Logo
Stampa questa pagina

Serie A, le probabili formazioni di Chievo-Roma

Di Francesco conferma la corsia di destra con Schick e Karsdorp. Olsen e Manolas out, dentro Mirante e Marcano. Torna Jesus ma va in panchina. Clivensi privi di Pellisier, Andreolli e Vignato. Scalda i motori Stepinski. Dioussè titolare.

A.A.A 3 punti cercasi.
Questo è ciò che accomuna Chievoverona e Roma, che daranno luogo ad una delle sfide della 23esima giornata di Serie A domani sera allo stadio Bentegodi di Verona.
I motivi, ovviamente, sono opposti.

I giallorossi devono ricominciare a correre per guadagnarsi l’accesso alla Champions League 2019/2020 attraverso il quarto posto e l’occasione è ghiotta. Almeno sulla carta, in quanto ci sarà di fronte l’ultima in classifica.
Ma la storia insegna che non si deve mai sottovalutare l’avversario, cosa già successa all’andata, quando i clivensi rimontarono le due reti di svantaggio all’Olimpico pareggiando il match per 2-2.
Questa volta Eusebio Di Francesco (all.re Roma) cercherà di non commettere lo stesso errore e di vincere la sfida, nonostante le assenze dell’ultimo minuto, che si aggiungono a quelle dei lungodegenti Diego Perotti e Cengiz Under.
Non saranno della trasferta in terra veneta, infatti, Robin Olsen e Kostas Manolas e il motivo dei loro forfait lo ha svelato il tecnico abruzzese in conferenza stampa: “Mah, innanzitutto, ci sono dei calciatori che non saranno nemmeno convocati perché hanno risentito, si sono riacutizzati, alcuni problemi, tra cui Olsen, il portiere, che non sarà nemmeno convocato per un problema al polpaccio, con la speranza di poterlo recuperare martedì, e lo stesso Manolas che ha un problema al pube, ha provato, ha fatto di tutto per esserci, ma ha ancora tanto fastidio. Per quello, questi due rimarranno per forza a casa e non saranno della partita”.
Al loro posto, dunque, sono pronti Antonio Mirante, che ha smaltito del tutto il problema al polpaccio, e Ivan Marcano, nonostante sia tornato tra i convocati anche Juan Jesus.
Ma il brasiliano partirà dalla panchina, in quanto non considerato pronto dal proprio allenatore:Finisco che abbiamo recuperato però, fortunatamente, Jesus, che ha accorciato un po’ i tempi di recupero, si è messo a disposizione, ha fatto il primo allenamento oggi con la squadra ed è convocato per la gara. Abbiamo avuto tutte le sensazioni positive anche se era fuori da quasi un mese […] È difficile che possa partire dall’inizio, già che sia a disposizione è tanto, per il percorso che ha fatto e per gli allenamenti che ha nelle gambe. Partire dall’inizio non è proprio il caso. Oggi ha ritrovato sicurezza, sembrava che si dovesse operare. Già è una vittoria la sua convocazione”.
Accanto a Marcano ci sarà Federico Fazio, mentre sulla sinistra Aleksandar Kolarov è costretto agli straordinari.
Sulla corsia di destra saranno confermati Rick Karsdorp terzino e Patrik Schick esterno offensivo, che tanto hanno fatto bene su quel lato del campo contro il Milan:Può essere riproposta sì. Nel senso che, Rick rispetto anche al passato, e anche a altre partite, ha avuto maggiore continuità nello stare nella gara nella fase difensiva, dove lui, magari, può peccare un po’ di più perché viene da un campionato completamente differente e ha qualità importanti offensive. Ha lavorato veramente bene, leggendo tante situazioni nel modo giusto, dando equilibrio anche in quelle che sono le sue scorribande. Patrik ha messo dentro quella verve e quella cattiveria che deve far parte di ogni calciatore e della sua identità, al di là del ruolo in cui gioca. Sono soddisfatto e potrebbero essere riproposti non solo in questa partita, ma anche in altre”.
Quindi il ceco giocherà per la seconda sfida consecutiva accanto alla punta Edin Dzeko:Sì, se domani vengono riproposti Schick e Karsdorp sulla destra, significa che il centravanti è Edin”.
Completa il tridente Stephan El Shaarawy sulla sinistra.
Sul modulo c’è ancora qualche dubbio, per quanto Di Francesco sembri intenzionato a partire con il 4-3-3, piuttosto che con il 4-2-3-1. Comunque vada i tre di centrocampo saranno Bryan Cristante e Steven Nzonzi, che hanno riposato contro il Milan per squalifica, insieme a Nicolò Zaniolo, il quale si potrà sganciare dalla linea mediana per andare ad agire sulla trequarti avversaria a partita in corso.
L’ex Inter, dunque, giocherà ancora una volta al posto di Javier Pastore, come ammesso dal mister dei capitolini in sala stampa:Giocherà di nuovo, ritengo che sia un giocatore che a livello mentale è libero, sfruttiamo questa sua gioventù e la voglia di essere aggressivo e determinato, voglioso. È normale che anche lui deve migliorare nelle scelte in partita, a volte è troppo generoso. Sembra un paradosso. Come Lorenzo Pellegrini, a volte quando vuoi far troppo puoi cadere in certi errori. Ma ben venga questa esuberanza dei ragazzi, e Zaniolo rigiocherà anche questa partita. Poi vedremo la prossima […] Non è una questione di scarsa abitudine a giocare nei miei schemi, perché quando metti una squadra con il 4-2-3-1 facilita il trequartista. Sono tante le componenti che in questo momento non lo fanno rendere al meglio. Gli manca la continuità, anche per colpa mia, non riesce a giocare con continuità e a trovare una condizione adeguata. Si allena sempre bene, ma la partita cambia rispetto all’allenamento, nel senso che il campo a volte si allarga, a volte diventa più grande, con tante altre situazioni che non lo avvantaggiano. Javier deve continuare ad allenarsi, facendo il suo meglio, sapendo che davanti c’è Zaniolo, che sta facendo benissimo però non può farle tutte alla grande”.
Rimangono in panchina i due romani, Daniele De Rossi e Alessandro Florenzi:Daniele De Rossi, che è rientrato dopo novanta minuti, ha fatto dei buoni anche allenamenti, è normale che non è ancora nelle condizioni ottimali per poter sostenere più impegni ravvicinati, però sono molto contento di come sta in questo momento. […] Florenzi arrivava da un periodo in cui è stato fermo, ha avuto la febbre, non si è allenato con grande continuità e ha subito questo. Lui si mette sempre a disposizione in qualsiasi ruolo e per come si sta allenando sono convinto che tornerà a brillare”.
Il terzo romano, Lorenzo Pellegrini, non ci sarà perché squalificato.
In casa gialloblù, Domenico Di Carlo (all.re Chievo) ha spiegato in conferenza stampa come i suoi dovranno approcciare al match contro la Roma, chiedendo alla squadra di gettare il cuore oltre l’ostacolo per arrivare a tre punti necessari per una salvezza quasi impossibile:Domani la Roma va affrontata con più maturità, rispetto alla gara di Empoli; il livello di attenzione va alzato. In questo momento il Chievo è una squadra che ha orgoglio, combatte e che emoziona i suoi tifosi. Non bisogna abbassare la guardia, ma puntare all'impresa. Domani sarà una bella sfida, con un Chievo che deve continuare a sognare”.
Il tecnico dei veronesi, però, dovrà fare a meno di alcuni pezzi pregiati del suo scacchiere, come Sergio Pellissier e Marco Andreolli, ex della partita:Dispiace non avere capitan Pellissier in campo, ma ci darà la carica comunque. Chi giocherà al posto suo, farà bene. Tutti gli attaccanti stanno bene, quando si fa gol poi aumenta la fiducia. Andreolli, invece, non è ancora disponibile”.
Di Carlo, però, potrà contare sui rinforzi arrivati a gennaio e due di loro giocheranno titolari domani sera, ossia l’ex Empoli Assane Dioussé ed Ezequiel Schelotto, mentre dovrebbe partire dalla panchina Lucas Piason:Dioussè giocherà titolare. Schelotto potrebbe giocare dall'inizio, gli altri potrebbero subentrare”.

Il 4-3-1-2 clivense, dunque, potrebbe essere così composto. In porta ci sarà l’amuleto Stefano Sorrentino, autore di partite strepitose proprio contro i giallorossi negli scorsi campionati.
La retroguardia dovrebbe essere composta, oltre che dal già citato Schelotto a destra, dai centrali Federico Barba-Luca Rossettini e da Mattia Bani a sinistra.
Sulla mediana ci saranno Sofian Kiyine, Dioussé e Peparim Hetemaj, mentre alle spalle del tandem offensivo, formato da Mariusz Stepinski e Filip Djordjevic, giocherà Emanuele Giaccherini.
Andiamo a riepilogare le probabili formazioni:
Chievo (4-3-1-2): Sorrentino; Schelotto, Barba, Rossettini, Bani; Kiyine, Dioussé, Hetemaj; Giaccherini; Stepinski, Djordjevic.
Allenatore: Domenico Di Carlo.
Roma (4-3-3): Mirante; Karsdorp, Fazio, Marcano, Kolarov; Cristante, Nzonzi, Zaniolo; Schick, Dzeko, El Shaarawy.
Allenatore: Eusebio Di Francesco.
Dirige la sfida il signor Rosario Abisso.
L’arbitro di Palermo ha diretto una sola volta i giallorossi, nella sfida della scorsa Serie A vinta dai capitolini contro la SPAL per 3-1 all’Olimpico.
Sono, invece, ben 7 gli incroci tra Abisso e i clivensi, con uno score negativo che recita: 1 vittoria, 2 pareggi e 4 sconfitte.
Completano la quaterna arbitrale gli assistenti di linea Bottegoni-Prenna e il quarto ufficiale Piscopo.
Al VAR ci saranno l’arbitro Pairetto e il guardalinee Tolfo.
Il calcio d’inizio del match, presso lo Stadio Bentegodi di Verona, è previsto per le ore 20:30 di venerdì 8 febbraio 2019.
La partita sarà visibile in esclusiva sui canali Sky Sport Serie A (202 del satellite, 373 del digitale terrestre) e Sky Sport (canale 251 del satellite), oppure in streaming attraverso la piattaforma digitale SkyGo.

Joomla SEF URLs by Artio
® Roma Capitale Magazine 2014. Tutti i diritti riservati.
*- Iscr. Trib Roma n° 283/2011 del 20-09-2011 -*
-*- Editore: Massimo Lo Monaco -*- Direttore Responsabile: Manuela Rella -*- Direttore Editoriale: Emiliano Frattaroli -*-