logorcb

updated 9:34 PM CET, Dec 15, 2019
Sport e Motori

Sport e Motori (104)

Formula 1, Hamilton domina il Gran Premio di Abu Dhabi

 L’inglese vola per tutta la gara e, con gomme finite, conquista il punto addizionale per il giro più veloce nell’ultima tornata. Secondo Verstappen, che guadagna la terza posizione nel mondiale piloti, terzo Leclerc. Splendida rimonta di Bottas, da ultimo a quarto. Quinto Vettel. Salutano la Formula 1 Hulkenberg e Kubica. Martedì i test, il 15 marzo 2020 si riparte a Melbourne.
Mai podio fu più azzeccato.

Un punto di arrivo, essendo l’ultimo della stagione, ma anche di partenza. Saranno loro tre a farci divertire in futuro, con Lewis Hamilton, vincitore del Gran Premio di Abu Dhabi e uomo da battere anche il prossimo anno, Max Verstappen, secondo oggi e terzo in classifica iridata, e Charles Leclerc, al suo decimo podio stagionale, che mancava dal GP di Russia, nella prima stagione in Ferrari.

Formula 1, Verstappen vince un rocambolesco Gran Premio del Brasile

(Verstappen - Fonte Immagine f1.com)

 Gara pazza, con l’unica certezza del primato dell’olandese, troppo veloce anche per Hamilton. Dalla seconda posizione in poi la classifica è cambiata più volte durante la corsa, specie nel finale. Alla fine il podio è completato da Gasly, secondo su Toro Rosso, e da Sainz su McLaren, partito ultimo. Penalizzato Hamilton per l’incidente con Albon nel finale. Le Ferrari si autoeliminano, con un contatto tra Vettel e Leclerc. Ottime le Alfa Romeo. Il giro veloce è di Bottas, ma essendosi ritirato non gli è stato assegnato il punto addizionale.
Una corsa infinita.

Ci sono stati talmente tanti ribaltamenti, contatti, penalità, strategie diverse che ricordare tutto diventa quasi impossibile.
L’unica cosa certa è che Max Verstappen vince con merito il Gran Premio del Brasile, al termine di un weekend da assoluto protagonista, comprensivo di pole position. Il primato dell’olandese, tra l’altro, è una delle poche cose che, anche se in bilico in certi momenti della gara, è da subito sembrato fuori discussione.

Motomondiale, Marquez vince il Gran Premio di Valencia

 Il campione del mondo in carica domina anche nell’ultima gara stagionale, precedendo sul traguardo Quartararo, secondo, e Miller, terzo. Solo quarto Dovizioso, mentre Rossi chiude ottavo. Cadono Petrucci e Morbidelli, Iannone out all’ultimo giro. Tredicesimo Lorenzo, alla sua ultima gara in MotoGP. Brutto incidente per Zarco, colpito dalla moto di Leucona. Il francese sta bene. La Repsol Honda Team beffa la Ducati Mission Winnow nel campionato riservato ai team. In Moto 3 Garcia brucia Migno nel finale, in Moto 2 vince Binder.
Triplete.

Un termine che si addice non solo al calcio, dato che la Repsol Honda Team, dopo la vittoria del suo pilota Marc Marquez nel mondiale piloti, e del marchio giapponese in quello costruttori, si aggiudica anche il titolo relativo ai team, beffando all’ultima corsa la Ducati Mission Winnow, in testa fino alla partenza odierna.
L’ultimo gran premio stagionale, sul circuito della Comunità Valenciana, se lo aggiudica il solito Marquez, che conclude al meglio un’annata da dominatore assoluto.

Formula 1, Bottas vince il GP degli Usa, Hamilton il sesto mondiale

 Sul circuito del Texas, il finlandese si riprende la prima posizione nel finale sopravanzando Hamilton, secondo. Sfortunato Verstappen che, una volta entrato in zona DRS, trova le bandiere gialle in fondo al rettilineo opposto ai box e non può tentare l’attacco sul britannico. Profondo rosso per le Ferrari. Quarto e lontano Leclerc, out Vettel. Bene Albon, quinto, e Ricciardo, sesto.
A un passo dal mito.

Michael Schumacher, il pilota più vincente della storia della Formula 1, dista solo un mondiale per Lewis Hamilton, che oggi conquista il suo sesto titolo iridato.
Il britannico sfiora anche la vittoria del Gran Premio degli Usa, andata a Valtteri Bottas nel finale.
Il finlandese scatta bene dalla pole position, girando in prima posizione.

Motomondiale, Vinales trionfa nel Gran Premio della Malesia

 Lo spagnolo della Yamaha resta in testa dal primo all’ultimo giro, imponendo un ritmo inarrivabile per tutti. Marquez chiude secondo, mentre Dovizioso vince il duello con Rossi per la terza posizione. Ottimo Mobidelli, sesto, delude Quartararo, settimo. Cadono Iannone, Crutchlow e Zarco. In Moto 3 vince ancora Dalla Porta, in Moto 2 Binder, ma Alex Marquez è campione del mondo.
Inarrivabile.
L’aggettivo più esauriente per descrivere il Maverick Vinales visto in Malesia.
Sul circuito di Sepang, il centauro della Yamaha vince per distacco la corsa, regolando Marc Marquez, partito undicesimo e giunto secondo, e Andrea Dovizioso.
Lo spagnolo parte bene, riuscendo in mezzo giro a mettersi davanti al gruppo, scavalcando tra gli altri Franco Morbidelli, autore di una partenza perfetta, alla pari di Marquez.

Formula 1, Hamilton vince il Gran Premio del Messico

 Il campione del mondo in carica rimonta dopo il contatto nelle prime fasi con Verstappen e precede sul traguardo Vettel e Bottas. Solo quarto Leclerc, partito in pole position, e autore del giro veloce in gara. Ancora sotto esame le strategie Ferrari. Rinviata ad Austin la festa del britannico per il sesto titolo mondiale.
Quando si dice volerla vincere a tutti i costi.

Lewis Hamilton conquista il Gran Premio del Messico, al termine di una gara tirata sin sotto la bandiera a scacchi.
E pensare che al via davanti a tutti c’erano le due Ferrari, le quali hanno affrontato la partenza con un ottimo gioco di squadra.
Charles Leclerc, poleman dopo la penalità in griglia imposta a Max Verstappen per aver ignorato le bandiere gialle, riesce a tenere la prima posizione e a concedere la scia al compagno di scuderia Sebastian Vettel, il quale si difende proprio da Hamilton.
L’inglese, nel tentativo di sorpasso, mette le ruote sull’erba e si fa ingaggiare da Verstappen in curva uno e due, nelle quali vengono a contatto perdendo posizioni.

Motomondiale, Marquez vince anche il Gran Premio d’Australia

 Sul circuito di Phillip Island, il campione del mondo in carica segue Vinales fino all’ultimo giro e sferra l’attacco decisivo sul rettilineo dei box. Lo spagnolo della Yamaha cade a poche curve dal termine nel tentativo di riprendersi il primo posto. Secondo Crutchlow, terzo Miller. Ottimi Bagnaia, quarto, e Iannone, sesto. Gara a fisarmonica per Rossi, ottavo. Dalla Porta vince gara e mondiale in Moto 3, in Moto 2 trionfa Binder.
Inizio da Moto 3, finale da MotoGP.
Questo il sunto del Gran Premio d’Australia, vinto dal solito Marc Marquez con la solita dinamica: inseguimento e beffa all’ultimo giro.
Almeno la gara è stata divertente, specialmente nei primi giri, quando c’erano in bagarre 10 piloti per il primo posto.
Al via scatta benissimo Valentino Rossi, che con una traiettoria magnifica riesce addirittura a guadagnare mezzo secondo sul resto del gruppo in curva 1.

Motomondiale, Marquez vince il Gran Premio del Giappone

(Marquez - Fonte Immagine: Quotidiano.net)

 Il campione del mondo in carica domina anche sul circuito di Motegi e precede sul traguardo Quarararo, rookie dell’anno, e Dovizioso. Quarto Vinales. Cade Rossi quando era undicesimo. La Honda conquista il campionato costruttori per la venticinquesima volta, mentre nella classifica dei team la Ducati Misson Winnow resta in testa. In Moto 3 vince Dalla Porta, in Moto 2 Marini.
Un cannibale.
Marc Marquez non si accontenta mai e, dopo aver realizzato la pole position sull’unico circuito dell’attuale calendario dove non era mai riuscito prima, conquista anche la vittoria nel Gran Premio del Giappone.
Lo spagnolo parte bene e, dopo un primo sorpasso subito da Fabio Quartararo, mette la freccia e risorpassa il francese, prendendo il largo grazie ad un paio di giri strepitosi sotto il minuto e 46 secondi.

Formula 1, Bottas vince il Gran Premio di Giappone e la Mercedes è campione del mondo

(Bottas e Vettel - Fonte Immagine: Ansa.it)

 Lo scandinavo scavalca Vettel al via e trionfa sul circuito di Suzuka. Secondo proprio il tedesco della Ferrari che resiste agli attacchi di Hamilton nel finale, terzo e con il punto addizionale per il giro più veloce in gara. Ottimo quinto posto per Sainz su McLaren. Doppia penalità di tempo a Leclerc, solo settimo. Il team Mercedes conquista per la sesta volta consecutiva il titolo costruttori.
Una vittoria strategica.
Così si può definire il trionfo di Valtteri Bottas in Giappone, frutto anche dei troppi errori, gli ennesimi, della Ferrari in gara.
Il pilota finlandese, infatti, guadagna punti sugli inseguitori al secondo posto nel mondiale piloti, mentre quello costruttori se lo aggiudica proprio la Mercedes, grazie al terzo posto di Lewis Hamilton e al mancato arrivo nei primi sei di Charles Leclerc.
Certo i piani del team teutonico, a gara in corso, erano diversi, puntando alla doppietta, infranta grazie al secondo posto di Sebastian Vettel, il quale, a sua volta, aveva in mente ben altro finale.

Motomondiale, Marquez vince in Thailandia ed è campione del mondo

 Ottavo titolo iridato per il pilota spagnolo che beffa Quartararo all’ultimo giro. Terzo Vinales. Quarto il migliore degli italiani, Dovizioso, sesto Morbidelli, ottavo Rossi, nono Petrucci. In Moto 3 vince Arenas, in Moto 2 trionfa Marini.
Eightball.
Steccata precisa di Marc Marquez che manda palla 8 in buca d’angolo sul tavolo da biliardo della Thailandia, vincendo in un colpo solo Gran Premio e Mondiale.
Lo spagnolo scatta bene dalla terza casella, sopravanzando subito il connazionale Maverick Vinales e mettendosi all’inseguimento del poleman di giornata, Fabio Quartararo.

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore