logorcb

updated 2:10 PM CEST, Jul 16, 2019

SPORT FRA LE RIGHE

Eccomi a voi amici carissimi.

Eravamo rimasti alla partenza di questa impegnativa escursione in ciaspe cercando, almeno da parte mia, di dare un senso a tutta quella agitazione davvero incomprensibile o forse naturale per chi vive tutto l’anno in città.

Dopo le raccomandazioni delle mamme che vedono i loro figli o figlie partire verso i pericoli più insidiosi fra crepacci e valanghe alla ricerca della famosa “tenda rossa” , dopo aver infilato a pressione l’ultima sciarpa nel piumino del figlio così da renderlo rimbalzante in caso di caduta, dopo l’ennesima promessa di fermarsi a far pipì e se non riesci a tirare giù la cerniera fatti aiutare dallo zio, chssà poi perché proprio io, dopo tutto questo, ecco arrivare mia sorella sorridente consegnarmi uno zaino che neppure a militare ho mai visto così pieno.

Dentro c’è di tutto.

Cioccolata, merendine, integratori, cerotti e bende, bevande energetiche, magliette e mutande di cambio per i cuccioli, pile di scorta per la macchina fotografica, insomma di tutto e di più, ma la punta dell’iceberg è un termos di caffè per tutti.

Ho detto termos ma subito mi correggo.

Un estintore o meglio un piccolo silos di caffè dal peso disumano.

-         Stai scherzando spero – le dico accorgendomi solo allora che erano in due a portarlo.

-         Dai non fare tante storie che sei forte tu –

-         Magari sono anche forte ma non un’idiota –

Tutti ridono, io no ma per mia fortuna ho la comprensione del gruppo, così si decide di dividere solo il necessario fra noi, ho detto il necessario, quindi da una valutazione democratica lo zaino resta a casa e non viene toccato.

Finalmente si parte.

La carovana è composta di sette elementi, quattro adulti e tre ragazzi (un maschio e due femmine).

Primo apripista mio nipote Leo, ho detto apripista perché chi segue è ovviamente avvantaggiato dalle orme che lo precedono.

Lo spettacolo che abbiamo il privilegio di ammirare è stupendo, sul fianco destro il monte Pelmo con la sua fantasia strutturale e la sua aristrocratica bellezza, mentre dal lato opposto Sorapis e Antelao ci accompagnano in questa gita da favola.

Siamo tutti silenziosi, probabilmente quella dimostrazione di quanto può essere bella la natura condiziona tutti, ci sentiamo piccoli, insignificanti in mezzo a quella dimostrazione di potenza assoluta.

Anche le due ragazze, Micol e Chiaretta sono condizionate da quello spettacolo e quasi sorprese di come si stiano divertendo anche senza computer.

Giacomo, Jack invece è abituato a questi spettacoli e assapora da esperto il rinnovo di quel piacere indescrivibile.

Dopo una mezz’oretta di cammino i primi intoppi.

Leo, l’apripista ha aperto una pista sbagliata, ma questo era già preventivato visto il soprannome che si è guadagnato : perdisentiero,

così siamo obbligati a un dietrofront che non immaginate quello che può costare.

La prima che perde l’equilibrio è Chiaretta che disperata si aggrappa alla sorella ed entrambe spariscono nella neve con grande disappunto di Micol. Walter, il padre, con molta autorità va in soccorso dei suoi due gioielli, ma dimenticando che siamo completamente fuori sentiero mette una ciaspa nella neve troppo alta e pure lui si inabissa nella coltre bianca.

Mio cognato Valentino si spaventa della situazione e cade da solo, senza motivo, solo per solidarietà, mentre Leo sentendo il senso di colpa , cerca di aiutare tutti ma aiuta solo se stesso a imitare i già innevati e gesticolanti parenti.

Io e Jack ci guardiamo e scoppiamo in una risata tutta da gustare, gli altri ci supplicano di aiutarli ma noi ci permettiamo il lusso di fotografare il tutto come documentazione per i posteri.

Il rientro a casa rimette tutti in ordine e, su mia indicazione e controllato dal figlio Jack, Leo non perde più il sentiero ….. ovviamente fino alla prossima volta!

Sport fra le righe …. Un sorriso in più

Ciao walter

Ultima modifica ilDomenica, 27 Gennaio 2013 20:00
Altro in questa categoria: « SPORT FRA LE RIGHE SPORT FRA LE RIGHE »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore