logorcb

updated 7:49 AM CEST, Sep 20, 2019


Roma Capitale Magazine media partner di Taste of Roma 2019!
Dal 19 al 22 settembre 2019 si aprono le porte dell’ottava edizione.
Promo esclusiva per i nostri lettori.
Invia una mail a oppure WhatsApp 3938614787

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Juventus

 Ranieri conferma in blocco la squadra di Genova, con il solo Nzonzi fuori, sostituito da De Rossi. Altra chance per Zaniolo a destra. Bianconeri con assenze pesanti. Sono out Mandzukic, Douglas Costa, Khedira, Rugani e Perin. Squalificato Bernardeschi. Davanti rientra Dybala dal primo minuto. Ronaldo punta centrale. Arbitra Massa di Imperia.

Non sarà mai come tutte le altre.
Roma-Juventus è più di una partita e va oltre le mere ambizioni di classifica. Si parla di storia, onore, voglia di vincere sempre questo affascinante duello, specialmente dalla parte romanista.

Lo dimostra lo Stadio Olimpico che domani sarà praticamente sold out, con più di cinquantamila tifosi a spingere la squadra capitolina all’impresa di battere i campioni d’Italia in carica.
Il tutto con uno sguardo alla zona Champions League, difficile ma non impossibile da raggiungere.
Per farlo, Claudio Ranieri (all.re Roma) avrà a disposizione praticamente tutta la rosa, cosa avvenuta raramente in stagione, compresi Rick Karsdorp, rientrato già nello scorso turno di campionato, e Davide Santon, che sembra aver smaltito l’infortunio muscolare accusato il mese scorso. Nonostante il rientro dei due terzini destri, però, a giocare in difesa dovrebbe essere ancora Alessandro Florenzi, considerato un jolly dal proprio allenatore: “Karsdorp e Santon sono allenati tutta la settimana, stanno bene, ma non hanno i 90 minuti. Florenzi è un jolly che può giocare alto o basso, per cui abbiamo sempre la possibilità di poterlo utilizzare nei due ruoli”.
Insieme al giocatore romano, andranno a formare la linea difensiva a 4 i due centrali Kostas Manolas-Federico Fazio e il terzino sinistro Aleksandar Kolarov.
L’unica novità che si appresta ad esserci rispetto all’undici titolare schierato a Marassi è a centrocampo, dove il tecnico dei capitolini ritrova il suo capitano, Daniele De Rossi.
Il mediano di Ostia, dove gli è stato dedicato un murales nei giorni scorsi, andrà a fare da filtro sulla mediana insieme all’altra mezzala Bryan Cristante. Resta in panchina, invece, Steven Nzonzi.
Sulla trequarti è confermato Lorenzo Pellegrini,  che cercherà di smistare palloni interessati per gli esterni Stephan El Shaarawy, a sinistra, e Nicolò Zaniolo, a destra.
Il giovane ex Inter dovrebbe essere ancora preferito a Justin Kluivert in quella posizione di campo, nonostante il momento non facilissimo da lui attraversato in queste ultime settimane e di cui ha provato a dare una spiegazione proprio Ranieri in conferenza stampa: “Di Zaniolo l’abbiamo detto più volte, lui è una mezzala a tutto campo. In questo momento per me è stato importante sia come trequartista, che non è il suo ruolo, che come esterno di destra, che non è il suo ruolo. Ma ha una prestanza fisica così alta e grandi strappi nel suo gioco che può ricoprire all’occorrenza anche questi ruoli. È logico che non possa essere un ragazzo che debutta al primo anno di Serie A, ed è al centro dell’attenzione, e non possa stare tutte le partite al 100 percento. Negli ultimi allenamenti lo sto vedendo molto più rinfrancato, determinato e voglioso e questo per me è importante”.
Oltre a Kluivert, resta in panchina anche l’altra ala destra Cengiz Under che, secondo il proprio mister, deve migliorare la fase di non possesso: “Questo ragazzo vede la porta come pochi, ha un gran tiro. L’infortunio gli ha fatto perdere determinate qualità e caratteristiche che non sono espresse al massimo. Durante gli allenamenti vedo che tirando in porta si avvicina sempre di più a centrare la porta, quello che deve migliorare per me è, quando giochiamo soprattutto con un 4-2-3-1, che gli esterni devono rientrare. Non può restare lì davanti ma deve chiudere la squadra. So che non è un recuperatore di palloni, ma un finalizzatore, però se non rientra e non copre quella zona il terzino dietro è sempre preso in un due contro uno. Deve migliorare l’aspetto di perdita di palla, su quello che deve fare”.
Di punta ci sarà per l’ennesima volta Edin Dzeko: “Lo vedo come giocatore forte e molto determinato, si allena sempre bene. Ci sta, l’ho detto all’inizio, un anno dove non riesce magari a far gol che in altre annate faceva. La sua voglia e la sua determinazione mi hanno sempre fatto scegliere lui perché è un giocatore importante per la Roma, e anche se non sta facendo i gol che tutti quanti si aspettavano da lui, sta facendo un gioco importante per i suoi compagni”.
Completa lo schieramento Antonio Mirante tra i pali.
In casa bianconera, Massimiliano Allegri assicura che, nonostante lo scudetto sia stato vinto qualche settimana fa, la propria squadra cercherà in tutti i modi di onorare l’impegno dell’Olimpico: “Domani ci sarà una bella partita, contro la Roma e davanti a 50mila persone, poi ci gustiamo la festa scudetto in casa contro l'Atalanta”.
Il tecnico toscano non avrà con sé Mario Mandzukic, Douglas Costa, Khedira e Perin, oltre allo squalificato Federico Bernardeschi, ma ha recuperato pedine importanti per il proprio scacchiere tattico: “Abbiamo recuperato calciatori importanti: Dybala, Alex Sandro, Emre Can...”.
Proprio il fantasista argentino dovrebbe iniziare il match dal primo minuto in attacco, data la sindrome influenzale che ha colpito Moise Kean nei giorni scorsi: “Intanto Dybala domani rientra e dovrebbe giocare dall'inizio, cercando di finire il campionato nel migliore dei modi. Per quanto riguarda la sua posizione, quest'anno è stata sempre la stessa. Poi l'anno scorso giocava solo con Mandzukic e Higuain davanti a lui, quest'anno c'era Ronaldo che è un giocatore diverso”.
Il numero 10 bianconero affiancherà Juan Cuadrado nel tandem dietro l’unica punta Cristiano Ronaldo, alla ricerca di gol per la classifica marcatori.
Scelte obbligate anche a centrocampo, con Rodrigo Bentancur e Blaise Matuidi ai fianchi del perno centrale Miralem Pjanic.
Sulla crescita e le mancanze di Bentancur, tra l’altro, ha voluto spendere alcune parole Allegri davanti i giornalisti: “Quest'anno è cresciuto tanto, ma nella visione di gioco, nei tiri, negli assist e negli inserimenti può e deve migliorare. Sono situazioni di gioco che gli mancano”.
In difesa, arriva la conferma per la coppia di centrali Leonardo Bonucci-Giorgio Chiellini, così come per Leonardo Spinazzola a sinistra. Sulla destra, invece, è ballottaggio tra Mattia De Sciglio e Joao Cancelo, con l’italiano al momento in vantaggio sul collega di reparto.
Completa la formazione titolare Wojciech Szczesny in porta.
Andiamo a riepilogare le probabili formazioni:
Roma (4-2-3-1): Mirante; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; De Rossi, Cristante; Zaniolo, Pellegrini, El Shaarawy; Dzeko.
Allenatore: Claudio Ranieri.
Juventus (4-3-2-1): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Spinazzola; Bentancur, Pjanic, Matuidi; Cuadrado, Dybala; Ronaldo.
Allenatore: Massimiliano Allegri.
Dirige la sfida il signor Davide Massa.
 Il fischietto d’Imperia ha diretto la Roma in 17 occasioni, con uno score di 7 vittorie, 7 pareggi e 3 sconfitte. Massa, tra l’altro, ha arbitrato anche l’ultimo precedente tra giallorossi e bianconeri, risalente allo scorso dicembre, quando all’Allianz Stadium di Torino finì 1-0 per i padroni di casa. L’incrocio più recente tra il direttore di gara ligure e i capitolini risale al pareggio dello Stadio Olimpico contro la Fiorentina per 2-2 di aprile.
Bilancio schiacciante quello della Juventus, imbattuta con Massa arbitro: 10 vittorie e 2 pareggi su 12 precedenti.
Completano la quaterna arbitrale gli assistenti di linea Meli-Preti e il quarto ufficiale Guida.
Al VAR sono stati designati l’arbitro Mazzoleni e il guardalinee Carbone.
Il calcio d’inizio del match, presso lo Stadio Olimpico di Roma, è previsto per le ore 20:30 di domenica 12 maggio 2019.
La partita sarà trasmessa in esclusiva su Sky ai canali Sky Sport Uno (numero 201 del satellite e 472 del digitale terrestre), Sky Sport Serie A (numero 202 del satellite e 473 del digitale terrestre) e Sky Sport (numero 251 del satellite).
Inoltre per gli abbonati alla piattaforma satellitare, la sfida sarà visibile in streaming attraverso l’applicazione SkyGo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore