logorcb

updated 7:27 AM CEST, Oct 21, 2019

Gonfiore e pesantezza di gambe: intervenire ora con la fitoterapia

veneCon l’arrivo dei primi caldi primaverili, molte persone sono soggette a pesantezza delle gambe, gonfiore ai piedi, dolorabilità. Ciò accade soprattutto nella popolazione di sesso femminile con problemi di fragilità capillare, donne che in genere svolgono incarichi professionali in cui si è spesso costretti alla posizione eretta o assolutamente sedentaria.  

Comunque anche il sesso maschile non è totalmente immune da tali problematiche. Nelle donne l’uso della pillola anticoncezionale può rappresentare un'altra complicazione per chi è già predisposta a deficit del microcircolo degli arti inferiori.

La pillola può causare ritenzione idrica e un conseguente ristagno di liquidi che si ripercuote con effetti negativi sul microcircolo. Anche farmaci cortisonici e calcio-antagonisti per l’ipertensione possono provocare gonfiori e edemi peri malleolari. Assolutamente da evitare per i soggetti a rischio la tintarella sulle gambe, anche con le migliori creme protettive.

Il sole in questi casi fa enormi danni. Per non parlare poi di eventuali gravidanze che possono mettere a serio rischio la normale funzionalità dell’apparato circolatorio periferico con la comparsa di vene varicose, sindromi post-flebitiche, fragilità capillare, e rischio anche di trombosi venose profonde per i soggetti più predisposti.

E’ evidente che in questi casi bisogna per prima cosa curare lo stile di vita. Quindi non si deve fumare. Si deve avere un peso regolare. E’ importante nutrirsi bene evitando cibi grassi e fritti, privilegiando tantissima frutta e verdura che contengono importanti sostanze antiossidanti attive anche sul microcircolo.

Inoltre è opportuno fare del sano movimento andando a utilizzare meccanismi bioenergetici di tipo aerobico (fare lunghe passeggiate di oltre un’ora di buona lena, andare in bicicletta rigorosamente su piste ciclabili a ritmi molto tranquilli, del nuoto libero o anche dell’acqua gym).

Ottima soluzione da valutare con il vostro clinico, un'eventuale contenzione con calze elastiche. Chi ha la fortuna di abitare in località marine può praticare in questo periodo salutari passeggiate sul bagnasciuga, immergendo i piedi sino a livello caviglia-polpaccio. Oppure una bella doccia di acqua fresca sulle gambe può provocare una piacevole vasocostrizione e fornire una sensazione di leggerezza.Come-curare-le-vene-varicose

La fitoterapia in questi casi ci può aiutare moltissimo sia in chiave preventiva sia per alleviare la sintomatologia. Il periodo per iniziare la somministrazione di estratti di piante ad azione flebo tonica è proprio adesso, quando ancora non sono arrivati i caldi insopportabili.

Si possono adottare delle salutari tisane con estratti di centella, vite rossa, rusco, ippocastano o di bacche di mirtillo. Il vostro erborista di fiducia saprà ben consigliarvi in merito e fare un ciclo di terapia di 2 -3 mesi assumendo la tisana con regolarità giornaliera.

Il prof. Fabio Firenzuoli forse il più importante clinico italiano esperto in fitoterapia, in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera SALUTE in data 24 aprile 2012, affermava che “Per rallentare l’evoluzione dell’insufficienza venosa e curare i disturbi conseguenti, cioè pesantezza e gonfiore delle caviglie, occorre fare una sana prevenzione fin dalla primavera, senza aspettare il periodo estivo, allora sarebbe già tardi”.

Sempre Firenzuoli nell’intervista al Corriere della Sera parla dei fitocomplessi a suo giudizio più utili in questa patologia dell’insufficienza venosa degli arti inferiori: “Già la medicina popolare consigliava per questo decotti preparati con le bacche del Cipresso piuttosto che estratti di Rosa canina o di foglie di Amamelide, ricche in polifenoli e vitamine, facilmente reperibili anche negli integratori erboristici.

La moderna fitoterapia ci consente di sfruttare estratti ben controllati e studiati ottenuti da piante ricche, a esempio, di saponine. Una per tutte il Castagno d’India, del quale si utilizzano i semi, cioè le castagne, per il loro alto contenuto in escina, un fitocomplesso che aumenta il tono delle vene riducendone la permeabilità.

Aumenta anche la resistenza dei capillari, riducendo così il gonfiore e gli arrossamenti tipici. Negli estratti dell’Ippocastano si trovano anche altri costituenti attivi molto utili, cioè i flavonoidi e le cumarine, ad attività sinergica con l’escina. Ma questi sono solo due esempi, abbiamo a disposizione molte altre sostanze, dai citroflavonoidi degli agrumi alle foglie della Vite, da quelle della Centella asiatica alle bacche del Mirtillo”.  Quindi i consigli del prof. Firenzuoli vanno assolutamente seguiti.

venevaricose162749 10708Comunque ad esempio, per praticare degli ottimi massaggi alle gambe al fine di migliorare la circolazione linfatica dalla periferia (caviglia) verso il bacino si può così procedere: acquistare in erboristeria delle gocce di cipresso, geranio, sandalo, melaleuca, limone, betulla, mirto, ginepro e pino. Potete diluire 2 o 3 gocce di queste essenze in 2 cucchiai di olio di mandorle dolci ed effettuare un massaggio rilassante e decongestionante.

Oppure per chi vuole degli ottimi preparati a base di estratti vegetali ad azione protettiva sul microcircolo ci sono in commercio molte varietà di prodotti di qualità acquistabili nelle farmacie, parafarmacie, grandi supermercati alimentari ed erboristerie.

A semplice livello di consiglio, oggi una novità assoluta è rappresentata dai cerotti transdermici a base di RUSCO, CIPRESSO, IPPOCASTANO, CENTELLA, CALENDULA e ARNICA. I cerotti sono stati ideati per il trattamento e la prevenzione delle gambe gonfie, stanche e affaticate. Grazie alla presenza del Mentil Lattato hanno un’azione rinfrescante che coadiuva il microcircolo superficiale.

Tutti questi principi attivi naturali sono veicolati attraverso liposomi. Il cerotto è semplice da applicare e pratico. Lasciato in sede per diverse ore avvalendosi della sua capacità di rilascio controllato rende più efficace il trattamento. Senza conservanti, senza coloranti, non unge e non macchia. Sono cerotti di piccole dimensioni (3,8 x 6,2 cm.) da applicare la sera prima di andare a dormire sotto il cavo popliteo (polpaccio) o sulla parte anteriore della caviglia, uno su ogni gamba. Irradiano per otto ore questi fitocomplessi ad azione flebo tonica, drenante, rinfrescante, anti edema e vasocostrittrice.

La mattina quando ci si alza dal letto, si ha un elevato senso di leggerezza e freschezza di gambe che dura per tutta la giornata. Molto utile questo cerottino anche per chi a causa della sua professione (MANAGER, ASSISTENTI DI BORDO, PILOTI), viaggia frequentemente in aereo. Il cerottino consente in modo naturale un'ottima prevenzione dal rischio di trombosi venosa profonda (TVP). Il cerottino inoltre, eventualmente si può anche ritagliare e rendersi molto utile per chi ha il problema delle borse sotto gli occhi applicandolo sempre la sera sulla zona sottostante gli occhi.

Bisogna solo avere l’accortezza quando lo si toglie la mattina seguente di procedere con cautela (senza strappi). Toglie la stanchezza e il gonfiore da sotto gli occhi senza ungere e senza sporcare come farebbe qualsiasi crema. Il nome commerciale di questo prodotto innovativo è CAPIVEN CEROTTI, realizzato e commercializzato dall’azienda Capietal Italia, la confezione contiene ben 28 cerotti ed è ordinabile in qualsiasi farmacia al pubblico al costo di € 21,90. La linea Capiven si avvale anche di un dermogel liposomiale in tubo da 50 g. contenente IPPOCASTANO, VIBURNUM PRUNIFOLIUM, CIPRESSO, CORYLUS AVELLANA, RUSCO, CALENDULA OFFICINALIS, ACHILLEA, EDERA, MELISSA OFFICINALIS E LAVANDULA OFFICINALIS. Un gel rinfrescante dagli ottimi e inebrianti profumi di campo, che grazie al veicolo liposomiale consente di ottenere elevatissime concentrazioni di pianta fresca.

Utile per degli ottimi e rinfrescanti massaggi alle gambe al costo di € 13 a tubo. Infine per chi gradisce in aggiunta anche una terapia sistemica orale, le bustine di CAPIVEN all’ottimo sapore di mirtillo diluite in acqua, rappresentano un incredibile prodotto naturale per l’insufficienza venosa degli arti inferiori. All’interno di questa confezione sono stati inseriti tutti ma proprio tutti gli estratti vegetali ad azione protettiva del microcircolo ai più alti dosaggi (Mirtillo, Sambuco, Rusco, Vite Rossa, Calendula, Acerola, Ippocastano, Cipresso, Amamelide e Centella). Difficile trovare un integratore così completo.

Una bustina al giorno per la patologia venosa e la fragilità capillare, due bustine al giorno per chi soffre eventualmente di problemi emorroidari che sono spesso correlati al deficit del microcircolo periferico.


telang diffuseviewLa confezione di Capiven bustine contiene 20 dosi al costo di € 18,50, sempre ordinabile in farmacia. Come dicevamo questo è il periodo più adatto per iniziare una terapia con questi prodotti naturali. Si possono fare dei cicli della durata di 2/3 mesi e poi sospendere, per valutare poi se ripetere il tutto verso settembre.

L’azione drenante di questi fitocomplessi rendono particolarmente utili queste tre formulazioni (Cerotti-gel-bustine di Capiven), anche per il trattamento complementare della cellulite, patologia molto legata al deficit del microcircolo.

La fitoterapia, la cura attraverso gli estratti vegetali ci viene in aiuto anche sul problema gonfiore e stanchezza di gambe con fitocomplessi molto attivi e che presentano scarsissimi eventi indesiderati. MA IL MOMENTO DI AGIRE E’ ORA !!! Attrezziamoci e partiamo…

Ultima modifica ilVenerdì, 26 Aprile 2013 20:11

Commenti   

+1 #1 Serena 2015-09-20 02:35
Finalmente qualcuno con cui posso essere d'accordo a quasi il cento per cento.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore