logorcb

updated 9:23 PM CET, Dec 17, 2018

Roberto Bisa e Antonio Forato dal Veneto all’Australia in ultraleggero.

gruppo aerei

Come diventare piloti di volo da diporto o sportivo.

Nel suo libro “Dal Veneto all’Australia in ultraleggero”, edito da Mursia nel 2017, Massimo Bisa ci racconta la sua trasvolata, durata circa un mese, ma in realtà preparata per 15 anni, dall’Italia all’Australia con un aereo ultraleggero, insieme al suo amico Antonio, che era a bordo di un altro mezzo dello stesso tipo.

Per capire la sua impresa, che gli è valsa l’assegnazione di un record del mondo, occorre accennare a cosa sia un ultraleggero: un apparecchio a due posti, del peso a vuoto di meno di mezza tonnellata, alimentato da un motore con la cilindrata di un’utilitaria, e con una potenza di circa 100 cavalli, che gli consentono, però, di tenere una velocità di crociera di oltre 200 km/h. L’autonomia massima è di circa 6-7 ore, quindi il viaggio è stato affrontato in diverse tappe.

Con questo mezzo apparentemente modesto, Roberto Bisa e Antonio Forato, che di professione non fanno i piloti, ma che hanno sempre avuto la passione per il volo con ogni tipo di mezzo, hanno attraversato mezzo Mondo, con problemi non solo tecnici e legati alla difficoltà dell’impresa, ma anche burocratici e legati alle diverse regole che hanno trovato nei paesi via via sorvolati, specie quelli africani e del Medio Oriente.

Il viaggio è stato una metafora della vita, che richiede un impegno e un equilibrio costanti, senza mai strafare, ma con determinazione e credendo in sé stessi. La stessa pratica del volo richiede non solo una preparazione tecnica che si acquisisce iscrivendosi a una scuola di volo certificata e valida, sotto la guida di un bravo istruttore, ma anche doti di carattere.

E’ richiesta determinazione, ma prudenza, costanza, senso dell’equilibrio e moderazione, senso della misura, razionalità e padronanza e controllo di sé stessi. Niente panico o ansia, perché se sei in difficoltà l’unico modo per uscire da potenziali guai è stare calmi e eseguire le procedure previste. In questo campo non c’è posto per esibizionisti, spacconi o per persone che non stanno alle regole e alla disciplina: chi vola non deve dimostrare nulla a nessuno. Questo vale dal momento in cui si grida: “via dall’elica”, ma anche a partire dal momento dopo che, uno dopo l’altro si sono spenti i due magneti, si è abbassata la levetta del master, girata la chiave e slacciate le cinture di sicurezza: nel volo, come nella vita.

Per chi volesse provare le proprie qualità in sicurezza e con la certezza di una buona preparazione, e per vivere un'esperienza molto formativa, è possibile contattare una scuola di volo certificata dall’Aero Club d’Italia, per iniziare una fantastica avventura: http://www.webaeci.it/cgi-bin/tec.bat?service=svol_list

Ultima modifica ilVenerdì, 03 Agosto 2018 08:56

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Partly Cloudy

9°C

Roma

Partly Cloudy

Humidity: 46%

Wind: 8.05 km/h

  • Clear
    24 Mar 2016 16°C 6°C
  • Sunny
    25 Mar 2016 17°C 10°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore