logorcb

updated 7:50 PM CEST, Oct 22, 2019

Serie A, le probabili formazioni di Juventus-Roma

Giallorossi a caccia dell’impresa. Torna Dzeko tra i convocati. De Rossi out. Florenzi in attacco con Santon terzino. Cristiano Ronaldo e Pjanic non riposano. Bianconeri senza Cancelo ma con De Sciglio. Chiellini e Benatia formano la coppia di centrali.

C’è un distacco considerevole. Probabilmente troppo.
Ma Juventus-Roma rimane sempre una sfida affascinante, piena di corsi e ricorsi storici.
Dal gol di Turone al pareggio-scudetto di Montella e Nakata, fino ad arrivare al violino di Garcia allo Stadium, impianto tabù per i giallorossi, che non sono mai riusciti a portare via nemmeno un pareggio in sette anni.

Eusebio Di Francesco (all.re Roma) è consapevole di essere in bilico, come ammesso in conferenza stampa: “Per il lavoro che faccio tutte le mattine mi sento in discussione quando mi sveglio. Non solo legato alla posizione ma anche in quello che devi fare quotidianamente perché quando vedi che le cose non girano, perlomeno non vanno come tu vorresti, ti fai sempre delle domande e cerchi di trovare soluzioni giuste. Detto questo, penso a guardare avanti e cercare di fare, per forza di cose, meglio di quanto abbiamo fatto fino adesso, perché come sapete nel calcio l’allenatore è sempre davanti a tutti come responsabilità.
Le difficoltà aumentano se si pensa che non faranno parte della spedizione giocatori del calibro di Daniele De Rossi, che non ha superato il provino nella rifinitura, Stephan El Shaarawy e Lorenzo Pellegrini.
Ma una nota positiva c’è ed è il recupero, almeno nella lista dei convocati, di Edin Dzeko: “Le possibilità più grandi le abbiamo su Dzeko che oggi farà il primo allenamento con la squadra, valuteremo la possibilità di portarlo in panchina. Deve avere la disponibilità nei confronti della squadra, calcolando che viene da più di venti giorni di sosta, è impossibile poterlo utilizzare dal primo minuto. Quasi sicuramente sarà tra i convocati”.
Il bosniaco, dunque, dovrebbe partire dalla panchina, aprendo le porte all’ennesima occasione per Patrik Schick, che i rumors di calciomercato vogliono sempre più vicino ad un ritorno in prestito alla Sampdoria a gennaio.

Il ceco guiderà l’attacco giallorosso, dato che l’esperimento di Nicolò Zaniolo usato come falso nove non ha dato gli effetti sperati: “Non avendo avuto delle risposte giuste con Zaniolo in quel ruolo, si giocheranno i due posti da attaccante o giocheranno tutti e tre: Under, Schick e Kluivert”.
Dunque, il giovane ex Inter tornerà nella sua posizione abituale, nella trequarti avversaria, mentre completeranno l’attacco Justin Kluivert, sulla sinistra, e Alessandro Florenzi, sulla destra. Il giocatore numero 24, infatti, sarà schierato in zona offensiva, anche a causa di qualche problemino accusato negli ultimi giorni da Cengiz Under, comunque partito per il capoluogo piemontese:Florenzi potrebbe anche essere utilizzato in quel ruolo, perché non è la prima volta che l’ho fatto. L’ho fatto anche in passato, durante la scorsa partita è finito anche mezzala, è il giocatore che si adatta con più facilità ai ruoli rispetto ad altri che hanno più bisogno di tempo per assimilare alcuni concetti. Lui in questo è molto bravo […] Under ha avuto qualche problemino in questi giorni ed è da valutare oggi in allenamento, perché non si mai è allenato con la squadra fino a ieri”.
Partiranno ancora dalla panchina, invece, Diego Perotti e Javier Pastore, nonostante i netti miglioramenti fisici dimostrati negli ultimi allenamenti:Hanno avuto continuità negli allenamenti, sono contento della loro crescita, ma difficilmente potranno partire dal primo minuto. Sono veramente contento di come si stanno allenando, specialmente Diego, che ha superato quei piccoli problemini che non gli davano continuità negli allenamenti. Per uno come lui, che ha caratteristiche particolari nell’uno contro uno, se non stai bene fisicamente poi fai anche fatica a ricercare queste cose, sono contento della loro crescita. I 90 minuti in questo momento sono difficiliII”.
A centrocampo il duo sarà sempre composto da Steven Nzonzi e Bryan Cristante.
La retroguardia torna a 4, con la coppia di centrali formata da Kostas Manolas e Federico Fazio, mentre sulle fasce ci saranno Davide Santon, a destra, e Aleksandar Kolarov, a sinistra.
Completa l’undici titolare il portiere Robin Olsen.
In casa bianconera, Massimiliano Allegri (all.re Juventus) ha sciolto le riserve sull’impiego o meno di Cristiano Ronaldo, annunciandone la discesa in campo dal primo minuto di gioco:Domani Cristiano gioca, quindi poi ci rimane due partite al 50 percento”.

Il tecnico bianconero, inoltre, ha dato diverse indicazioni sul come schiererà la squadra contro la Roma, svelando che la retroguardia a 4 sarà composta sicuramente da Alex Sandro sulla sinistra, Mattia De Sciglio sulla destra e da Giorgio Chiellini al centro.
L’unico dubbio riguarda il secondo centrale di difesa, con Medhi Benatia in pole position per far rifiatare Leonardo Bonucci: “De Sciglio e Alex Sandro giocheranno sicuramente. Chiellini di sicuro. Giorgio è cresciuto molto, sia come difensore sia come personalità. La fascia di capitano l’ha responsabilizzato e tranquillizzato.  L’altro difensore lo devo decidere. Bonucci ha giocato 1800 minuti, quasi tutte le partite. In queste partite farò girare e riposare secondo l’avversario”.
Chi non riposerà in questa partita, oltre a CR7, sarà Miralem Pjanic, alle cui abilità da regista Allegri non vuole rinunciare: “Pjanic non riposa perché è un giocatore, per caratteristiche, unico nella rosa. È diventato bravo a fare il regista, ha una velocità di passaggio che gli altri non hanno”.
Ad affiancare l’ex romanista a centrocampo ci saranno Blaise Matuidi e Rodrigo Bentancur.
Paulo Dybala avrà il compito di supportare Ronaldo e Mario Mandzukic, che compongono il tandem offensivo. Il croato, tra l’altro è stato esaltato da Di Francesco davanti ai giornalisti come esempio di abnegazione e sacrificio anche in fase difensiva: “Prendo come esempio Mandzukic che contro il Torino difendeva dentro all’area di rigore sui loro traversoni, faceva il terzo centrale in area di rigore. Mentalità e capacità di sacrificarsi per gli altri.”.
Completa la formazione torinese un altro ex di serata, il portiere Wojciech Szczesny.
Andiamo a riepilogare le probabili formazioni:
Juventus (4-3-1-2): Szczesny; De Sciglio, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Matuidi, Pjanic, Bentancur; Dybala; Ronaldo, Mandzukic.
Allenatore: Massimiliano Allegri.
Roma (4-2-3-1): Olsen; Santon, Manolas, Fazio, Kolarov; Nzonzi, Cristante; Florenzi, Zaniolo, Kluivert; Schick.
Allenatore: Eusebio Di Francesco.
Dirige la sfida il signor Davide Massa.
Sono 15 i precedenti della Roma con il fischietto di Imperia, per uno score piuttosto positivo, che recita 7 vittorie, 6 pareggi e 2 sconfitte.
Ma anche per i bianconeri la tradizione è piuttosto favorevole, forse anche di più. La Juventus, infatti, non ha perso nessuna delle 11 sfide dirette dall’arbitro ligure, ottenendo 9 vittorie e 2 pareggi.
Si tratta dell’esordio assoluto di Massa in una sfida tra queste due formazioni.
Completano la quaterna arbitrale gli assistenti di linea Tegoni-Vuoto e il quarto ufficiale Maresca.
Al VAR ci saranno l’arbitro Giacomelli e il guardalinee Lo Cicero.
Il calcio d’inizio è previsto all’Allianz Stadium alle 20:30 di sabato 22 dicembre 2018. La partita sarà visibile sulla piattaforma digitale DAZN.

Ultima modifica ilSabato, 22 Dicembre 2018 00:38

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore