Dopo due giorni di influenza oggi Dzeko è tornato a svolgere lavoro individuale. Come sta? È pronto per giocare domani?

Sì, Dzeko si è allenato con noi oggi, non si è allenato nei giorni scorsi. Oggi ha fatto l’allenamento con noi ed è pronto per giocare. Ma devo dire che oggi io non voglio parlare della squadra che giocherà.

Calcio: alla Lazio contro l'Udinese basta un tempo

Lazio UdineseAd una Lazio convincente e a tratti spumeggiante basta solo un tempo per aggiudicarsi i 3 punti ed arrivare alla sesta vittoria consecutiva.

Già dall’inizio si era compreso quale sarebbe stato l’epilogo anche in considerazione della evidente differenza tecnica delle due squadre che in alcuni momenti del match è sembrato quasi imbarazzante.

La Lazio ha avuto il controllo della palla dal principio grazie ad un palleggio senza sbavature che ha annichilito le velleità dei friulani che solo nella fase iniziale della partita hanno costruito delle buone occasioni ma senza dare alcune continuità alla manovra.

La Lazio è passata in vantaggio al minuto 9 con il solito Immobile, arrivato al gol n.17, grazie anche ad assist di Savic ed ha raddoppiato, al minuto 36, sempre con lo stesso Immobile su calcio di rigore dopo un fallo a carico di Correa.

Nel finire di primo tempo, sempre su fallo su fallo nei confronti di Correa, l’arbitro Di Bello assegna un altro rigore che stavolta viene calciato da Luis Alberto che mette fine alla la partita.

Nel secondo tempo la partita scivola senza sussulti particolari con i biancocelesti che con un possesso palla continuato e ragionato raggiungono una vittoria importante.

Sabato all’Olimpico arriva a Roma la Juventus in una partita che può essere un importante passaggio per il continuo del campionato.

Etichettato sotto

Serie A, le pagelle di Hellas Verona-Roma

 Giallorossi cinici sotto porta, sbancato il Bentegodi con i gol di Kluivert, Perotti su rigore e Mkhitaryan. Agli scaligeri non bastano un’eccellente prestazione e la rete di Faraoni. Pellegrini spaziale, soffrono Smalling e Mancini, Pau Lopez decisivo. Verre e Zaccagni difficili da prendere. Guida più che sufficiente.
Una vittoria da grande squadra.

La Roma, sotto il diluvio, incassa, soffre, lotta e vince al Bentegodi, contro un bellissimo Hellas Verona, che conferma di essere una delle sorprese del campionato.

Serie A, le probabili formazioni di Hellas Verona-Roma

 Fonseca conferma Mancini, nonostante la diffida, e ripropone Kluivert a sinistra. Under per Zaniolo, squalificato. Dubbi sul terzino destro, con Spinazzola e Florenzi recuperati. Juric ripropone Di Carmine in avanti. Rientra Veloso. Arbitra Guida, al VAR Giacomelli.
Confermarsi.

Hellas Verona e Roma danno vita al posticipo domenicale della 14esima giornata di Serie A al Bentegodi, con l’obiettivo di continuare sulla falsa riga del recente passato.

Fonseca: “Mkhitaryan non ha i 90 minuti. Voglio una squadra che domini l’avversario”

 Il tecnico della Roma, Paulo Fonseca, ha incontrato i giornalisti in sala stampa a Trigoria, in vista del match di campionato contro l’Hellas Verona di domenica sera allo stadio Bentegodi.
Queste le sue parole:
Dopo Istanbul sicuramente grande entusiasmo, ora quali rischi nasconde la trasferta di Verona?
La partita di Istanbul è passata, adesso dobbiamo pensare solo alla partita contro l’Hellas Verona. Devo dire che domani sarà una partita difficile, contro una squadra buona, molto veloce in fase d’attacco e molto aggressiva in difesa. Sono la seconda squadra con meno gol subiti. È importante dirlo, per questo sarà un gioco diverso rispetto ad Istanbul, è una partita difficile.

Lazio – Cluj 1-0. Correa tiene in corsa la qualificazione

lazioAllo stadio Olimpico va in scena il ritorno della partita contro la squadra rumena del Cluj che la Lazio è obbligata a vincere se vuole avere un minimo di speranza per la qualificazione al turno di Europa League.

La Lazio vince una partita giocata a ritmi bassi  con il minimo dello scarto e lascia viva la fiammella per una qualificazione che dipenderà soprattutto dal risultato del prossimo turno tra i rumeni e gli scozzesi del Celtic.

La squadra biancoceleste è entrata in campo con notevoli cambi in squadra rispetto alla gara di campionato e i subentrati hanno comunque reso una buona prestazione; il gol è arrivato al minuto 24 da parte di Correa molto bravo in diagonale a trafiggere il portiere.

La Lazio sempre con Correa ha avuto anche la possibilità, pochi minuti dopo il vantaggio,  di raddoppiare ma il Tucu  è stato impreciso.

Nel secondo tempo la partita è rimasta in bilico e il Cluj si è fatto apprezzare per alcune azioni importanti che però non hanno portato al pareggio mentre la squadra di Inzaghi ha cercato di controllare il match.

Adesso tutta la qualificazione dipenderà dall’ultima partita del girone dove la Lazio è comunque obbligata a vincere in casa dei francesi del Rennes e deve sperare che il Celtic, ormai qualificato, faccia il bottino pieno in Romania. 

Etichettato sotto

Europa League, le pagelle di Istanbul Basaksehir-Roma

 Fonseca si conferma bestia nera dei turchi, che non perdevano in casa in competizioni europee dal 2016. Ai giallorossi basta un quarto d’ora per chiuderla con le reti di Veretout, Kluivert e Dzeko. Bene anche Zaniolo e Santon, Diawara così così. I padroni di casa durano mezzora. Hategan impreciso.
Passa il tempo, cambia la gente…Ma non il risultato.

Dopo il 4-0 dell’Olimpico, la Roma ne rifila altri 3 all’Istanbul Basaksehir con un quarto d’ora sontuoso e un match giocato da grande squadra.

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore