logorcb

updated 10:57 PM CEST, Aug 13, 2019

Serie A, le probabili formazioni di Fiorentina-Roma

Di Francesco non molla il 4-2-3-1. De Rossi è out. Cristante con Nzonzi davanti alla difesa. Occhio a Zaniolo. Manolas convocato ma parte dalla panchina. Pronto il tandem Fazio-Jesus. In avanti Dzeko prima punta, Schick a partita in corso. Tornano Pastore e Kluivert. Pioli col 4-3-3 e ripropone sia Simeone che Pjaca. Gerson dal primo minuto. Difesa confermata.

Stessi punti. Stesso ruolino di marcia: 4 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte in Serie A. Stessa voglia di vincere.
Si basa anche sull’equilibrio, dunque, la sfida valida per l’11esima di campionato che mette di fronte Fiorentina e Roma domani alle 18:00.

Che sia una partita difficile lo sa bene il tecnico dei giallorossi, Eusebio Di Francesco, il quale, però, non ha intenzione di lasciare altri punti per strada: “Nelle ultime 7 gare abbiamo perso solo una partita, come ruolino siamo cresciuti. Abbiamo pareggiato al novantesimo a Napoli, ma non basta, non sono contento assolutamente. Voglio di più e pretendo che facciamo risultati e prestazioni migliori. Per poter arrivare a dei risultati bisogna crescere come prestazione e atteggiamento”.
Per farlo, il mister abruzzese si vuole affidare ancora al modulo più usato in stagione, per dare continuità all’assetto della squadra, il 4-2-3-1:Tutto è possibile, anche se vado a guardare la risposta del secondo tempo non mi è piaciuta come atteggiamento del 4-3-3. Troppo remissivi anche dal punto di vista generale, è una valutazione che faccio anche a partita in corso, ma oggi come oggi credo di dare ancora continuità al sistema di gioco che abbiamo attuato nell’ultimo periodo”.
Di Francesco, però, non potrà contare sull’apporto di Daniele De Rossi, molto probabilmente assente fino alla pausa per le Nazionali:Devo dire che De Rossi sicuramente non sarà convocato in questa gara perché ha ancora male, con molta probabilità non sarà convocato nemmeno contro il CSKA e difficilmente sarà disponibile contro la Sampdoria. Questo è lo stato di salute di De Rossi in questo momento”.
Dunque accanto a Steven Nzonzi, nel duo davanti alla difesa, dovrebbe essere schierato Bryan Cristante. L’ex atalantino, infatti, è risultato tra i migliori quanto a forma fisica nei test Mapei svoltisi in settimana:Ho letto che è risultato fisicamente al di sotto di altri calciatori. Abbiamo fatto i test questa settimana dove lui è risultato tra i migliori della squadra dal punto di vista fisico. Questo fa capire l’importanza che ha la parte psicologica in ogni calciatore”.
Ma attenzione alle possibili sorprese. Nelle ultime ore è circolata la notizia di un possibile impiego di un ex della partita, Niccolò Zaniolo, cresciuto nelle giovanili viola prima che in quelle nerazzurre.
Il giovane trequartista, infatti, ha dato risposte altrettanto positive nelle prove fisiche succitate e potrebbe essere schierato nella trequarti, con conseguente arretramento di Lorenzo Pellegrini accanto a Nzonzi.

Solo un’ipotesi? Al momento sì, ma tutto può accadere. Per ora resta in vantaggio il disegno tattico con Cristante mezzala e Pellegrini trequartista.
Anche la retroguardia è soggetta ad alcuni ballottaggi, specialmente tra i centrali. In tre si giocano due posti da titolare, come ammesso da Di Francesco in conferenza stampa:Non so chi sarà, sto valutando. Sono tre giocatori per due posti, che sono Juan Jesus, Manolas e Fazio”.
Il fatto che Kostas Manolas sia stato recuperato in extremis, anche se ha nelle gambe un intero allenamento, fa pensare che la coppia di centrali di difesa possa essere composta da Federico Fazio e Juan Jesus.

Il terzino sinistro sarà Alexandar Kolarov, data anche l’assenza per infortunio di Luca Pellegrini, mentre sulla destra Alessandro Florenzi, che a Napoli è partito dalla panchina, dovrebbe tornare titolare.
In avanti, alle spalle di Edin Dzeko, ci saranno Stephan El Shaarawy a sinistra e Cengiz Under a destra, anche se non è da escludere l’ingresso a partita in corso di Patrik Schick come esterno offensivo al posto del turco:Domani giocherà Edin Dzeko come centravanti. Poi Schick potrebbe giocare anche esterno, le possibilità ci sono”.
Completa l’11 titolare Robin Olsen tra i pali.

Tornano nella lista dei convocati anche Javier Pastore e Justin Kluivert, con l’olandese che potrebbe avere qualche minuto da giocare nella ripresa. Ancora out restano Diego Perotti e Rick Karsdorp.
In casa viola, Stefano Pioli (all.re Fiorentina), che può contare sulla miglior difesa e sul miglior attacco della Serie A quando la Fiorentina gioca in casa, descrive che partita sarà domani contro la Roma:La Roma è una grande squadra ma noi, seppur con qualche difficoltà nelle ultime sfide, abbiamo sempre provato a fare un calcio propositivo e domani faremo lo stesso. Siamo sempre stati in partita in queste prime sfide di campionato, l’unico tempo in cui siamo stati messi in difficoltà è stato a Torino. Per il tipo di gioco che abbiamo e per il tipo di attaccanti che abbiamo, senza giocare bene è difficile essere efficaci in fase offensiva. L’aspetto tecnico è importante, lo sarà molto domani perché affronteremo una squadra fisica e attrezzata”.
Sulla formazione, il tecnico dei toscani non si sbilancia, ma in conferenza stampa dà un’indicazione interessante sull’attacco, parlando di Giovanni Simeone e Marko Pjaca, partiti dalla panchina nell’ultima sfida di campionato contro il Torino:Si sono allenati molto bene, non credo abbiamo condiviso la scelta ma l’hanno accettata e ora sono pronti per giocare, come altri”.

Dunque, si prospetta un ritorno al tridente tipo, con Simeone punta centrale, affiancato da Pjaca a destra e Federico Chiesa a sinistra.
I quattro della retroguardia, davanti al portiere Alban Lafont, sono confermati: Nikola Milenkovic terzino destro, il duo di centrali German Pezzella-Vitor Hugo e Cristiano Biraghi a sinistra.
Sulla mediana, a supporto di Jordan Veretout, ci saranno Marco Benassi e l’ex romanista, attualmente in prestito alla viola, Gerson.
Proprio sul brasiliano ha voluto spendere qualche parola Pioli davanti alla stampa: “Gerson è un ottimo giocatore, ha caratteristiche importanti, è completo, deve trovare maggiore continuità e intensità in quello che fa, credo sia sulla strada giusta”.
Andiamo a riepilogare le probabili formazioni:
Fiorentina (4-3-3): Lafont; Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi, Veretout, Gerson; Chiesa, Simeone, Pjaca.
Allenatore: Stefano Pioli.
Roma (4-2-3-1): Olsen; Florenzi, Fazio, Juan Jesus, Kolarov; Cristante, Nzonzi; Cengiz Under, Lo.Pellegrini, El Shaarawy; Dzeko.
Allenatore: Eusebio Di Francesco.
Dirige la sfida il signor Luca Banti.
Sono 36 le partite della Roma dirette dal fischietto di Livorno, con un bilancio più che positivo per i giallorossi: 22 vittorie, 5 pareggi e 9 sconfitte.
Con la Fiorentina, invece, i precedenti con l’arbitro toscano sono 29, per un totale di 15 vittorie, di cui 9 ottenute in casa, 7 pareggi e 7 sconfitte.
3 sono le sfide tra capitolini e gigliati arbitrate già da Banti: 1 vittoria per la Roma all’Olimpico, 1 pareggio e 1 successo per la Fiorentina (entrambi al Franchi).
Completano la quaterna arbitrale gli assistenti di linea Bindoli-Meli e il quarto ufficiale Calvarese.
Al VAR ci saranno l’arbitro Orsato e il guardalinee Schenone.
Il calcio d’inizio allo Stadio Artemio Franchi di Firenze, dove sono attesi circa 30mila spettatori, di cui 3mila romanisti, è previsto per le ore 18:00. La partita sarà visibile sui canali Sky calcio.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore