logorcb

updated 2:32 PM CEST, Aug 23, 2019

Le 1000 proprietà benefiche del Melograno

melograno-02Con l’arrivo dell’autunno e per tutto il periodo invernale, ritorna sui banchi dei mercati ortofrutticoli il meraviglioso e prezioso frutto del MELOGRANO.

Gli antichi popoli civilizzati come greci, romani, babilonesi apprezzavano molto questo frutto, ritenendo che la sua creazione fosse dovuta ad Afrodite, la dea dell’amore.

Difatti per gli antichi il frutto del melograno era indice di fertilità.

Ippocrate, padre della medicina gli riconosce svariate e importanti attività terapeutiche, tutte quante poi confermate dalla medicina ufficiale.

Ma perché questo nome, melograno?

Viene dal latino antico MALUM (mela) e GRANATUM (con semi).

Il melograno, in effetti, rappresenta per sua conformazione una mela con semi interni di colore rosso.

Il suo succo era definito nell’antichità “il sangue del dio Dionisio”, mentre oggi da un punto di vista botanico l’albero del melograno è conosciuto con il nome sempre di derivazione latina PUNICA GRANATUM.

Insomma non stiamo parlando di un frutto qualsiasi.

La conformazione interna del melograno (a grani) lo rende di non facile gestione per mangiarlo o per elaborare delle succose spremute, ma come poi vedremo in seguito c'è un rimedio a tutto ovviamente.

Il melograno è costituito in gran parte da acqua (80%), da zuccheri, fibre, proteine e pochi grassi.

Il potassio e fosforo sono presenti in gran quantità, e si osserva anche una buona presenza di sodio, magnesio e ferro.

Il melograno è anche ricco di vitamina C.

Il suo apporto calorico è di 52-60 Kcal per 100 grammi di prodotto.

Inoltre essendo un potentissimo antiossidante, è efficace nel contrastare i radicali liberi, prodotto dal metabolismo degli zuccheri e a ritardare l’invecchiamento cellulare.

Quali sono le sue più importanti proprietà terapeutiche?

L’azione vermifuga del melograno è nota da tempo.

Grazie all’elevata presenza di alcaloidi la tisana con scorze di melograno era un rimedio efficace contro la tenia già un secolo fa.

Oggi invece si parla molto di melograno come efficace sostanza ad azione anticancro, sia in fase preventiva sia nelle forme iniziali.

L’acido ellagico, una sostanza di derivazione polifenolica presente nel melograno ad altissimo potere antiossidante lo rende particolarmente utile in questo contesto.

Si ritrova in gran quantità nella buccia del melograno, ma anche in altre varietà di frutta e verdura come i lamponi, le fragole, i mirtilli rossi e le noci.

Cibi-anti-influenza-melogranoIl melograno come effetti benefici è indicato nel tumore alla prostata, nel tumore ai polmoni, nel tumore della mammella e della pelle.

Inoltre è dimostrato scientificamente che il succo di melograno rallenta lo sviluppo della placca ateromasica, diminuisce la pressione sanguigna sistolica e migliora il tasso lipidico, rallentando anche il rischio di malattie cardiovascolari.

Inoltre gli zuccheri presenti nel melograno non agiscono negativamente contro il diabete.

Recenti acquisizioni parlano di un effetto preventivo contro il morbo di Alzheimer.

Un bicchiere di succo di melograno il giorno potrebbe dimezzare le proteine killer che scatenano questa gravissima malattia del cervello.

Sono state approfondite anche le proprietà antibatteriche naturali del melograno.

Sembrerebbe agire su importanti ceppi batterici responsabili di malattie respiratorie e non solo.

In tale contesto il melograno risulta utile anche nella prevenzione della carie e nell’igiene orale.

Utile anche per le sue proprietà gastro protettive grazie alla sua elevata presenza in polifenoli, il melograno sembra svolgere anche un’azione condro nutriente sulle cartilagini e pertanto risulta utile nei processi degenerativi di tipo artrosico.

Mentre il melograno ricco di sostanze ad azione estrogenica aiuta molto anche le donne in menopausa grazie alla sua attività antidepressiva e di contrasto alla fragilità ossea.

Utilissimo alle donne in stato interessante, il succo di melograno alle donne a rischio di parto precoce, aiuta a contrastare il rischio di danni cerebrali del nascituro.

Il melograno che come già detto nell’antichità, era riconosciuto come frutto della fertilità, oggi ottiene dei riconoscimenti scientifici anche sul fronte della disfunzione erettile maschile.

Il melograno sembra avere proprietà benefiche simili a quelle della nota pillola blu.

È sufficiente un solo bicchiere di succo di melograno al giorno per aumentare il desiderio sessuale e combattere la disfunzione erettile.

A sottolinearlo una ricerca condotta dalla Queen Margaret University di Edimburgo e pubblicata di recente sul Daily Mail.

Durante lo studio è stato somministrato il succo di melograno a 58 volontari, di età compresa tra i 21 e i 68 anni, una volta al giorno per 15 giorni consecutivi.

Al termine del trattamento gli uomini hanno registrato un aumento dei livelli di testosterone fino al 30% e un abbassamento significativo della pressione sanguigna.

Altri effetti del melograno dovuto al miglioramento dei tassi di testosterone sugli uomini sono stati una crescita maggiore della barba e un tono di voce più profondo. 

Il migliorato apporto di testosterone riduce anche lo stress e migliora l’umore in generale.

Insomma il melograno quale frutto completo dalle 1000 attività benefiche per tutti noi, da utilizzare in questo periodo OGNI GIORNO a colazione o a merenda.

Nel periodo invernale la buona attività sulle difese immunitarie del melograno ci aiuterà anche a prevenire le malattie di raffreddamento stagionali.

8738318-vetro-riempito-da-succo-di-melograno-e-i-semi-di-melograno-situato-su-uno-sfondo-biancoDicevamo che quando andiamo ad aprire il melograno per accedere ai suoi fantastici semini, la gestione non è molto semplice. Intanto occorre bardarsi di grembiule poiché è molto facile sporcarsi di succo rosso.

E poi sgranare il melograno un chicco alla volta non è certo molto pratico.

Il consiglio spassionato che vi do per semplificarci la vita è di seguire la seguente procedura:

      - Tagliate il melograno a metà. Preparate un abbondante recipiente e un martelletto. Afferrate la metà di un frutto e iniziate a batterlo con il martelletto con buona decisione sulla scorza esterna. Vedrete che come per incanto tutti i semini si staccheranno dal frutto e cadranno nel recipiente sottostante. 

     - Per preparare delle succose spremute, l’ideale è dotarsi di un piccolo apparecchio elettrico che si chiama CENTRIFUGA. Non costa molto, dai 50 euro a salire. Con la centrifuga i chicchi di melograno sono depurati della parte succosa in un attimo. Consiglio di ripassare almeno 2 volte i semini nella centrifuga, proprio per ottenere il massimo del risultato in termini di succo.

Concludendo, per coloro che non amano perdere tempo, esistono ottimi prodotti biologici nelle farmacie, parafarmacie, erboristerie, supermercati di qualità, a base di melograno.

Succhi di Melograno, sciroppi concentrati da diluire in acqua, fino alle compresse di integratori alimentari.

Non è la stessa cosa del frutto naturale… ma è molto meglio che niente.

Ultima modifica ilMartedì, 19 Agosto 2014 14:34

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore