logorcb

updated 10:57 PM CEST, Aug 13, 2019

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Juventus

Giallorossi con Manolas, Strootman e Perotti convocati.
I bianconeri recuperano Chiellini, anche se malconcio, ma perdono Cuadrado per squalifica. 
È pur sempre Roma-Juventus.          
Il campionato ha dato molti verdetti e, con la sconfitta inaspettata dell’Inter a San Siro contro il Sassuolo, se ne aggiunge un altro.
La Roma è aritmeticamente in Champions League.
Manca da definire, anche se la differenza è solo di blasone, se come terza o quarta forza della Serie A.
A tal proposito potrebbe essere decisivo il match delle 15:00 tra Crotone e Lazio.
Qualora i biancocelesti dovessero uscire sconfitti contro i calabresi, ai giallorossi basterebbe un punto per avere la certezza del gradino più basso del podio a prescindere dall’ultima giornata.
La Juventus, invece, ha più di una mano sullo scudetto. Molto dipenderà anche dalla sfida che il Napoli giocherà a Marassi contro la Sampdoria.
Se i partenopei non dovessero vincere, i bianconeri festeggerebbero il tricolore anche con una sconfitta all’Olimpico.
Nonostante questo, però, c’è da giurare che le due squadre, rivali da tempi remoti, si daranno battaglia per trionfare in quella che resta una delle classiche del calcio italiano.
Eusebio Di Francesco, tecnico della Roma, ha ricevuto buone notizie dall’infermeria.
I giallorossi, infatti, possono annotare nella lista dei convocati pedine fondamentali per lo scacchiere tattico del mister abruzzese.
Sono recuperati Kevin Strootman, che probabilmente sarà della partita dal primo minuto, Kostas Manolas e Diego Perotti.
Questi ultimi dovrebbero partire dalla panchina, con qualche chance di ingresso a gara in corso.
Sicuri del posto da titolare, come annunciato dall’allenatore in conferenza stampa a Trigoria, sono Alisson tra i pali, Alessandro Florenzi e Aleksandar Kolarov terzini, Daniele De Rossi e Radja Nainggolan sulla mediana, Edin Dzeko e Stephan El Shaarawy in attacco, con Juan Jesus, Federico Fazio e Cengiz Under a completare il 4-3-3.
In casa torinese, Massimiliano Allegri (all.re Juventus) ha parlato in conferenza stampa della possibilità di chiudere i giochi sul primato in classifica con una giornata di anticipo: “Non abbiamo ancora vinto. Come mi sento? Non bene, ho tosse, raffreddore, da un mese non mi sento molto bene, per fortuna tra poco vado al mare per riprendermi un po’. Possiamo parlare della Coppa Italia. I ragazzi si meritavano quella serata, anche tifosi e società si meritano soddisfazioni. Ora dobbiamo vincere il campionato per avere una settimana in più di vacanza. L'ho detto ai ragazzi.
Le motivazioni, dunque, non mancano, anche se il tecnico toscano sa di avere davanti un allenatore altrettanto forte, di cui riconosce i meriti: “Non era semplice prendere la Roma dopo Spalletti e dopo gli 87 punti fatti lo scorso anno. La semifinale di Champions è stata inaspettata e al primo anno in una prima squadra ha dimostrato il suo valore (Di Francesco, ndr)È uno dei giovani allenatori migliori in circolazione”.
Sulla formazione, poi, il mister dei bianconeri ha svelato qualcosa, ricordando il recupero del seppur malconcio Giorgio Chiellini, la squalifica di Juan Cuadrado e annunciando l’impiego di Gonzalo Higuain dal primo minuto, il grande assente della finale di Coppa Italia vinta contro il Milan mercoledì scorso: “Domani gioca assieme a Dybala. La mia scelta di lasciarlo in panchina per la finale mi permetteva di avere un cambio importante. Quest'anno Gonzalo è stato determinante nelle due partite chiave della stagione. A Napoli contro il Napoli e a Milano quando a tre minuti dalla fine stavamo pareggiando contro l'Inter e il campionato poteva complicarsi. In porta gioca Szczesny. Douglas Costa devo valutarlo. Howedes e Chiellini sono infortunati, Cuadrado è squalificato e gli altri ci sono. Domani tutti devono avere la voglia di giocarla contro una squadra che ha fatto una grande Champions. Hanno fatto meno dell'anno scorso in campionato ma sono forti fisicamente, tecnicamente e ben allenati”.
Andiamo a riepilogare le probabili formazioni:
Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Fazio, Juan Jesus, Kolarov; Strootman, De Rossi, Nainggolan; Under, Dzeko, El Shaarawy.
All. Eusebio Di Francesco
Juventus (4-2-3-1): Szczesny; Lichtsteiner, Barzagli, Benatia, Alex Sandro; Khedira, Marchisio; Matuidi, Dybala, Mandzukic; Higuain.
All. Massimiliano Allegri
Dirige la sfida il signor Paolo Tagliavento.
Il fischietto di Terni ha diretto il match di andata in questa stagione all’Allianz Stadium, terminato 1-0 per i bianconeri, con il gol dell’ex romanista Medhi Benatia.
In totale, sono 37 i precedenti del direttore di gara con la Roma, con uno score che recita 24 vittore (di cui 2 contro la Juventus), 4 pareggi e 9 sconfitte.
Sono, invece, 28 gli incroci tra Tagliavento e la Juventus, che si articolano in 13 vittorie, 5 pareggi e 10 sconfitte, 8 delle quali arrivate in trasferta.
Completano la quaterna arbitrale gli assistenti di linea Passeri-Costanzo e il quarto uomo Rocchi.
Al VAR sono stati designati l’arbitro Giacomelli e il guardalinee Valeriani.
Calcio d’inizio allo Stadio Olimpico, domenica 13 maggio 2018 alle ore 20:45.
Ultima modifica ilDomenica, 13 Maggio 2018 00:21

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore