logorcb

updated 2:03 PM CEST, Oct 13, 2019

Motomondiale, Marquez trionfa nel Gran Premio di Germania

 Il campione del mondo in carica conquista la decima vittoria consecutiva sul circuito del Sachsenring e fa un passo in avanti verso il titolo mondiale. Secondo Vinales, terzo Crutchlow. Cade Rins quando era in seconda posizione.  Quarte e quinte le Ducati di Petrucci e Dovizioso. Ottavo Rossi. In Moto 3 vince Dalla Porta, in Moto 2 Alex Marquez.
A braccia conserte.

Arriva così, con il vuoto alle spalle, Marc Marquez sotto la bandiera a scacchi del Gran Premio di Germania.
Come un professore che guarda severo e dà una lezione ai suoi alunni. Ma se vinci a 26 anni da quando ne hai 16 anni, per 10 volte di seguito sul circuito del Sachsenring, forse un po’ maestro lo sei.

Già dalla partenza, Marquez, scattato dalla pole position, sembra in vena di fare qualcosa di straordinario anche oggi.
Partono bene anche Maverick Vinales, che duella per qualche giro con il connazionale della Honda, e Alex Rins, con la Suzuki.
Soffre leggermente Fabio Quartararo, che, neanche dopo due giri, abbandona anzitempo la corsa per uno scivolone in curva 3.
Un tornante insidioso, dove nello stesso giro cade anche Miguel Oliveira e in quello successivo Johann Zarco.
Alle spalle dei primi tre, si inizia a lottare per le posizioni successive al podio, con le Ducati di Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso che tentano di recuperare posizioni in classifica nonostante la pista non congeniale ai bolidi di Borgo Panigale.
Anche Valentino Rossi, scattato lento al via tanto da perdere una posizione, si aggancia timidamente al codone del gruppo che lotta per la quarta posizione.
Davanti, Rins rompe gli indugi su un Vinales leggermente affaticato dopo l’inizio promettente e si prende la seconda piazza, tentando di rimanere in scia di Marquez.
La cosa gli riesce per un paio di giri, poi è costretto ad arrendersi, in quanto il campione del mondo inizia a martellare con un ritmo più rapido di 4 decimi a tornata.
Nel cercare di limitare il distacco dalla vetta, Rins esagera e, a 12 passaggi dal termine, si vede sbalzato via dalla sella della sua Suzuki in curva 11. Un errore che costa caro in termini di classifica piloti.
A quel punto, con Marquez distante 5 secondi, Vinales viaggia in seconda posizione, costretto ad abbassare i tempi sul giro per il prepotente ritorno di Cal Crutchlow.
I due non si daranno mai battaglia davvero, con l’inglese che si limita a seguire il pilota della Yamaha fino al penultimo giro, quando finisce largo per un errore in frenata.
Dietro, nel frattempo, si accende la stella di Joan Mir, il quale sembra poter rivoluzionare la classifica grazie ad una serie di sorpassi da manuale, nonostante la giovanissima età.
Prima si mette davanti a Rossi, che a sua volta scavalca Franco Morbidelli in ottava posizione, poi sorpassa per qualche giro anche le Ducati ufficiali.
Ma passano appena due tornate che lo spagnolo della Suzuki inizia ad andare in difficoltà con le gomme e si deve accontentare di lottare con Jack Miller per la sesta posizione.
Marquez vince il Gran Premio di Germania ed è la decima volta consecutiva. Completano il podio Vinales e Crutchlow.
La lotta per la quarta piazza se l’aggiudica Petrucci, davanti al compagno di team Dovizioso, al termine di un duello molto intenso, senza ordini di scuderia arrivati ai piloti.
Dietro le Rosse, Miller batte Mir per la sesta posizione, con Rossi ottavo e Morbidelli nono.
Per quanto riguarda gli altri italiani, si segnalano il tredicesimo posto di Andrea Iannone e il diciassettesimo di Franco Bagnaia.
Si è ritirato, oltre ai succitati Quartararo, Oliveira e Zarco, anche Aleix Espargarò su Aprilia, caduto a due tornate dal termine.
In classifica piloti, Marquez inizia a mettere una prima ipoteca sul titolo mondiale, dato che Dovizioso, secondo, dista già 58 punti.
Nella graduatoria riservata ai team, la Ducati mantiene agevolmente il primato, mentre la Yamaha rinforza la terza posizione.
In Moto 3 si erge fiero il tricolore, grazie alla vittoria di Lorenzo Dalla Porta. Una gara tiratissima, che l’italiano non voleva sbagliare. Dopo quattro secondi posti, il pilota del Team Leopard è riuscito ad imporsi in volata davanti al compagno di squadra Marcos Ramirez, secondo, e Aron Canet, terzo e scavalcato in testa alla classifica mondiale per due punti proprio da Dalla Porta. Bene anche Romano Fenati, quarto sotto la bandiera a scacchi.
In Moto 2, invece, vince ancora il fratello di Marc Marquez, Alex. Lo spagnolo chiude davanti a Brad Binder e al padrone di casa Marcel Schrotter. È quarto il primo degli italiani, Fabio Di Giannantonio, mentre Lorenzo Baldassarri deve accontentarsi della settima piazza.
Rammarico per Iker Lecuona che scivola alla penultima curva all’ultimo giro, quando era in piena battaglia per il podio.
Prossimo appuntamento con il Motomondiale è fra poco meno di un mese, al termine delle vacanze estive, con il Gran Premio della Repubblica Ceca.
Lo spegnimento dei semafori, sul circuito di Brno, è previsto per le ore 14:00 di domenica 4 agosto 2019.
La gara sarà trasmessa in diretta esclusiva da Sky sul canale Sky Sport MotoGP (numero 208 del satellite).
Per gli abbonati alla piattaforma satellitare, inoltre, la corsa sarà visibile in Streaming attraverso l’applicazione SkyGo.

Ordine di arrivo GP di Germania in zona punti:

Pos Pilota (Team) Distacco Punti
1 Marquez (Honda) 00:41:08:276 25
2 Vinales (Yamaha)
+4:587 20
3 Crutchlow (Honda)
+7:741 16
4 Petrucci (Ducati)
+16:577 13
5 Dovizioso (Ducati)
+16:669 11
6 Miller (Ducati) +16:836 10
7 Mir (Suzuki)
+17:156 9
8 Rossi (Yamaha)
+19:110 8
9 Morbidelli (Yamaha) +20:634 7
10 Bradl (Honda)
+22:708 6
11 Rabat (Ducati) +26:345
5
12 P. Espargaro (KTM)
+26:574 4
13 Iannone (Aprilia)
+32:753 3
14 Nakagami (Honda) +32:925 2
15 Abraham (Ducati) +37:934  1 

Classifica Piloti MotoGP:

Pos   Pilota (Team) Punti Distacco
1 Marquez (Honda) 185 0
2 Dovizioso (Ducati)
127 -58
3 Petrucci (Ducati)
121 -64
4 Rins (Suzuki) 101 -84
5 Vinales (Yamaha)
85 -100
6 Rossi (Yamaha)
80 -105
7 Miller (Ducati)
70 -115
8 Crutchlow (Honda) 67 -118
9 Quartararo (Yamaha) 67 -118
10 P. Espargaro (KTM) 56 -129
11 Morbidelli (Yamaha) 52 -133
12 Nakagami (Honda) 50 -135
13 Mir (Suzuki) 39 -146
14 A. Espargaro (Aprilia)
31 -154
15 Iannone (Aprilia)
21 -164
16 Lorenzo (Honda) 19 -166
17 Zarco (KTM)
16 -169
18 Oliveira (KTM)
15 -170
19 Rabat (Ducati)
14 -171
20 Bradl (Honda) 12 -173
21 Bagnaia (Ducati) 11 -174
22 Pirro (Ducati)
9 -176
23 Guintoli (Suzuki)
3 -182
24 Syahrin (KTM)
3 -182
25 Abraham (Ducati) 3 -182
26 Smith (Aprilia) 0 -185
 
Classifica Team MotoGP:
 
Pos Team Punti Distacco
1 Mission Winnow Ducati 248 0
2 Repsol Honda Team
210 -38
3 Yamaha Factory Racing
165 -83
4 Team Suzuki MotoGP
140 -108
5 Drive M7 SIC Raging Team 119 -129
6 Team LCR 117 -131
7 Pramac Racing 81 -167
8 Red Bull KTM Factory Racing 72 -176
9 Aprilia Racing Team 52 -196
10 Red Bull KTM Tech 3 18 -230
11 Avintia Racing 17 -231
12 Team HRC 6 -242
Ultima modifica ilDomenica, 15 Settembre 2019 15:43

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore