logorcb

updated 10:57 PM CEST, Aug 13, 2019

SENZA TRACCIA: MIRCO PELLICCIA... ORA I TABULATI

mirco pelliccia 1La scomparsa 

Mirco Pelliccia ha 28 anni, è originario di Torrebruna, in provincia di Chieti, ma abita a Ciampino, vicino Roma, dove lavora come meccanico.

Qualche mese fa conosce una donna albanese più grande di lui, se ne innamora e decide di trasferirsi con lei nel suo paese.

Si licenzia dall'officina romana in cui lavora e a luglio vola via per investire la sua liquidazione in un'attività commerciale all'estero.

Le cose purtroppo non vanno bene, tanto da chiedere aiuto ai genitori, che prontamente gli mandano alcune somme di denaro.

Il primo ottobre Mirco dice ai familiari di doversi recare a Londra con un conoscente albanese per vedere alcuni pezzi di ricambio di un'auto.

Contatta sia la madre sia il padre i primi due giorni del mese, chiedendo loro delle ricariche telefoniche.

Dal 3 ottobre tutti i cellulari intestati a Mirco Pelliccia risultano spenti.

La sua compagna riferisce di aver ricevuto sms anche sabato 5 ottobre e così l'allarme tarda a partire.

È l'8 ottobre quando i genitori di Mirco decidono di sporgere denuncia per la scomparsa del figlio. 

mirco pelliccia2Le ricerche 

Dopo un passaggio televisivo nella nota trasmissione “Chi l'ha visto?” di due settimane fa, le ricerche di Mirco sono sbarcate anche sul social network Facebook (https://www.facebook.com/pages/Ritroviamo-Mirco-Pelliccia/169524036578031), tramite cui alcuni amici del ragazzo, conoscenti e semplici volontari si sono organizzati per tappezzare Roma di volantini con l'avviso di scomparsa.

Sono state battute molte stazioni ferroviarie e della metropolitana, sono stati allertati i centri dove vengono distribuiti i pasti ai senzatetto, la sala sociale del comune di Roma e l'Help Center, ma è a Termini che qualcosa finalmente ha iniziato a muoversi.

Grazie a ricerche “porta a porta”, i volontari hanno raccolto diverse segnalazioni nei dintorni della stazione, ma anche all'interno della stessa.

Pare, infatti, che un ragazzo dall'aspetto fisico riconducibile a quello di Mirco abbia dormito lunedì 14 ottobre su una panchina del binario 29.

Il giovedì seguente, invece, Mirco Pelliccia sarebbe stato visto in stato confusionale aggirarsi nei pressi del capolinea del trenino Roma – Giardinetti, in via Giolitti.

E in evidente stato confusionale è anche un altro ragazzo segnalato, stavolta mercoledì 16 alle ore 19 circa sui vagoni della metropolitana linea A.

Costui parlava a voce così alta da attirare l'attenzione degli altri passeggeri, che lo avrebbero addirittura ripreso con il cellulare.

Per tutta risposta,  “Mirco” avrebbe inveito contro di loro, finché non è sceso alla fermata Cipro.

Nei pressi della stazione Termini, alcuni agenti di Polizia del Commissariato Viminale, nei giorni seguenti, hanno  fermato e identificato una persona molto somigliante a Mirco Pelliccia.

Molto probabilmente si tratta del “sosia” che avevano segnalato alcuni commercianti di via Giolitti.

Tuttavia questa persona non risulta essere un senzatetto e non ha problemi psichici.

Chi è dunque il ragazzo che dormiva sul binario 29?

È davvero Mirco Pelliccia colui che è stato notato da un paio di persone in stato confusionale?

Al momento della scomparsa, Mirco Pelliccia godeva di buona salute e l'idea che possa ora trovarsi in serie difficoltà angoscia la famiglia.

Inoltre nell'ultima settimana non sono giunte nuove segnalazioni, nonostante il volantinaggio continuo in diverse zone della Capitale: cosa è successo a Mirco? 

mirco6Le indagini 

Essendo Mirco maggiorenne, purtroppo, come spesso accade, la sua scomparsa viene vista in prima battuta come allontanamento volontario, il Sostituto Procuratore autorizza le richieste per i tabulati telefonici e i tracciati delle celle , anche se i carabinieri, fino a oggi, ne sembravano esserne all’oscuro.

Un dato inquietante, però, emerge subito: l'Interpol riferisce, infatti, che Mirco Pelliccia non ha preso alcun volo per Londra, bensì il primo ottobre risulta atterrare all'aeroporto di Roma Fiumicino.

Perché Mirco ha mentito sulla sua destinazione?

Anche la compagna afferma che la destinazione del ragazzo fosse Londra, ma non ha saputo dare informazioni circa il compagno di viaggio, menzionato da Mirco ai genitori.

Con l'arrivo delle segnalazioni sia dalla stazione Termini sia da quella della fermata metro Cipro, le forze dell'ordine si sono date da fare per acquisire le immagini delle telecamere di videosorveglianza delle zone interessate, per capire quali avvistamenti siano corretti e per accertare lo stato di salute del ragazzo.

Grazie anche al coinvolgimento del Commissario Straordinario per le Persone Scomparse,mirco7 risulta al momento esserci una buona sinergia tra Polizia e Carabinieri, a cui la famiglia Pelliccia chiede sollecitudine: visto il tipo di rapporto che Mirco ha con la madre, il suo silenzio, che ormai dura da più di tre settimane, preoccupa notevolmente, come anche non sono rassicuranti alcune voci, ancora da verificare, provenienti dall'Albania. 

L'appello della madre. 

La signora Antonella, madre di Mirco, tramite Facebook chiede alla gente comune di non dimenticare suo figlio, di continuare a condividere foto e dati, di tenere gli occhi aperti.

Ha inoltre lanciato un video-appello (www.youtube.com/watch?v=yMm6xgo-aaE ), con la speranza che possa giungere agli occhi o alle orecchie di suo figlio o di qualcuno che possa indicargli la strada di casa.

Rispetto le tue scelte. Tutti rispetteranno le tue scelte. Ti chiedo semplicemente di fare una telefonata, di dirmi che stai bene. Dopo di che decidi tu quando e come, e se tornare. Ti voglio bene.

Ultima modifica ilMartedì, 19 Agosto 2014 16:30

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore