logorcb

updated 2:03 PM CEST, Oct 13, 2019

Il piacere proibito

Credo che in quel fazzoletto di terra stia avvenendo lo scontro tra due identici diritti, e non tra un diritto e un torto; forse è da questa consapevolezza che bisognerebbe partire per una corretta valutazione del conflitto tra israeliani e palestinesi.

Rivoluzionari di tastiera levano la dignità al dolore (il peggior reato) per diffondere uno spettacolo, peccando di fantasia nel sensibilizzare e scuotere le coscienze, dovendo fermarci col pensiero a distanza.

Non stupisce come si arrivi ad ammettere che le armi si producono per essere vendute e consumate alla stregua di una semplice chiamata memorizzata al cellulare.

Sul limite fra noi e gli altri, lì avviene l'incontro.

Con il fatto che non si può giudicare siamo diventati un popolo di buonisti.

Puoi mostrare il cervello allora… ma ti guarderanno il culo per principio.

Ho scoperto così che tante donne non è che siano davvero molto più belle delle altre; è che sanno solo presentare meglio la merce.

La prova che viviamo in una società maschilista sta nel fatto che il corpo della donna è, nel bene come nel male, oggetto di discussione e divisioni ideologiche.

Che poi non ho mai capito perché “avere le palle” (il punto del corpo più vulnerabile per un uomo) sia metafora di “forza”.

È il piacere della lettura, bellezza; che ha una vaghezza giustificatrice… ma per sapere che libri ti piacciano devi conoscere anche quelli che non sopporti.

Evitando di fare i prof delle scuole chiuse, che insegnano il diritto internazionale dimenticando quello alla vita.

Noi difendiamo ed esaltiamo la Costituzione solo a pagamento, ma nemmeno andarci sempre contro è costruttivo.

L’unico estremismo velato, che governa da quando è nata la nostra repubblica, va detto comunque che è quello democristiano.

Purché si smussi la matematica dello spegnere la tv, per svegliarsi, tra positivisti e relativisti; con la contemporaneità, che resta un capolavoro ai miei occhi.

E se proprio si ha il terrore dell’obbligo, si può giocare con le sue combinazioni vincenti.

Il problema semmai è come educare al gusto, a un ricordo più generale.

Sì, è arrivata l’ora di raccontare delle trame abbellendole… per un piacere proibito.

Con gli ostacoli da tenere conto come segnali del fatto che il sogno nella pelle è quello giusto!

Ultima modifica ilLunedì, 17 Novembre 2014 17:24
Altro in questa categoria: « Il ponte che disunisce Vediamo… »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore