logorcb

updated 8:25 AM CEST, May 21, 2019

Conti pubblici... continua la tragedia in Abruzzo

EDIFICI TERREMOTATI FREECari giornali, vi mando questa lettera aperta questo sfogo per mettervi a conoscenza di una vicenda alquanto incresciosa a dir poco. La Management Felicioni è una società da me amministrata che gestisce un Hotel a Pineto e un Residence a Roseto degli Abruzzi, e ci siamo messi a disposizione immediatamente per ospitare gli aquilani che avevano perso un tetto nella tragica notte dello 06 04 2009. Da allora in base alle convenzioni tra la regione e le organizzazioni di categoria, abbiamo cominciato a maturare i corrispettivi per quelle ospitalità. Purtroppo però nessuna delle scadenze relative ai pagamenti è stata, in effetti, rispettata, ma ovviamente ci siamo guardati bene dal far venir meno la nostra disponibilità nei confronti dei nostri ospiti aquilani, con i quali abbiamo stabilito dei rapporti umani tali che ci hanno lasciato comunque un’incommensurabile ricchezza interiore. Ma i conti ai fornitori bisognavano, e bisogna comunque pagarli. Ovviamente abbiamo avuto noi e tanti colleghi albergatori molti problemi e complicazioni finanziarie per via del ricorso a varie forme di finanziamento per poter sopperire ai ritardi di pagamento che rimanevano una costante in tutto questo periodo. Né questi problemi potevano essere risolti dalla lettera di ringraziamento che l'allora Presidente del Consiglio Berlusconi ci recapitò a Natale 2009 e dal Capo della Protezione Civile. Per andare sul concreto devono esserci ancora saldate le fatture da luglio 2010 in poi, fatti salvi degli anticipi che ci sono stati versati, e addirittura nel giugno 2012 ricevemmo assicurazioni, tramite comunicati stampa dell'imminente pagamento dei corrispettivi, così come a Settembre e Dicembre scorso. Ma a causa degli avvicendamenti governativi, nuove procedure per la verifica, già mandate a suo tempo agli organi preposti, e infine delle dimissioni del Presidente Chiodi da Commissario per la ricostruzione, a oggi gli intrecci burocratici dei quali siamo assurdamente in balia non consentono agli albergatori abruzzesi di ricevere il dovuto e che in realtà verrà destinato a estinzione dei debiti assunti per tenere fede all'impegno preso con i nostri fratelli vittime del terremoto, con la Regione e con lo Stato. Nel frattempo i crediti da noi vantati non sono più bancabili, giacché il sistema bancario li rifiuta e le reputa pressoché immondizia, mentre la soget equitalia esige i tributi come se tali somme fossero state incassate, né accettano, il pagamento di questi crediti come meda liquida ma non esigibile. Nel frattempo abbiamo anche appreso che i mandati di pagamento inviati a Banca d'Italia l'Aquila per effettuare i saldi sono stati rimandati indietro a Roma in quanto non era ben chiaro quale ufficio, e come avrebbe dovuto portare a termine l’iter burocratico, in un rimpallo senza fine di compiti e responsabilità tra Roma e L'Aquila, dove il problema più grosso pareva essere quello di riuscire a inviare dall'Aquila a Roma le fatture degli albergatori. A conclusione di questo sfogo vorremmo solo sapere chi dobbiamo personalmente ringraziare così lo vado a trovare. A presto attendo Lino Felicione Amministratore di Management Felicioni srl.
FEDERALBERGHI
ps: A noi ha pensato solamente, invano purtroppo con tutti gli sforzi profusi federalberghi abruzzo.
ps: non sono ubriaco, drogato, bevuto ma nel pieno possesso delle mie facoltà mentali, sono solo incazzato, e mo c avete rotto lu cazz.

Ultima modifica ilGiovedì, 07 Febbraio 2013 14:17

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Partly Cloudy

9°C

Roma

Partly Cloudy

Humidity: 46%

Wind: 8.05 km/h

  • Clear
    24 Mar 2016 16°C 6°C
  • Sunny
    25 Mar 2016 17°C 10°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore