logorcb

updated 10:34 PM CET, Feb 21, 2020

Non dimenticate di essere felici

83587138 10220480312465202 6449890536026275840 n

Gaia era una persona eccezionale, aveva solo 12 anni quando, il 5 febbraio di due anni fa, è purtroppo morta, dopo una terribile malattia.

Frequentava la seconda classe della scuola media Rosmini, a Val Cannuta, e con la sua gioia di vivere e di conoscere sempre cose nuove, trasmetteva questa sua felicità a tutti i compagni di scuola, senza perdersi d’animo per la sua malattia e, anzi, senza perdere un solo giorno della sua breve vita, emblematica una frase posta nel “libro di libri” di sua invenzione: don’t forget to be happy.

Dopo la sua morte la scuola ha istituito un premio e ogni anno la sua figura viene ricordata, la biblioteca della scuola è stata dedicata a lei, che tanto amava la lettura.

Anche quest’anno è stato piantato un albero, donato dall’Associazione Retake, nei pressi della scuola, nel parco di Val Cannuta, prima delle festività natalizie e ieri pomeriggio è stata posta una targa con il suo nome, sorretta da una struttura colorata.

E’ molto importante per i coetanei di Gaia ricordarla: un esempio di interesse e di amore per il prossimo e di positività e forza di volontà nelle avversità.

Retake Roma alla Stazione Metro San Paolo

79908157 148936399740224 3148709231289434112 o

Erbacce sui pavimenti, manifesti abusivi strappati e scritte insensate e invadenti sui muri: ecco come si presenta l’ingresso della Stazione della Metro B a San Paolo, come molti altri luoghi di Roma e di altre città, peraltro.

Per questo il 4 gennaio prossimo alle ore 9,00, l’Associazione “Retake Roma”, nelle varie accezioni proprie di ogni quartiere, formata da volontari che, a turno, riportano al decoro zone degradate della città, sarà presente in loco per ripulire dai manifesti e da altra sporcizia questo luogo cittadino molto frequentato.

L’opera di questi volontari, meritoria di per sé, appare ancora più importante se si pensa alla funzione di esempio che assolve: è infatti certamente necessario il controllo e la manutenzione dei luoghi pubblici da parte delle Istituzioni, ma è anche indispensabile il rispetto dei beni comuni da parte di ciascuno.

Per maggiori informazioni su questo evento e sull’attività dell’associazione si riporta il link seguente: https://www.facebook.com/events/549748875580709/.

Il 12 dicembre sciopero degli operatori educativi per l’integrazione degli alunni disabili

78378282 636280530240344 2361883132606545920 o

L’operatore educativo per l’autonomia e la comunicazione rappresenta una professionalità importante per facilitare l’integrazione scolastica dell’alunno con disabilità nell’ambito delle attività formativo-didattiche, dell’autonomia personale e della socializzazione e cura in team con le altre figure educative e assistenziali, gli aspetti dell’apprendimento, della comunicazione e della interazione-relazione. L’operatore educativo trova collocazione nel campo pubblico e privato scolastico. Il servizio è, normalmente, affidato a società cooperative e non a seguito di istruttorie pubbliche o in campo privato.

Queste figure professionali non sono dipendenti del Comune di Roma, ma vengono gestiti dalle cooperative, come purtroppo capita frequentemente in questi ultimi tempi, con evidente precarizzazione del rapporto di lavoro e minori tutele e garanzie per il lavoratore.

Negli ultimi mesi il Comitato AEC, che sostiene questi lavoratori, ha raccolto circa 12.000 firme per chiedere al Comune l’internalizzazione del servizio, con l’assunzione dei lavoratori, invece dell’affidamento dell’appalto alle cooperative, con eliminazione di intermediari e stabilizzazione e maggiori diritti per i lavoratori.

La delibera di iniziativa popolare, tuttavia, non è stata ancora presentata in Assemblea Capitolina, per questo, lo scorso 5 dicembre il Consiglio del Municipio XIII, dopo i Municipi V, III, XIV e VIII, ha approvato una mozione che sostiene il percorso proposto dagli operatori che assistono i ragazzi con disabilità, chiedendo la reinternalizzazione del servizio.

A tal proposito il prossimo 12 dicembre alle 10,00, è stato indetto uno sciopero, con una manifestazione a Piazza del Campidoglio, da parte dei sindacati e delle associazioni che si battono per i diritti di questi lavoratori, per chiedere una revisione di questo sistema di appalti alle cooperative, che costituisce soltanto un sistema per precarizzare questi lavoratori e per garantire loro meno diritti dei dipendenti comunali, che fanno lo stesso lavoro e a cui quindi meriterebbero di essere parificati.

Campidoglio:viaggio della Memoria 2019 ad Auschwitz, Birkenau e Neuengamme

EbreiPer non dimenticare l’orrore dell’Olocausto Roma Capitale organizza il “Viaggio della Memoria” nei campi di sterminio di Auschwitz, Birkenau e Neuengamme.

Il viaggio, dal 3 al 6 novembre, è organizzato in collaborazione con la Comunità Ebraica di Roma e con la Fondazione Museo della Shoah per promuovere e stimolare percorsi di riflessione e di studio a beneficio dei ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado. Partecipano 29 istituti scolastici per un totale di 145 tra studenti e docenti.

Ad accompagnare gli studenti e le studentesse delle scuole, partiti oggi da Roma, è la Sindaca di Roma Virginia Raggi, insieme ai sopravvissuti ai campi di concentramento Sami Modiano e Andra Bucci. Al Viaggio della Memoria parteciperanno anche l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale Veronica Mammì, la Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello, il Presidente della Fondazione Museo Shoah Mario Venezia.

Anche quest’anno il viaggio farà tappa ad Amburgo. La visita al campo di Neuengamme e alla ex scuola Bullenhuser Damm, introdotta per la prima volta nella precedente edizione, vuole ricordare la tragedia di 20 bambini uccisi dopo essere stati sottoposti ad esperimenti medici dalle SS. Tra di loro il piccolo Sergio De Simone, di appena 7 anni.

“Roma non dimentica. Anche quest’anno il Viaggio della Memoria nei luoghi della Shoah, insieme agli studenti e agli insegnanti delle scuole romane, rappresenta un motivo per avvicinarsi ad una delle più grandi tragedie della Storia. La partecipazione e la testimonianza dei sopravvissuti ai campi di concentramento, Sami Modiano e Andra Bucci, a cui rivolgo il mio ringraziamento, è un motivo di arricchimento per i giovani, di riflessione e di memoria collettiva. Vogliamo sconfiggere la paura, le parole d’odio, il razzismo con la conoscenza e la cultura, con la grande fiducia che nutriamo nelle giovani generazioni. Sono per tutti un segno concreto di speranza”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

“Il progetto Viaggio della Memoria rappresenta uno dei cardini della collaborazione tra amministrazione e scuole romane, con particolare attenzione al tema della storia. Il mio grazie va a dirigenti e insegnanti, attraverso il cui impegno, insieme alla collaborazione della Comunità ebraica romana e della Fondazione Museo Shoah, gli studenti possono conoscere e giudicare in maniera approfondita una delle pagine più buie del Novecento. La Storia è un pilastro del percorso formativo individuale, perché offre strumenti critici essenziali per affrontare il presente. Per questo proseguiremo nel rafforzamento dei progetti dedicati agli studenti, che rispondono sempre con grande entusiasmo e partecipazione” , spiega l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale Veronica Mammì.




            

Etichettato sotto

Campidoglio, Cinecittà rilancia il polo cinematografico

CinecittàValorizzazione degli Studi di Cinecittà attraverso il recupero della vocazione di luogo di produzione cinematografica di interesse pubblico. Questo l’obiettivo della delibera di Giunta capitolina approvata oggi che punta alla ridefinizione delle funzioni insediabili nel compendio cinematografico con il rilancio della missione pubblica di Cinecittà, cancellando gli indirizzi che negli ultimi anni avevano invece dato un impulso ad attività complementari che con il cinema avevano poco a che vedere. Roma Capitale, insieme all’Istituto Luce, ha quindi aggiornato il piano di assetto che ripristina le funzioni originarie, permette di realizzare superfici utili alle attività cinematografiche e recuperare volumetrie tutelate anche dall'inserimento all’interno della Carta della Qualità, con la demolizione dei manufatti precari presenti nel comprensorio, l’eliminazione delle previsioni di volumetrie a vocazione commerciale e ricettiva precedentemente previste e la garanzia di una destinazione che punti esclusivamente al potenziamento di attività collegate all’audiovisivo. Un indirizzo fondamentale per favorire e facilitare l’attrattività di Cinecittà nei confronti delle produzioni cinematografiche nazionali e internazionali che potranno tornare a girare nei teatri di posa rinnovati. Tutto grazie a una forte collaborazione tra enti a regia pubblica.

"L'industria cinematografica e dell'audiovisivo è un importantissimo settore della vita economica e culturale di Roma. Questa delibera, che viene dopo il successo della Festa del Cinema e del Mercato Internazionale dell'Audiovisivo, conferma l'impegno strategico di Roma Capitale per migliorare le condizioni che consentono a questo importantissimo settore di mantenersi e di crescere sempre più a livello di eccellenza mondiale. Un provvedimento che in questa giornata acquista un particolare valore visto che oggi a Cinecittà è stato inaugurato il Miac, il Museo italiano dell'audiovisivo e del cinema" dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi. 

"Il ritorno in mano pubblica di Cinecittà registra oggi due avvenimenti importanti: l'inaugurazione del Museo italiano dell'audiovisivo e del cinema, e la delibera che la Giunta capitolina con cui viene stabilito che i volumi edificabili all'interno del comparto di Cinecittà non sono più destinati ad attività di ricettività alberghiera e commerciali, come era accaduto in favore della proprietà privata precedente, ma con il rientro in mano pubblica di Cinecittà vengono destinati alla realizzazione degli spazi per le attività produttive dell'ente”, aggiunge l’assessore all’Urbanistica Luca Montuori.

Archeologia in Sicilia nel Secondo dopoguerra

Area archeologica a Piazza Armerina Villa Romana del Casale5

A Palazzo Ingrassia a Catania, nei prossimi 4 e 5 ottobre 2019, a partire dalle ore 10,00, si tiene il convegno sulle scoperte archeologiche avvenute in Sicilia nel secondo dopoguerra, in occasione della Ricostruzione.

La Sicilia è stata uno dei teatri del secondo conflitto mondiale, a partire dal luglio 1943, a partire dai bombardamenti che hanno preparato lo sbarco angloamericano, e la distruzione di molti edifici è stata l’occasione per scoprire quello che c’era sotto, e per ricostruire musei e altri edifici per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale, anche con i fondi dell’allora Cassa per il Mezzogiorno.

Il convegno, che vede la partecipazione di molti studiosi ed esperti che hanno lavorato nei siti, ripercorrerà le scoperte avvenute dal dopoguerra agli anni del boom economico, dalla Stipe votiva nell’area tra la chiesa di San Francesco e Via Crociferi a Catania del VI – V secolo avanti Cristo, ai ritrovamenti di un’importante colonia corinzia nel siracusano, ai muri di fortificazione ellenistica di Gela, alle aree funerarie di Akragas, dalla villa romana di Piazza Armerina all’Acropoli di Lipari.     

Piantiamo le radici

IMG 0909 Copia 630x210

Sabato 5 ottobre alle 12,00, al parchetto di via Teulada, davanti all’ufficio del Giudice di Pace, i cittadini della Rete Civica Insieme 17, dell’ex Municipio XVII, ora confluito nel I Municipio, intendono piantare un leccio, insieme alla Presidente del Municipio e l’Assessore all’Ambiente.

L’azione, quasi un “flash mob”, simboleggia la volontà di riappropriazione di un territorio e dell’area del parco in particolare, fortemente voluta dall’amministrazione del I Municipio, dopo le numerose pulizie straordinarie insieme ai cittadini e ai volontari di Retake Roma.

Roma, nuova illuminazione a Fontana di Trevi

raggi okSono 85 i proiettori subacquei e 6 quelli su mensola le luci a led del rinnovato impianto di illuminazione della Fontana di Trevi, per una potenza complessiva da 2,1 kilowatt.

Il risultato, in termini di risparmio energetico, è pari al 70% rispetto alle precedenti lampade a sodio.

Le rinnovate luci sono state presentate stasera a cittadini e turisti dalla sindaca di Roma Virginia Raggi e Stefano Donnarumma, amministratore delegato di Acea, la società incaricata dei lavori. All’inaugurazione presenti anche la sovrintendente capitolina ai beni culturali Maria Vittoria Marini Clarelli e il prefetto di Roma Gerarda Pantalone

Etichettato sotto

Campidoglio: nasce Osservatorio erogazione assegni a disabili

osservatori disabiliL’Amministrazione capitolina ha istituito l’Osservatorio sull’andamento dell’applicazione delle linee guida e sull’omogeneità nella modalità di erogazione degli assegni di cura e dei contributi di cura in favore delle persone con disabilità gravissima, con sede presso il Dipartimento Politiche Sociali. L’obiettivo è verificare la corretta applicazione delle Linee Guida adottate dalla Giunta e monitorare l’insorgenza di eventuali criticità, coinvolgendo gli uffici competenti a cui inoltrare le segnalazioni.

Attività e composizione dell’Osservatorio ricevono impulso da una Direttiva dell’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale Laura Baldassarre. L’organismo sarà composto dall’Assessora, dal Direttore del Dipartimento Politiche Sociali, dai Direttori delle Direzioni Socio-educative dei Municipi, da una Rappresentante della "Consulta Cittadina Permanente per i problemi delle persone handicappate" e da un Rappresentante di ogni Consulta municipale per le persone con disabilità. Integrerà le iniziative già sistematizzate a sostegno di persone non autosufficienti con disabilità gravissima, titolari di diritto riconosciuto ad un contributo economico alle cure.

La misura è finanziata dal Fondo nazionale per la non autosufficienza e distribuita dalla Regione Lazio ed è erogabile per tutte le persone in condizione di disabilità gravissima, che si tratti di bambini, adulti o anziani.

“Abbiamo voluto dare un segnale chiaro di ascolto permanente per monitorare l’operato dell’Amministrazione e formulare eventuali proposte migliorative su una misura fondamentale per l’attuazione dei diritti delle persone con disabilità gravissima”, afferma l’Assessora Laura Baldassarre.“Chi ha diritto ad un sostegno economico deve riceverlo. Questo era l’impegno che avevamo assunto e che rispetteremo”.

Etichettato sotto

Campidoglio: al via lavori per la bike lane su via Prenestina

bike laneQuasi 6 chilometri in bicicletta da Porta Maggiore a viale Palmiro Togliatti. Sono iniziati oggi i lavori della nuova bike lane su via Prenestina, un collegamento importante su una delle arterie principali della Capitale. Il progetto prevede una pista a unico senso di marcia, senza ricorso a spartitraffico o altri elementi fisici di separazione tra la corsia ciclabile e quella destinata ai veicoli a motore. Una volta completata la nuova bike lane si ricongiungerà con la ciclabile esistente su viale Togliatti e quindi con la Tuscolana fino ad arrivare al Quadraro.

“Il progetto della bike lane di via Prenestina fa parte del nostro programma per dotare la città di una rete integrata di ciclabili. Abbiamo completato la nuova pista su via Nomentana e a breve sarà pronta anche quella sulla Tuscolana. Itinerari importanti che consentono una connessione diretta tra centro e periferia, per incentivare l’uso della bici e promuovere la mobilità dolce e sostenibile”, afferma la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Il tracciato attraversa zone ora adibite alla sosta dei veicoli e si prevede l’inserimento della ciclabile tra il marciapiede e i posti auto, che saranno quindi spostati verso il centro della carreggiata.

“La realizzazione della bike lane permetterà anche una riorganizzazione della carreggiata, contribuendo a regolarizzare il traffico su una delle principali arterie della città. Un’opera strategica quindi per la nostra amministrazione e per l'intero quadrante est della Capitale, un'area densamente abitata che vedrà finalmente aumentare gli spazi per la mobilità sostenibile, alternativa all'automobile privata”, aggiunge l’Assessore alla Città in movimento, Linda Meleo.

Per garantire la sicurezza dei ciclisti saranno inseriti appositi dispositivi retroriflettenti (i cosiddetti "occhi di gatto") e sarà installata una “striscia di margine” a effetto sonoro per segnalare immediatamente l’eventuale invasione della corsia ciclabile da parte degli autoveicoli. L'ampiezza della corsia riservata sarà di 1,5 metri, ridotta a un metro solo nel tratto del sottovia ferroviario e in corrispondenza della sede di Atac lungo la Prenestina.

Etichettato sotto
Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore