logorcb

updated 7:27 AM CEST, Oct 21, 2019

Un amaro alla genziana e digerisco anche i sassi

genziana bluQuando ci si trova a pranzo o a cena beatamente in località montane alpestri e sugli Appennini può accadere che al termine del pasto conviviale, ci venga proposto un ottimo liquore “della casa” a base di GENZIANA.

Le genziane difatti sono un gruppo di piante erbacee annuali o perenni tipiche delle nostre montagne.

Essa è molto utilizzata come liquore di fine pasto per il suo sapore amaro e per le sue proprietà digestive. Un amaro alla genziana e digerisco anche i sassiale a base di genziana approfittatene, poiché non è così facile da trovare.

Oltre a essere utilizzata in molti liquori amari assunti in genere come digestivi a fine pasto, la genziana viene ampiamente usata nella farmacopea ufficiale per preparare numerosi preparati farmaceutici atti a stimolare la funzione intestinale.

Di solito le parti della genziana che si utilizzano sono la radice essicata in infusione o l'estratto secco, la tintura madre o l'estratto idroalcolico.

Ricordando nuovamente che si tratta di specie protetta e che raccogliendola si può incorrere in infrazioni (meglio acquistare le radici di genziana in erboristerie specializzate), ecco una ricetta semplice semplice per preparare un ottimo liquore di genziana fatto in casa, tratta dal sito GIALLOZAFFERANO.IT:

40 gr. GENZIANA (pezzetti di radice essiccata)
1 lt. VERDICCHIO (vino bianco secco)
300 gr ALCOOL per liquori 95°
200 gr ZUCCHERO
100 gr ACQUA
Carta da filtro.
liquore artigianale alla genzianaProcedete così:
Mettete a macerare i pezzetti di radice di Genziana nel vino per 40 gg, trascorso tale periodo filtrate per benino e aggiungete i 300 gr di alcool.
Intanto avrete fatto sciogliere lo zucchero in acqua a freddo (io metto zucchero e acqua in una bottiglia e agito con forza fino a scioglimento, inoltre preparo questa mistura già un paio di giorni prima di filtrare le radicette dal vino in questo modo sono sicuro che zucchero e acqua siano ben amalgamate).
Unite tutti i vostri ingredienti e mescolate di nuovo agitando la bottiglia.
A questo punto il vostro amaro è già pronto per un assaggio.
Imbottigliate in bottiglie di vetro chiaro per poter godere i bei riflessi di questo liquore che vi propone i caldi toni del bosco autunnale.

Personalmente preferisco far “riposare” il liquore per almeno altri 30 /40 giorni perché gli ingredienti si armonizzino al meglio.
Un’ultima raccomandazione…quando assaggerete il vostro liquore NON dimenticate che avete preparato un AMARO e tale esso sarà al vostro gusto…un amaro veramente amaro….ma ottimo per le sue qualità digestive.
Se proprio non ve la sentite di realizzarlo come tradizione vuole potete portare a 250 gr la dose di zucchero….ma non vi consiglio di aggiungerne di più.

Come controindicazioni, è bene non somministrare liquori o farmaci a base di genziana in persone affette da problemi gastrointestinali come ulcera peptica e gastrite.

È bene evitare la genziana in gravidanza e durante l’allattamento.

Controindicata anche nel periodo precedente a un intervento chirurgico e in concomitanza di somministrazione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), tipo Oky, Aulin, Moment ecc.

genziana giallaPer chi non ha voglia e né tempo di prepararsi un liquore casareccio alla genziana, suggerisco di farsi un giro nel sito internet della SCUPPOZ azienda abruzzese specializzata in liquori http://www.scuppoz.it/home.html.

Oppure consiglio di andare nelle tante botteghe dei FRATI TRAPPISTI (ce ne è una molto bella all’interno dell’Abbazia delle Tre Fontane a Roma sulla via Laurentina), dove oltre ai liquori alla Genziana potrete trovare moltissimi altri prodotti di qualità, anche in chiave erboristica.

Io fortunatamente, recandomi spesso per motivi familiari in provincia di Rieti, nell’alto Lazio, conosco perfettamente alcune trattorie dove posso trovare alla fine di un lauto pasto un ottimo amaro fatto in casa alla genziana… che fa digerire anche i sassi.

Ultima modifica ilMartedì, 19 Agosto 2014 14:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore