logorcb

updated 2:03 PM CEST, Oct 13, 2019

Serie A, le pagelle di SPAL-Roma

Ferraresi mai in partita. Vicari disastroso. Giallorossi in controllo del match. Si sblocca Schick, esordio ok per Jonathan Silva.
Una macchina perfetta.
Se la Roma giocasse tutte le partite di questo campionato fuori casa, sarebbe molto più avanti in classifica.
Con i tre odierni, sono 36 punti conquistati fuori dalle mura amiche, a fronte dei 31 ottenuti all’Olimpico, che arrivano da 10 vittorie, 6 pareggi e una sola sconfitta.
Anche oggi, in casa di una SPAL reduce da risultati più che positivi, i giallorossi hanno reso facile una trasferta che poteva essere complicata.
L’inizio, per altro, sembrava aver confermato i timori della vigilia. 20 minuti di perfetto equilibrio, in cui non sono mancate le occasioni, sprecate, per gli uomini di Eusebio Di Francesco (all.re Roma).
Inoltre, è da annoverare qualche episodio rischioso, come il contatto tra Federico Fazio e Mirco Antenucci in area di rigore, giudicato regolare dall’arbitro Paolo Tagliavento.
Il fischietto di Terni, per altro, sul ripartire di quell’azione, non ha ritenuto da rosso diretto il fallo da tergo, a piedi uniti, di Everton Luiz su Kevin Strootman.
La svolta del match arriva al minuto 33: cross rasoterra di Lorenzo Pellegrini e autogol di Francesco Vicari, che insacca nella propria porta nel tentativo di anticipare Strootman.
Da quel momento la Roma sale in cattedra e i ferraresi escono dalla contesa con largo anticipo, per quanto le altre marcature di Radja Nainggolan, esterno destro in buca d’angolo, e Patrik Schick, di testa e primo gol in Serie A con la maglia giallorossa, arrivino nella ripresa.
 
Pagelle Roma:
Alisson 6: Sempre attento, si fa trovare pronto anche nelle rare occasioni da gol create dagli avversari.
Bruno Peres 6.5: Il terzino destro è in crescita costante e abbina a ottime scorribande offensive, diagonali difensive impeccabili e impensabili fino a qualche tempo fa. Salva su Antenucci nella ripresa, con l’attaccante dei ferraresi pronto a sfruttare la respinta corta di Alisson.
Fazio 6.5: Se la SPAL non riesce a creare occasioni da gol, è anche merito suo. La marcatura su Antenucci prima e Paloschi poi è asfissiante. Ottima la coordinazione con Kostas Manolas nei movimenti difensivi. Rischia qualcosa nel primo tempo, quando arriva a contatto con il numero 9 ferrarese. L’arbitro giudica l’intervento regolare.
Manolas 6.5: Partita impeccabile del difensore greco, che insieme al collega di reparto annulla sul nascere ogni tentativo offensivo degli avversari. Se fosse stato più preciso in fase di costruzione, la valutazione sarebbe stata ancora più alta, ma va bene così.
Jonathan Silva 6.5: Esordio da ricordare per l’ex Sporting CP. Ordine nei disimpegni e qualità negli interventi, non fanno rimpiangere l’assenza di Aleksandar Kolarov. Sfiora anche la marcatura su calcio di punizione nel primo tempo. Nella ripresa, la partita si mette sui binari giusti e l’intensità del terzino sinistro cala leggermente. Bravo!
Gonalons 7: Finalmente! Aspettavamo da tanto tempo una prestazione del genere dal francese. Si siede in cabina di regia e smista palloni a tutto campo con la precisione che ne ha fatto le fortune al Lione. Bravo anche in fase di interdizione, dove recupera diverse palle e vince altrettanti duelli aerei. La ciliegina sulla torta è il lancio a smarcare El Shaarawy, che spreca davanti a Meret.
Strootman 7: Lanci con il contagiri, interventi puliti e densità in ogni zona del campo. Partita magnifica dell’olandese che sta ritrovando condizione e brillantezza dei tempi migliori. Sua l’imbucata che costringe Vicari a insaccare nella porta sbagliata.
Pellegrini 6.5: L’approccio alla partita è dei migliori. Corre molto, come sempre, ed è preciso in fase di costruzione dell’azione. Pecca di sufficienza in zona gol, ma regala due assist che valgono l’autorete di Vicari e la terza marcatura giallorossa, con Patrik Schick.
Nainggolan 8: Oggi è il valore aggiunto di questa Roma formato trasferta. Recupera numerosi palloni e quando sembra in procinto di perderli, trova sempre il modo di rialzarsi e riprendersi il possesso della sfera. Cerca più volte la conclusione in porta e, tiro dopo tiro, la mira diventa sempre più precisa, fino a trovare il gol del raddoppio giallorosso. Mostruoso.
El Shaarawy 6: Molto meglio che nelle passate uscite, ma il Faraone manca ancora l’appuntamento con il gol. Gli manca quel pizzico di cattiveria in più sotto rete, anche se di mezzo, oggi, ci si sono messi la prontezza di Meret in porta e il palo nella ripresa, colpito partendo da posizione regolare, per quanto Tagliavento e i suoi assistenti non siano stati dello stesso avviso. Buone anche le giocate individuali, come la veronica con cui mantiene la sfera tra due avversari nella ripresa.
Schick 6.5: Primo tempo sottotono, per quanto i movimenti fossero giusti. Nei secondi quarantacinque minuti, il ceco cresce d’intensità, fino a trovare la gioia del primo gol in Serie A in giallorosso. Taglio perfetto sul primo palo e colpo di testa che piega le mani del portiere avversario. Speriamo sia solo l’inizio!
Under 6: Buona la vivacità con cui entra in campo, mettendo in mostra la sua caratteristica migliore: la velocità.
Perotti 6: L’argentino torna in campo dopo Barcellona-Roma e le risposte sono buone.
Gerson s.v: Gettato nella mischia a pochi minuti dal termine, non tocca molti palloni.
Di Francesco (All.re) 7: Bisognava pensare solo alla trasferta di Ferrara e il messaggio è stato recepito dalla squadra. I tre punti erano l’obiettivo da raggiungere e, nonostante il turnover e qualche gol mancato di troppo, i pronostici sono stati rispettati.
 
Ora si può, anzi si deve pensare alla trasferta europea di martedì.
La Roma scende in campo ad Anfield Road contro il Liverpool per l’andata delle semifinali di Champions League. Calcio d’inizio alle ore 20:45.
 
Pagelle SPAL:
Meret 6; Cionek 5.5, Vicari 4, Felipe 5.5; Lazzari 6, Everton Luiz 5, Schiattarella 5, Kurtic 5, Mattiello 5; Paloschi 5.5, Antenucci 6.
Subentrati: Grassi 5, Simic 5.5, Gomis s.v.
Allenatore: Leonardo Semplici 5.
 
Arbitro:
Paolo Tagliavento 5.5: Non fa intervenire il VAR né sul contatto Fazio-Antenucci in area di rigore né sul fallo da dietro di Everton Luiz su Strootman, da potenziale espulsione diretta. Nel secondo tempo, tiene sotto controllo la partita abbastanza agevolmente.
Ultima modifica ilSabato, 21 Aprile 2018 19:25

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore