logorcb

updated 9:58 AM CET, Dec 8, 2019
Calcio

Calcio (384)

Fonseca: “Florenzi gioca quando decido io. Pellegrini e Under sono pronti”

 Il tecnico della Roma, Paulo Fonseca, ha incontrato i giornalisti in sala stampa a Trigoria, in vista del match di Serie A contro il Brescia di domani pomeriggio allo Stadio Olimpico. 
Queste le sue parole:

Che partita si aspetta domani?
Una partita difficile. È vero che hanno cambiato allenatore, hanno fatto una partita sola con questo allenatore, ma ho visto anche altre partite del Brescia, come contro il Napoli e l’Inter. Sono una bella squadra, giocano bene ed hanno buoni giocatori. Domani sarà una partita difficile.

Lazio –Lecce 4-2. La Lazio vince soffrendo contro un ottimo Lecce

lazio lecceDoveva essere una partita facile per la Lazio che incontrava un Lecce che ha la metà dei punti in classifica rispetto ai biancocelesti ma la quadra pugliese, a dispetto della posizione in campionato, ha venduto cara la pelle e si è dimostrata una compagine ostica con un’ottima organizzazione.

La Lazio parte in modo arrembante e nei primi 10 minuti costruisce ottime occasione per il vantaggio che non riesce a finalizzare per errori individuali mentre il Lecce piano piano avanza il baricentro e inizia con buone ripartenze ad impensierire la difesa biancoceleste.

La Lazio va in vantaggio al minuto 30 con un destro preciso dal limite area di rigore di Correa e subisce solo dopo 10 minuti il pareggio di Lapadula che sfrutta una deviazione da corner di Rossettini che libera il centravanti pugliese davanti la porta; nel finale di primo tempo la Lazio sbaglia con Luis Alberto che tira sopra la traversa da buona posizione.

La ripresa inizia con una Lazio aggressiva che costringe il Lecce nella propria metà campo; al minuto 62 arriva il nuovo vantaggio con Milinkovich che anticipa di destro l’avversario dopo un assist da sinistra di Acerbis.

Il Lecce potrebbe pareggiare la partita su rigore concesso per un fallo di Milinkovich su Mancosu, il Var avrebbe dovuto annullare o quantomeno far rivedere all’arbitro, ma Babacar si fa parare il rigore dall’estremo difensore biancoceleste; in realtà dopo la parata Lapadula segnava ma l’arbitro evidenziava l’entrata in area di rigore del pugliese prima del calcio del rigore.

Scampato il pericolo la Lazio chiude la partita con un penalty di immobile e un gol in contropiede di Correa su assist preciso di Immobile; sul 4-1 un Lecce mai domo riesce ad accorciare le distanze con La Mantia subentrato da poco a Babacar.

La Lazio vince con merito ma ha trovato dinanzi un ottimo Lecce, che ha giocato una partita senza alcun timore con un bello spettacolo per tutti i presenti allo stadio.

Etichettato sotto

Lazio – Celtic 1-2 . Lazio ad un passo dalla eliminazione in Europa League

lazio celticDoveva essere la partita della svolta per rimettere in gioco la qualificazione nella Europa League e invece si è trasformata in una disfatta con tanti rimpianti per una girone alla portata.

La partita è iniziata come Mister Inzaghi l’aveva studiata con una Lazio con il baricentro alto pronta ad aggredire l’avversario per avere il pallino del gioco dalla sua parte; così è stato per gran parte del primo tempo con un vantaggio arrivato al 7 minuto grazie al solito Immobile che metteva dentro di destro un cross dalla destra di Lazzari.

La squadra scozzese gioca una partita di molta sostanza e fisicità, che in campo europeo sono una costante, e benchè inferiore tecnicamente tiene comunque botta all’avversario e riesce a pareggiare grazie ad un errore in palleggio di Milinkovich che a ridosso dell’area di rigore perde malamente la palla che finisce sulla destra a Forrest che insacca con un diagonale potente e preciso.

La Lazio si disunisce un po' ma riesce comunque a creare le occasioni per tornare in vantaggio ma non riesce a concretizzare la mole di lavoro prodotta.

Nella ripresa la squadra biancoceleste avanza ancora di più il baricentro in avanti nella speranza di trovare il vantaggio, per rimettere in gioco una qualificazione compromessa, ma un po' gli errori un po' la decisione dell’arbitro di non concedere un rigore solare per fallo di mano in area di rigore, non gli permettono di arrivare al gol.

Come spesso accade in questi casi quando una squadra è riversata in attacco la Lazio subisce la beffa finale dal Celtic che va in vantaggio e vince la partita dopo un’ennesima palla persa, questa volta del subentrante Berisha, che una manciata di minuti prima davanti al portiere avversario si faceva ipnotizzare e tirandogli addosso.

La Lazio esce sconfitta dal match immeritatamente, come nella gara di andata. ma l’aspetto che deve far riflettere è che in Europa a parte l’aspetto tecnico ciò che fa la differenza è la giusta forza mentale e carattere per tutta l’arco della partita che purtroppo pecca alla squadra biancoceleste.

Etichettato sotto

Europa League, le probabili formazioni di Borussia Monchengladbach-Roma

 Fonseca perde Spinazzola e sceglie Santon sulla destra. Torna titolare Florenzi sulla linea dei trequartisti, insieme a Zaniolo e Perotti. Mirante convocato ma gioca Pau Lopez. Tedeschi senza Embolo. Thuram di punta con Herrmann. Rose sceglie il 4-4-2. Arbitra lo spagnolo Manzano.
Tutto parte da quel rigore.

Roma e Borussia Monchengladbach si incontrano nuovamente dopo tre settimane dal misfatto dello Stadio Olimpico, quando l’arbitro scozzese Collum decretò un tiro dal dischetto nel recupero a favore dei tedeschi, per un fallo di faccia di Chris Smalling.

Milan – Lazio 1-2 .I biancocelesti vincono in casa del Milan in campionato dopo 30 anni

Milan LazioSono trascorsi 30 anni dall’ultima vittoria in campionato della Lazio a Milano contro i rossoneri in una gara di campionato e il risultato è arrivato grazie ad una bella e convincete prestazione della squadra di Inzaghi.

La Lazio è scesa in campo determinata, sin dall’inizio, ed è riuscita ad imporre il suo gioco con fraseggi stetti a centrocampo e  repentine accelerazioni  in avanti  grazie alla velocità di Immobile e Correa.

La Lazio, a metà primo tempo, passa in vantaggio grazie ad un colpo di testa di Immobile sul cross dalla destra di Lazzari e subisce solo dopo 3 minuti il pareggio a causa di una deviazione involontaria di Bastos sulla propria porta; nonostante il pari immeritato la Lazio non si disunisce e tiene il campo in modo egregio senza subire occasioni pericolose dagli avversari.

La ripresa è sulla falsariga del primo tempo con una Lazio sempre concentrata e messa bene in campo che dopo aver creato buoni occasioni da gol e controllato la partita passa in vantaggio al minuto 84 grazie ad un assist al bacio di Luis Alberto che lancia in profondità Correa che in diagonale trafigge un Donnarumma incolpevole.

Il risultato ottenuto e la striscia positiva di vittoria fa ben sperare per il proseguo del campionato e della corsa alla qualificazione al girone di Europa League dove giovedì all’Olimpico arriva il Celtic in una partita che è quasi uno spareggio. 

Serie A, le pagelle di Roma-Napoli

 I giallorossi battono i partenopei con le reti di Zaniolo e Veretout, su rigore. Non basta agli azzurri la rete di Milik nella ripresa. La squadra di Fonseca sale momentaneamente al terzo posto in classifica. Per Ancelotti tanto da rivedere. Ottima direzione di Rocchi.
Non sempre chi parte favorito vince.

La Roma, che era sì sopra in classifica ma non accompagnata dal favore del pronostico, batte un Napoli bello solo per 25 minuti nel primo tempo.

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Napoli

 Fonseca pensa a Cetin al centro della difesa e conferma Mancini sulla mediana. Quarta consecutiva per Pastore. Rientra Spinazzola. Ancelotti senza Allan, Malcuit e Ghoulam, recupera Manolas. Maksimovic scalda comunque i motori. Davanti possibile il tandem Milik-Mertens, con Lozano in panchina. Arbitra Rocchi, al VAR Aureliano.
Dopo la tempesta arbitrale abbattutasi su diversi campi nel turno infrasettimanale, torna la Serie A.

L’undicesima giornata di campionato ci propone, tra le altre, una sfida di vertice tra Roma e Napoli.
I giallorossi, nonostante l’errore di Massimiliano Irrati in occasione del rosso a Fazio, che salta la sfida contro i partenopei per la conseguente squalifica, hanno vinto e convinto contro l’Udinese in trasferta e vogliono confermarsi al quarto posto in classifica.

Fonseca: “Pastore sta bene. Cetin? È un bravo ragazzo. De Laurentiis e Ronaldo? No comment”

 Il tecnico della Roma, Paulo Fonseca, ha incontrato i giornalisti in sala stampa a Trigoria, in vista del match di campionato di domani alle 15:00 presso lo Stadio Olimpico contro il Napoli.
Queste le sue parole:
Sta pensando di riportare Mancini in difesa dopo l’espulsione di Fazio?

Vediamo domani, oggi non voglio parlare della formazione. Non me lo domandare perché non voglio parlarne della squadra.

Lazio – Torino 4-0! I biancocelesti domano il Toro

lazo torinoNel turno infrasettimanale all’Olimpico è in scena lo scontro tra la squadra di Inzaghi e il Torino di Mister Mazzarri che osserva la partita dalla Tribuna in virtù del turno di squalifica.

La Lazio, contrariamente alle precedenti occasioni, scende in campo molto concentrata, sin dall’inizio, e concede ben poco al Torino che raramente nel primo tempo si rende pericoloso; La Lazio passa in vantaggio con una prodezza di Acerbis che scaglia un sinistro dalla distanza che trafigge un Sirigu apparso sorpreso.

Dopo essere passata in vantaggio la Lazio raddoppia con Immobile che viene lanciato in profondità da un ottimo Luis Alberto che giunto in area di rigore non dà scampo a Sirigu.

La ripresa inizia con un Toro più incisivo che va molto vicino al gol, che poteva riaprire la partita, con Belotti il suo tiro si stampa sulla traversa; il forcing granata dura poco e la Lazio torna ad essere padrona del campo tanto da andare sul 3-0 con un rigore trasformato da Immobile assegnato giustamente, dall’arbitro Orsato, per fallo su Caceido di N’Koulou che vie poi espulso per somma di ammonizione.

La partita termina con il suggello di Luis Alberto che da corner, forse grazie ad una leggera deviazione di Belotti, sigla il poker.

La Lazio convince in questa partita e dopo la vittoria di Firenze nella prossima giornata andrà a San Siro a vedersela contro il Milan e contro un tabù che la vede mai vittoriosa contro i rossoneri in trasferta in campionato da oltre 30 anni.

Etichettato sotto

Serie A, le pagelle di Udinese-Roma

 I giallorossi, devastanti nonostante l’uomo in meno, calano il poker con le reti di Zaniolo, Smalling, Kluivert e Kolarov. Mancini delizia per gli occhi. Friulani inesistenti. Alla Dacia Arena è 0-4. Irrati sbaglia sul rosso a Fazio.
Sei bella anche senza VAR.
La Roma vince e convince, nonostante l’ennesimo episodio controverso a sfavore, annientando l’Udinese di un traballante Igor Tudor per 0-4 in terra friulana.
I giallorossi partono timidi, con Gianluca Mancini costretto a spendere un fallo tattico al secondo minuto per errore di Chris Smalling, con conseguente giallo.

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore