logorcb

updated 7:27 AM CEST, Oct 21, 2019

Cari bambini o politicanti che dirsi non voglia…

globe-in-hand-937195-mCari bambini, il mondo è in bancarotta e la giustizia è una chimera ancora lontana.

Bisogna confrontarsi su temi importanti, ossia in ambito locale, senza la supponenza di chi pensa di essere intoccabile.

La critica politica ci sta sempre, specie quand’è costruttiva (spero di essere stato esplicito).

Com’è possibile che delle ordinanze compaiano o scompaiano senza che ci si preoccupi?

Una malattia ha bisogno di concretezza e di mani disposte a sporcarsi, ad accettare il brutto.

Cercasi disperatamente una persona amorevole che si occupi del marketing riguardante le attività legali (ciò di cui per costituzione in pochi si occupano) improprie!

Pensare è un duro lavoro, anche se molti credono di avere un pensiero in realtà vedono solo la loro ombra.

Pensare per semplificare viene quasi in modo naturale... ecco perché molti riducono l’Altro in Sé.

Ma oggi, appena capisci un concetto, questi è già divenuto desueto.

Tra un libro, che è una continua sollecitazione olfattiva; un film, che distrae perché sposta tutto sul piano visivo; e una fotografia, bellissima, ma colta da una sfida troppo difficile: quella con te stesso.

Cosicché, per condividere qualcosa, perlomeno virtualmente, devo cambiare l’identità ogni volta.

I rifiuti, lo sappiamo, possono essere spesso difficili da digerire, ma possono rappresentare un importante momento di crescita, perciò non devono, invece, essere solo una scusa per sfogare la propria frustrazione.

Cari bambini, l’infanzia la si ripercorre da esperti, non da genitori.

E lontani dagli adulti che iperproteggono non lasciando l’iniziativa, che non sono vere guide quando servono.

Ecco perché servono le parole sagge: quelle che vengono dette senza enfasi, con tono realistico, quando non è possibile scambiarcene una come tante nello stesso momento, per quel maledetto segno di sincerità.

Intanto gli americani giocano a destabilizzare il mondo.

E la Libia?

Visto che “bella e sana” democrazia ha esportato?

Ci stiamo circondando di guerre, senza accorgerci che il Mediterraneo è diventato nient’altro che un gran lago salato, un sogno che non scioglie alcun limite; per educare (magari credendo di non dipendere più solo dal sesso).

Ultima modifica ilMercoledì, 05 Novembre 2014 17:37

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore