logorcbtmp.svg

Che vuoi farci, è il Progresso!

bigOriginalNon possiamo accettare tutti gl’immigrati. Non possiamo perché tutti non ci stiamo. Dobbiamo decidere se la nostra etnia, la nostra razza bianca, la nostra società deve contribuire a esistere o deve essere cancellata. È una scelta”.
Sono state le parole di Fontana, presidente della Regione Lombardia in un’intervista a Radio Padania. “Non si tratta di essere xenobofi o razzisti, ma logici, razionali. Dire dobbiamo accettarli tutti, è un discorso demagogico. Bisogna reagire”…
…“È stato un lapsus, un errore espressivo. Intendevo dire che dobbiamo riorganizzare un’accoglienza diversa che rispetti la nostra storia e la nostra società”: così Fontana ha poi voluto rettificare la sua frase in cui diceva che non si possono accettare tutti i migranti, altrimenti è a rischio la nostra “razza bianca”.
E chissà se Fontana è venuto a sapere che i neutrini, le più misteriose particelle, sono trasformiste, cioè cambiano identità muovendosi quasi alla velocità della luce.
Lo si è provato al Cern, dove sono prodotti, per l’esperimento Opera, nei laboratori dell’Istituto nazionale di Fisica nucleare del Gran Sasso.
Queste particelle hanno una massa, una caratteristica non prevista dalle attuali teorie e che apre la strada a una nuova fisica.
Lo studio è pubblicato su Physical Review Letters.
I dati sono stati raccolti tra il 2008 e il 2012.
L’appuramento è definitivo.
Ah, ricordiamo che da dicembre il Biotestamento è legge.
Il provvedimento, si premette, tutela il diritto alla vita, alla salute, ma anche il diritto alla dignità e all’autodeterminazione; e dispone che nessun trattamento sanitario può essere iniziato e proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata.
Per i minori il consenso informato è espresso dai genitori esercenti la responsabilità genitoriale o dal tutore o dall’amministratore di sostegno, tenuto conto della volontà della persona minore di età o legalmente incapace o sottoposta ad amministrazione di sostegno.
Tra le principali novità introdotte, le Disposizioni anticipate di trattamento (Dat) attraverso le quali ogni persona maggiorenne e capace d’intendere e di volere può esprimere le proprie convinzioni e preferenze in materia di trattamenti sanitari, compreso il rifiuto alle pratiche di nutrizione e idratazione artificiale.
Le Dat devono essere redatte in forma scritta, sono revocabili e vincolanti per il medico.
Inoltre, rispetto all’evolversi delle conseguenze di una patologia cronica e invalidante, può essere realizzata una pianificazione delle cure condivise tra il paziente e il medico, alla quale il medico è tenuto ad attenersi.
Comunque, manipolare geneticamente le cellule del sistema immunitario per renderle capaci di riconoscere e attaccare il tumore, si può. Lo hanno fatto i medici del Bambin Gesù di Roma con un bimbo di 4 anni affetto da leucemia linfoblastica acuta, refrattario a terapie convenzionali.
È il primo paziente italiano curato con tale metodo rivoluzionario.
Dopo un mese dall’infusione delle cellule riprogrammate nei laboratori dell’ospedale pediatrico, il piccolo si è ripreso: nel midollo non sono più presenti cellule leucemiche.
Già, la manipolazione.
A inizio anno una falla di sicurezza ha messo virtualmente a rischio tutti i computer e i dispositivi mobili che riguardano i processori delle principali aziende, Intel, Arm e Amd, e secondo gli esperti ha esposto gli utenti al rischio di furto di password e altri dati.
A scoprirlo i ricercatori del Google project zero, lo scorso anno. Interrogati i costruttori e gli sviluppatori dei sistemi operativi (Microsoft, Apple, Linux).
Intel ha minimizzato sui rischi per la sicurezza dei dati: “Non ha il potenziale di corrompere, modificare o eliminare dati”.
Tale vulnerabilità è stata probabilmente la più grave di questi ultimi anni” ha detto invece Raoul Chiesa, esperto di sicurezza.
E magari che la tecnologia ci rendesse immortali!
A marzo per esempio c’ha lasciati l’astrofisico di fama mondiale Stephen Hawking, morto a 76 anni nella sua casa a Cambridge. Hawking, malato di Sla, non è stato solo un grande fisico, matematico, cosmologo e astrofisico, in effetti la sua vita e la sua carriera hanno ispirato film per la tv e il cinema, compreso “La teoria del tutto” diretto da James Marsh, adattamento della biografia scritta dalla ex moglie e madre dei suoi tre figli, Lucy, Robert e Tim.
Lo scienziato, nato a Oxford l’8 gennaio del ’42, rimarrà per sempre noto soprattutto per i suoi studi sui buchi neri, sulla cosmologia quantistica e sull’origine dell’universo.
Ultima modifica ilVenerdì, 01 Giugno 2018 22:17

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Mostly cloudy

24°C

Roma

Mostly cloudy
Humidity: 77%
Wind: S at 11.27 km/h
Sunday
Mostly cloudy
14°C / 27°C
Monday
Partly cloudy
16°C / 27°C
Tuesday
Sunny
14°C / 29°C
Wednesday
Sunny
15°C / 30°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore