logorcb

updated 2:03 PM CEST, Oct 13, 2019

Il 2 aprile è “Giornata Mondiale Autismo”

phpThumb generated thumbnailInformazioni e sensibilizzazioni su una malattia molto diffusa ma poco conosciuta.

La Giornata è stata istituita dall’ONU nel 2007 per sensibilizzare la popolazione rispetto alla necessità di migliorare la qualità della vita di bambini e adulti, affetti da quello che è uno dei più gravi e diffusi disturbi dello sviluppo.

 

Alla fine del marzo 2014 il Centre for Disease Control, l’organismo di controllo del governo statunitense che si occupa di monitorare le malattie diffuse negli Stati Uniti, ha pubblicato una serie di dati che riguarda l’aumento dei casi di autismo. Secondo il CDC, oggi negli Stati Uniti un bambino ogni 68 è affetto da una qualche forma di autismo, un incremento del 30% rispetto a 2 anni fa. Anche in Italia i casi sembrano in aumento, anche se non ci sono dati così completi come quelli degli Stati Uniti.

gmaautismo2015Inoltre gli studi dimostrano che l’autismo è 4/5 volte superiore nei maschi rispetto alle femmine.

Ancora oggi capire chi è affetto da autismo e le variegate dinamiche che ciò comporta, non è immediato né facilissimo: inoltre ci sono ancora troppi pregiudizi e troppe informazioni distorte veicolate dai media, da film e dalla letteratura decisamente romanzata.

Anche se finalmente, possiamo trovare dei validi libri scritti da genitori di bambini autistici, che raccontano con semplicità ma anche con dolore, la loro avventura assieme ad un figlio che vive in una dimensione parallela.

Una persona autistica possiede una percezione del reale non conforme alla comune idea di realtà, una sensorialità spesso esasperata, un’incapacità neuronale di riconoscere empaticamente l'altro, incapacità che comporta deficit evidenti nella relazione, difficoltà, anche gravi nella comunicazione espressiva, comportamenti anche "bizzarri" e ipersensoriali.

Purtroppo sono molto difficili da definire con esattezza i comportamenti che identificano la malattia, perché molteplici le varianti da persona a persona.

La questione più grave da sottolineare, è che le famiglie dove si trova un individuo affetto da autismo, si ritrovano troppe volte sole ad affrontare il mondo, una società impreparata perché disinformata su questa patologia.

Ecco perché è importantissima la Giornata Mondiale del 2 aprile. Affinché ci sia consapevolezza di un problema reale, che può toccare tutti noi.

giornata mondiale autismoE così, in tutto il mondo ci saranno eventi e iniziative per sensibilizzare e far conoscere questa malattia così diffusa, ma poco conosciuta nella sua reale condizione. Inoltre, il 2 aprile accadrà qualcosa d’incredibile e straordinario che resterà impresso, ma soprattutto potrà fare in modo che, cadano muri d'indifferenza, ignoranza e pregiudizi. In tutte le città non solo d'Italia e dell'Europa, ma dell'intero emisfero si coloreranno monumenti di blu.

Bagliori blu si avvertiranno in tutte le latitudini del mondo, una presa di coscienza sempre più collettiva che diventi un abbraccio, anche se simbolico, verso i meno fortunati.

Candele blu nelle case, lenzuoli stesi, palloncini voleranno in cielo, insomma l'intero globo cambierà colore per un giorno intero, per ricordare a tutti che chi è affetto da autismo non sarà mai più lasciato solo.

La scarsa informazione è la causa principale di ghettizzazioni e ignobili atti di bullismo, che mai più devono accadere in una società all'avanguardia come la nostra. Una persona affetta da autismo va compresa e non isolata o peggio ancora maltrattata.

Impariamo quindi a capire le loro problematiche e accogliamoli come essere “speciali” degni di vivere una vita normale.

Diverse sono anche le associazioni che seguono le persone e le famiglie di coloro che sono affette da queste patologie, di seguito ne segnaliamo alcune:

http://www.fondazioneares.com

http://www.genitoricontroautismo.org

http://www.abautismo.it

http://www.abaieonlus.it

Ultima modifica ilMercoledì, 01 Aprile 2015 14:33
Dora Millaci

Poetessa e scrittrice, prolifica in modo particolare di racconti brevi. Grazie alla sua innata sensibilità e amore per il prossimo, riesce a scuotere la coscienza del lettore sui temi della sofferenza, della morte, della comprensione, della tolleranza e dell'amicizia. Ogni sua opera è unica e la sua “impronta” la si ritrova e la si riconosce anche nelle favole, poiché in ogni racconto c'è sempre una profonda morale. Col suo modo di scrivere semplice riesce a raggiungere il cuore del lettore, lasciandone alla fine un segno profondo.

Attualmente collabora con diverse riviste on-line e cartacee, oltre che condurre una piccola trasmissione radio sul web: Una voce per un aiuto.

Altro in questa categoria: « Maledicendo la depressione StraG8 »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore