logorcb

updated 2:33 PM CEST, Sep 16, 2019


Roma Capitale Magazine media partner di Taste of Roma 2019!
Dal 19 al 22 settembre 2019 si aprono le porte dell’ottava edizione.
Promo esclusiva per i nostri lettori.
Invia una mail a oppure WhatsApp 3938614787

COME SPRECARE I SOLDI PUBBLICI

Piazza Sempione, rinviato il Consiglio sulle linee programmatiche

ConsiglioIIIConvocato ieri a Piazza Sempione il Consiglio del III municipio.  

All'ordine del giorno: l’illustrazione, la discussione e la votazione degli emendamenti e dei sub-emendamenti alle linee programmatiche esposte dal Presidente, Paolo Marchionne. 

L’ex Presidente del Consiglio, Roberto Borgheresi (PdL), ha fatto notare che secondo l’art. 53, si concretizza il mancato rispetto del Regolamento. Infatti, il documento concernente le linee programmatiche deve essere depositato dal Presidente del Municipio presso l’Ufficio Consiglio, per la consultazione da parte dei consiglieri, almeno cinque giorni prima dello svolgimento della seduta. 

Sebbene il documento – lo stesso che Marchionne ha depositato al momento della candidatura –fosse stato dato brevi manu ai Consiglieri tempo fa, a far fede è la data della consegna al protocollo, il 3 luglio che, dunque, avrebbe dovuto prevedere la convocazione del consiglio almeno dopo l’8 luglio

“La nostra non è un’azione ostativa al Consiglio, convocato evidentemente con errore. Non vogliamo interrompere i lavori e non vogliamo nemmeno tutti e cinque i giorni, ma vorremmo avere più tempo per presentare gli emendamenti” – ha detto Bonelli, ex minisindaco, dell’opposizione lamentando i tempi irrisori concessi per proporre modifiche al documento. 

“Questo serve soltanto a rallentare i lavori e l’attuazione delle linee programmatiche. Mi sembra un accanimento pretestuoso”- ha replicato il consigliere del PD, Yuri Bugli, annunciando il voto contrario del suo schieramento. 

Dopo varie sospensioni con una breve e concitata riunione dei capigruppo, la questione è stata rimessa al voto dell’Assemblea, che ha così votato: 6 i favorevoli, 4 gli astenuti e 15 i contrari. 

Il Consiglio è validamente costituito e le sue decisioni saranno valide. La conferenza dei capigruppo si è riunita per ben due volte e non ha mai sollevato la questione legata ai cinque giorni concordando altresì,  in modo condiviso, l’espletamento di questo consiglio e le sue modalità. L’Aula è sovrana e ci ha dato il mandato di continuare questi lavori che vorrei andassero avanti” – ha detto il presidente del Consiglio, Riccardo Corbucci, che al momento della votazione si è astenuto. 

Tuttavia nonostante tale presa di posizione da parte dell’Assemblea, con PdL e Fratelli d’Italia, il consigliere di Sinistra, Ecologia e Libertà Cesare Lucidi si è opposto alla prosecuzione della seduta. 

Dopo oltre un’ora e mezza di schermaglie sul regolamento, la Presidenza non ha potuto far altro che mandare tutti a casa e rinviare la seduta di una settimana

“Qui si stanno facendo dei giochetti sbagliati. – ha detto l’esponete di SeL in tono polemico – Rientriamo dunque nella legalità, così avranno tutto il tempo che hanno chiesto.  Gli abbiamo concesso quello che volevano”

Fabrizio-Cascapera ListaMarchiniIl consigliere Fabrizio Cascapera della Lista Marchini ha dichiarato: “Trovo assurdo quello che è successo oggi. Qui si gioca con i soldi pubblici, con il destino del Municipio e con gli interessi del territorio

“Il capogruppo di Sinistra Ecologia e Libertà ha fatto un intervento legittimo anche se inaspettato. Rinviamo di una settimana e ricominciamo secondo le regole. Certo, il documento era pubblico da tempo, è, infatti, lo stesso usato per la campagna elettorale e che per coerenza ho mantenuto. I consiglieri d'opposizione hanno deciso di sollevare il problema ed è stata fatta la scelta più giusta” è stato il commento del Presidente Marchionne.

Appuntamento quindi fra sette giorni per conoscere quali saranno gli ulteriori emendamenti che l’opposizione di centrodestra, ma anche le molte minoranze e correnti all’interno dell’Aula vorranno presentare. 

"Dopo la pessima figura che tutto il consiglio ha fatto ieri, credo fermamente che sia giusto appoggiare la proposta del Presidente del consiglio municipale Riccardo Corbucci, sulla rinuncia al gettone di presenza. Abbiamo già causato un danno alla comunità, allungando i tempi per un'azione oggi più che mai necessaria sul territorio, per errori nostri e non sarebbe accettabile dover esser pagati per questo. Prendiamo atto di quello che è successo, scusiamoci con i nostri mandatari, i cittadini, e cominciamo a lavorare seriamente.

Fabrizio Cascapera" 

(n.d.r.) Se si partisse da queste piccole cose e si estendessero a tutte le forme istituzionali, il risparmio di denaro pubblico non sarebbe così ininfluente, ma porterebbe sollievo sul risparmio di quei cittadini che pagano le tasse, e che cercano tuttavia ogni giorno, di far quadrare il bilancio familiare. 

Ultima modifica ilMartedì, 19 Agosto 2014 15:07

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore