logorcb

updated 8:46 PM CET, Nov 10, 2019

Motomondiale, Marquez vince il Gran Premio del Giappone

 Il campione del mondo in carica domina anche sul circuito di Motegi e precede sul traguardo Quarararo, rookie dell’anno, e Dovizioso. Quarto Vinales. Cade Rossi quando era undicesimo. La Honda conquista il campionato costruttori per la venticinquesima volta, mentre nella classifica dei team la Ducati Misson Winnow resta in testa. In Moto 3 vince Dalla Porta, in Moto 2 Marini.
Un cannibale.
Marc Marquez non si accontenta mai e, dopo aver realizzato la pole position sull’unico circuito dell’attuale calendario dove non era mai riuscito prima, conquista anche la vittoria nel Gran Premio del Giappone.
Lo spagnolo parte bene e, dopo un primo sorpasso subito da Fabio Quartararo, mette la freccia e risorpassa il francese, prendendo il largo grazie ad un paio di giri strepitosi sotto il minuto e 46 secondi.

Al via, scatta così così Fanco Morbidelli, che si ritrova da secondo a quinto alla prima staccata, mentre Andrea Dovizioso riesce a mettersi nella scia dei primi.
Perde posizioni, invece, Valentino Rossi, scattato dalla decima casella sulla griglia e ritrovatosi addirittura 14esimo dopo qualche curva.
Una gara difficile quella del Dottore, che riesce a recuperare sino all’11esima piazza e a mettere in pista qualche giro buono. Ma al momento di attaccare Joan Mir e Danilo Petrucci per la decima posizione, il pilota Yamaha finisce nella ghiaia, concludendo in maniera amara un weekend da dimenticare.
Davanti Quartararo cerca di non mollare, riuscendo a mantenere il distacco per gran parte della gara intorno al secondo.
Alle loro spalle, Jack Miller ingaggia il duello con Morbidelli per l’ultimo gradino del podio, mentre da dietro si fanno sotto Dovizioso e Maverik Vinales, ripresisi dopo qualche giro anonimo.
La coppia si trasforma presto in quartetto, con l’americano che entra in crisi con le gomme, chiuderà addirittura decimo, abbandonando anzitempo la contesa, mentre Morbidelli riesce a resistere per qualche giro in più, ma alla fine dovrà arrendersi alla foga degli inseguitori.
Una volta rimasti in due, Vinales sembra poter sferrare l’attacco su Dovizioso entro qualche tornata e guadagnare il podio.
Peccato per lo spagnolo che il forlivese riesca a trovare nel finale la forza per mettere a segno dei giri da paura, sul minuto e quarantasei netto, che non solo gli permettono di distanziare il rivale su Yamaha, ma addirittura di ridurre a vista d’occhio il ritardo su Quartararo, inizialmente distante due secondi. Sul traguardo, infatti, ci saranno solo quattro decimi a dividere i due. Un altro giro e staremmo parlando di un podio diverso.
Marquez, nonostante qualche timore per la benzina, vince il Gran Premio del Giappone proprio davanti al francese, che conquista il titolo di Rookie dell’anno, e a Dovizioso.
Ottimo quinto posto per Cal Crutchlow che beffa in volata Morbidelli, sesto.
Male Petrucci, nono, mentre Francesco Bagnaia si accontenta del tredicesimo posto.
Oltre a Rossi, si è ritirato Andrea Iannone per un problema tecnico sulla sua Aprilia.
In classifica iridata, Dovizioso ipoteca il secondo posto, mentre Quartararo si avvicina alla terza piazza occupata da Rins e Vinales.
Per quanto concerne la graduatoria riservata ai costruttori, Honda vince il suo venticinquesimo titolo mondiale, mentre a livello di team, la Ducati Mission Winnow resta avanti alla Repsol Honda Team.
Doppietta azzurra, invece, nelle categorie inferiori. In Moto 3 trionfa in rimonta Lorenzo Dalla Porta, che precede sul traguardo Albert Arenas, secondo, e Celestino Vietti, terzo. L’italiano approfitta della caduta, a una manciata di giri dalla fine, di Aron Canet, portando così il suo vantaggio in classifica a 47 punti, con 75 ancora a disposizione.
In Moto 2, invece, vince Luca Marini. Il fratello di Valentino Rossi parte dalla pole position e prova a prendere il largo, seguito dal solo Lorenzo Baldassarri, ma da dietro è furiosa la rimonta di Thomas Luthi, che riprende e scavalca entrambi tentando la fuga.
Nel finale, però, lo svizzero cede e Marini ne approfitta per conquistare di nuovo il primo posto, conservandolo fin sotto la bandiera a scacchi, proprio davanti a Luthi e a Jorge Martin, terzo. Baldassarri termina appena giù dal podio. Solo sesto il leader della classifica Alex Marquez.
Prossimo appuntamento con il Motomondiale è fra una settimana con il Gran Premio d’Australia.
Lo spegnimento dei semafori, sul circuito di Philip Island, è previsto per le ore 06:00 italiane di domenica 27 ottobre 2019.
La gara sarà trasmessa in esclusiva da Sky sul canale Sky Sport MotoGP (numero 208 del satellite). Inoltre, per gli abbonati alla piattaforma satellitare, la corsa sarà visibile in Streaming attraverso l’applicazione SkyGo.

Ordine di arrivo GP del Giappone:

Pos Pilota (Team) Distacco Punti
1 Marquez (Honda) 00:42:41:492 25
2 Quartararo (Yamaha)
+0:870 20
3 Dovizioso (Ducati)
+1:325 16
4 Vinales (Yamaha)
+2:608 13
5 Crutchlow (Honda)
+9:140 11
6 Morbidelli (Yamaha) +9:187 10
7 Rins (Suzuki)
+9:306 9
8 Mir (Suzuki)
+10:695 8
9 Petrucci (Ducati) +14:216 7
10 Miller (Ducati)
+18:909 6
11 P. Espargaro (KTM) +25:554
5
12 Oliveira (KTM) +27:870 4
13 Bagnaia (Ducati)
+29:983 3
14 Kallio (KTM) +31:232 2
15 A. Espargaro (Aprilia) +32:546  1 

Classifica Piloti MotoGP:

Pos   Pilota (Team) Punti Distacco
1 Marquez (Honda) 350 0
2 Dovizioso (Ducati)
231 -119
3 Rins (Suzuki)
176 -174
4 Vinales (Yamaha) 176 -174
5 Petrucci (Ducati)
169 -181
6 Quartararo (Yamaha)
163 -187
7 Rossi (Yamaha)
145 -205
8 Miller (Ducati) 125 -225
9 Crutchlow (Honda) 113 -237
10 Morbidelli (Yamaha) 100 -250
11 P. Espargaro (KTM) 85 -265
12 Nakagami (Honda) 74 -276
13 Mir (Suzuki) 66 -284
14 A. Espargaro (Aprilia)
47 -303
15 Bagnaia (Ducati)
37 -313
16 Iannone (Aprilia) 33 -317
17 Oliveira (KTM)
33 -317
18 Zarco (KTM) 27 -323
19 Lorenzo (Honda)
23 -327
20 Rabat (Ducati) 18 -332
21 Bradl (Honda) 16 -334
22 Pirro (Ducati)
9 -341
23 Guintoli (Suzuki)
7 -343
24 Syahrin (KTM)
7 -343
25 Abraham (Ducati) 5 -345
26 Kallio (KTM) 2 -348
27 Smith (Aprilia) 0 -350
 
Classifica Team MotoGP:
 
Pos Team Punti Distacco
1 Mission Winnow Ducati 400 0
2 Repsol Honda Team
383 -17
3 Yamaha Factory Racing
321 -79
4 Drive M7 SIC Racing Team 263 -137
5 Team Suzuki MotoGP 246 -154
6 Team LCR 187 -213
7 Pramac Racing 162 -238
8 Red Bull KTM Factory Racing 114 -286
9 Aprilia Racing Team 80 -320
10 Red Bull KTM Tech 3 40 -360
11 Avintia Racing 23 -377
12 Team HRC 6 -394

Classifica Costruttori MotoGP:

Pos Team Punti Distacco
1 Honda 356 0
2 Ducati 270 -86
3 Yamaha
268 -88
4 Suzuki 201 -155
5 KTM 96 -260
6 Aprilia 68 -288
Ultima modifica ilDomenica, 27 Ottobre 2019 14:46

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore