logorcb

updated 10:46 PM CET, Jan 18, 2019

Formula 1, Verstappen vince il GP del Messico. Hamilton il mondiale

L’olandese della RedBull trionfa al termine di una gara dominata dal primo giro. Ricciardo tradito ancora una volta dal motore della sua monoposto quando era secondo. Sul podio le Ferrari di Vettel e Raikkonen. Mercedes in crisi, con Bottas addirittura doppiato in quinta posizione. Hamilton resiste e chiude quarto, vincendo il quinto mondiale piloti della sua carriera.

In Messico vincono in due.
Max Verstappen porta a casa il Gran Premio, Lewis Hamilton il titolo iridato per la quinta volta in carriera.
Gara incolore quella dell’inglese della Mercedes, nonostante una partenza da urlo.

Al via, infatti, Daniel Ricciardo, partito dalla pole position, rimane inchiodato e ad approfittarne sono Verstappen e Hamilton. Ci sarebbe anche Sebastian Vettel, il quale, però, rimane chiuso dalle vetture davanti a lui e preferisce evitare ulteriori errori in stagione, lasciandosi sfilare in prima uno anche da Valtteri Bottas, salvo restituirgli il favore, con tanto di contatto gomma a gomma, due curve più avanti.
L’olandese della Red Bull prova subito ad allungare sul resto del gruppo, mentre le Ferrari faticano a tenere da subito il passo dei rivali.
Dopo la girandola dei pit stop, però, il Cavallino Rampante si riprende e sfrutta gli pneumatici di mescola Super Soft per rimettere in sesto una gara che sembrava segnata.
Vettel sopravanza prima Ricciardo, poi Hamilton, con la Rossa che, sul rettilineo principale, svernicia letteralmente la freccia d’argento, in crisi con questo set di gomme.
A qualche tornata dal termine la Ferrari richiama dentro il tedesco per un secondo cambio gomme, tornando alle ultra soft, ma Ricciardo è di nuovo davanti alla monoposto italiana.
Inizia un tira e molla che permette a Vettel solo di avvicinarsi sui rettilinei senza aver possibilità di attaccare l’australiano, nonostante le gomme di quest’ultimo abbiano già percorso 40 giri.
Ricciardo resiste fin quando la sua Red Bull non decide di abbandonarlo per l’ottava volta in stagione, a causa dell’ennesimo problema al motore.
Dietro le Mercedes sono in crisi e Kimi Raikkonen approfitta della debacle teutonica per prendersi la terza posizione, che conserverà sin sotto il traguardo.
Verstappen va a vincere il Gran Premio sul circuito intitolato ad Hermanos Rodrìguez, dopo una gara dominata sin dal primo giro e nonostante i patemi d’animo vissuti nelle ultime tornate, dopo il guasto che ha messo fuorigioco la monoposto del compagno di scuderia.
Hamilton, in crisi da dopo la sosta, resiste come può fin sotto la bandiera a scacchi, portando a casa un quarto posto che lo incorona campione del mondo per il secondo anno consecutivo.
Chiudono in zona punti anche la Renault di Niko Hulkenberg, sesto, le due Sauber Alfa Romeo di Charles Leclerc, settimo, e Marcus Ericsson, nono, la McLaren di Stoffel Vandoorne, ottavo, e la Toro Rosso di Pierre Gasly, decimo.

Un dato curioso, quanto allarmante per l’equilibrio del campionato di Formula 1: solo 4 piloti hanno terminato la gara a pieni giri, e solo 2 entro il minuto di distacco dal vincitore.
Il mondiale costruttori resta ancora aperto, con la Ferrari che riduce lo svantaggio dalla Mercedes a 55 lunghezze.
Prossimo appuntamento con il circus della F1 è tra due settimane, con il Gran Premio del Brasile. Lo spegnimento dei semafori è previsto per domenica 11 novembre alle ore 18:10 italiane.

Ordine d'arrivo Gran Premio del Messico
Pos Pilota (Scuderia) Distacco Pti
1 Verstappen (Red Bull)
1:38:28:851 25
2 Vettel (Ferrari)
+17:316 18
3 Raikkonen (Ferrari)
+49:914 15
4 Hamilton (Mercedes)
+78:738 12
5 Bottas (Mercedes)
+ 1 Giro
10
6 Hulkenberg (Renault)
+ 2 Giri
8
7 Leclerc (Alfa Romeo Sauber)
+ 2 Giri 6
8 Vandoorne (McLaren)
+ 2 Giri 4
9 Ericsson (Alfa Romeo Sauber)
+ 2 Giri 2
10 Gasly (Toro Rosso)
+ 2 Giri 1
11 Ocon (Racing Point Force India)
+ 2 Giri 0
12 Stroll (Williams)
+ 2 Giri 0
13 Sirotkin (Williams)
+ 2 Giri 0
14 Hartley (Toro Rosso)
+ 2 Giri 0
15 Magnussen (Haas)
+ 2 Giri 0
16 Grosjean (Haas)
+ 3 Giri
0
17 Ricciardo (Red Bull)
Ritirato 0
18 Perez (Racing Point Force India)
Ritirato
0
19 Sainz (Renault)
Ritirato
0
20 Alonso (McLaren)
Ritirato 0

Classifica Mondiale Piloti F1

Pos Pilota (Scuderia) Punti (Differenza)
1 Hamilton (Mercedes) 358 (0)
2 Vettel (Ferrari) 294 (-64)
3 Raikkonen (Ferrari)
236 (-122)
4 Bottas (Mercedes)
227 (-131)
5 Verstappen (Red Bull) 216 (-142)
6 Ricciardo (Red Bull) 146 (-212)
7 Hulkenberg (Renault) 69 (-289)
8 Perez (Racing Point Force India)
57 (-301)
9 Magnussen (Haas)
53 (-305)
10 Alonso (McLaren)
50 (-308)
11 Ocon (Racing Point Force India) 49 (-309)
12 Sainz (Renault)
45 (-313)
13 Grosjean (Haas)
31 (-327)
14 Gasly (Toro Rosso) 29 (-329)
15 Leclerc (Alfa Romeo Sauber)
27 (-231)
16 Vandoorne (McLaren)
12 (-346)
17 Ericsson (Alfa Romeo Sauber)
9 (-349)
18 Stroll (Williams)
6 (-352)
19 Hartley (Toro Rosso)
4 (-354)
20 Sirotkin (Williams)
1 (-357)

Classifica Mondiale Costruttori F1

Pos Scuderia Punti (Differenza)
1 Mercedes 585 (0)
2 Ferrari  530 (-55)
3 Red Bull 362 (-223)
4 Renault 114 (-471)
5 Haas 84 (-501)
6 McLaren 62 (-523)
7 Racing Point Force India*
47 (-538)
8 Alfa Romeo Sauber
36 (-549)
9 Toro Rosso
33 (-552)
10 Williams 7 (-578)
*La Force India è passata in settimana dall'ex proprietario Vijay Mallia a Lawrence Stroll, padre di Lance che guida per la Williams.
Il cambio di proprietà ha fatto sì che la FIA decidesse di levare i punti in classifica costruttori al team, lasciando solo quelli ai piloti.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Partly Cloudy

9°C

Roma

Partly Cloudy

Humidity: 46%

Wind: 8.05 km/h

  • Clear
    24 Mar 2016 16°C 6°C
  • Sunny
    25 Mar 2016 17°C 10°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore