logorcb

updated 1:21 PM CET, Jan 16, 2020

Serie A, le pagelle di Roma-Torino

 I granata sbancano l’Olimpico con la doppietta di Belotti. Giallorossi poco cattivi sotto rete. Si salvano Pau Lopez e Smalling, nonostante l’episodio da rigore. Benino Diawara, male Mancini e Veretout. Di Bello rimandato.
La maledizione della sosta natalizia continua ad attanagliare la Roma.
I giallorossi escono sconfitti dal confronto dell’Olimpico, primo del 2020, grazie al Torino rigenerato durante la pausa da Walter Mazzarri.
I padroni di casa partono bene, riuscendo a creare un paio di occasioni mal sfruttate da Edin Dzeko e Lorenzo Pellegrini.
I granata, però, non sono da meno e creano una doppia chance consecutiva prima con Andrea Belotti, il cui tiro viene deviato da Pau Lopez sul palo, poi con Lorenzo De Silvestri, il cui colpo di testa è facile preda del portiere spagnolo.

  • Pubblicato in Calcio

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Torino

 Fonseca senza Kluivert, Pastore e Fazio. Pronto Perotti a sinistra. Florenzi favorito su Spinazzola, Dzeko punta centrale. Mazzarri con diversi assenti. C’è Djidji nei tre di difesa, mentre sulle corsie scalpitano De Silvestri e Ola Aina. Conferma per Berenguer. Arbitra Di Bello, al VAR Abisso.
Tre punti per iniziare al meglio il nuovo decennio.

Un obiettivo comune per Roma e Torino, che daranno vita ad una delle sfide della 18esima giornata del girone di andata di Serie A.
I giallorossi, reduci da un finale di 2019 scoppiettante, vogliono riprendere la corsa verso la Champions League, nonostante l’avversario piuttosto complicato da affrontare, come dichiarato da Paulo Fonseca (all.re Roma) in conferenza stampa: “È sempre difficile giocare contro il Torino. Nelle ultime tre partite fuori ne hanno vinte due e pareggiata una, mai perso. Ci aspettiamo una squadra motivata, forte e aggressiva. Sicuramente sarà una partita difficile”.
Il tecnico portoghese dovrà fare a meno ancora di Justin Kluivert, il cui problema muscolare non è ancora stato totalmente superato: “Kluivert ha iniziato a lavorare con noi. Io, insieme allo staff medico, abbiamo parlato e capito che non sta bene, non voglio rischiare. Ha bisogno di un’altra settimana, magari può essere pronto dopo la Juventus”.
Al posto dell’olandese dovrebbe esserci Diego Perotti, al momento favorito su Enrikh Mkhitaryan per la corsia di sinistra.
Al centro della linea dei trequartisti è confermato Lorenzo Pellegrini, dato anche il protrarsi dell’assenza di Javier Pastore: “Pastore ha una situazione diversa. Non è un trauma normale, ma osseo. È un problema più difficile da risolvere. Abbiamo bisogno di più tempo per recuperarlo, ma lo sta facendo bene”.
Completa il terzetto, dietro la punta Edin Dzeko, Nicolò Zaniolo, il quale ha battuto ancora una volta la concorrenza di Cengiz Under. Proprio sul turco e sull’ex Inter, Fonseca ha speso parole importanti davanti ai giornalisti: “Under è uno dei giocatori della squadra. Ne possono giocare solamente undici, Zaniolo è in un buon momento, Under deve lavorare e quando avrà l’opportunità deve giocare bene. Zaniolo non è un giocatore che pensava molto bene tatticamente. Oggi trova e cerca lo spazio nel tempo giusto. Deve imparare meglio il tempo di decisione, ma ha il margine per migliorare molto. È un talento enorme e per me può diventare uno dei migliori giocatori in Italia”.
Sulla mediana è confermato il tandem Jordan Veretout-Amadou Diawara, mentre nella retroguardia vi è in essere un solo ballottaggio.

Sono confermati, infatti, i centrali Chris Smalling e Gianluca Mancini, così come Aleksandar Kolarov a sinistra. La corsia di destra invece non ha ancora un padrone definito, nonostante Alessandro Florenzi sia tornato avanti a Leonardo Spinazzola nelle gerarchie di Fonseca e dovrebbe essere proprio il capitano della Roma a giocare dal primo minuto.
Completa l’undici titolare Pau Lopez tra i pali.
In casa granata, Walter Mazzarri (all.re Torino) deve fare i conti con diverse defezioni. Oltre agli infortunati Iago Falque, Lyanco, Simone Edera e Daniele Baselli, non faranno parte della trasferta capitolina anche gli squalificati Gleison Bremer e Cristian Ansaldi.
A tal proposito, il tecnico dei piemontesi ha voluto chiarire la sua posizione in conferenza stampa, evidenziando anche l’atteggiamento con il quale la sua squadra proverà ad affrontare la Roma:Gli assenti? Sono tanti. Se Dio vuole il 2019 è finito, ne abbiamo passate tante tra infortuni ed episodi strani, anche a livello di infortuni che sono arrivati durante le partite lasciandoci in dieci per pochi minuti in cui immancabilmente abbiamo preso gol. Noi allenatori guardiamo le prestazioni ma poi dentro le prestazioni ci sono episodi che cambiano le gare. Non ci siamo mai pianti addosso, ma abbiamo ancora tante defezioni. Il nostro motto è di non pensarci e dare tutto. La trasferta di Roma?  I numeri dicono che sia proibitiva, forse. Ma io credo sempre che possiamo far bene. Le statistiche possono essere sovvertite. Tocco ferro e spero che domani facciamo una prestazione in linea con il piccolo filotto che abbiamo fatto prima del grande scivolone con la Spal. Tutti ci danno poche speranze, ma io ho caricato i giocatori pensando proprio a questo”.
Mazzarri, dunque, prova a risolvere la situazione con scelte che appaiono quasi obbligate.

In difesa, accanto ad Armando Izzo e Nicolas Nkoulou, dovrebbe esserci Koffi Djidji, che resta in corsa con Kevin Bonifazi per sostituire Bremer.
Sulla corsia sinistra del centrocampo, invece, è pronto Ola Aina al posto di Ansaldi, con Lorenzo De Silvestri che agirà sulla destra.
Completano la mediana a 4 le due mezzali Sasa Lukic e Tomas Rincon.
Dietro alla punta, Andrea Belotti, proveranno a inventare azioni da gol Alex Berenguer e Simone Verdi.
In porta, come sempre, c’è Salvatore Sirigu.
Andiamo a riepilogare le probabili formazioni:
Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Smalling, Mancini, Kolarov; Veretout, Diawara; Zaniolo, Pellegrini, Perotti; Dzeko.
Allenatore: Paulo Fonseca.
Torino (3-4-2-1): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Djidji; De Silvestri, Lukic, Rincon, Ola Aina; Berenguer, Verdi; Belotti.
Allenatore: Walter Mazzarri.
Dirige la sfida il signor Marco Di Bello.
 Il fischietto di Brindisi si incrocia con i giallorossi per la tredicesima volta in carriera. Nei 12 precedenti, il bilancio sorride ai capitolini: 11 vittorie, tra cui una proprio in trasferta con il Torino risalente alla prima giornata del campionato 2018/2019, e 1 pareggio.

Sono 7, invece, le partite dei granata dirette dall’arbitro pugliese finora, con uno score che recita 3 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte.
Completano la quaterna arbitrale gli assistenti di linea Schenone-Vecchi e il quarto ufficiale Chiffi.
Al VAR sono stati designati l’arbitro Abisso e il guardalinee Costanzo.
Il calcio d’inizio del match, presso lo Stadio Olimpico di Roma, è previsto per le ore 20:45 di domenica 5 gennaio 2020.
La partita sarà trasmessa in esclusiva in Streaming dalla piattaforma digitale DAZN.

 

  • Pubblicato in Calcio

Serie A, le pagelle di Roma-Brescia

(Mancini e Smalling - Fonte Immagine: asroma.com)

 L’equilibrio dura un tempo. Nella ripresa i giallorossi sono straripanti e schiantano le Rondinelle con i gol di Smalling, Mancini e Dzeko. Il VAR annulla due reti ai capitolini e una ai lombardi. Sugli scudi Veretout, male Tonali. All’Olimpico è 3-0. Di Bello promosso.
Tutto in 45 minuti.

La Roma vince contro il Brescia 3-0, ma concentra le reti e il miglior gioco nel secondo tempo.
Nei primi quarantacinque minuti, infatti, la partita rimane in equilibrio, con gli ospiti che non si chiudono in difesa e alzano il baricentro, arrivando pericolosamente dalle parti di Pau Lopez con Alfredo Donnarumma ed Ernesto Torregrossa.

  • Pubblicato in Calcio

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Brescia

 Fonseca privo di Pastore, Spinazzola e Mkhitaryan. Pellegrini titolare, Ballottaggio Florenzi-Santon. Mancini torna in difesa. Grosso non convoca Balotelli. Pronto il tandem Torregrossa-Donnarumma. Chancellor si riprende la retroguardia. Arbitra Di Bello, al VAR Calvarese.
Per tornare a vincere.

Roma e Brescia si sono fermate per la pausa nazionali a seguito delle rispettive sconfitte contro Parma e Torino.
I giallorossi vogliono riprendersi ciò che gli è stato tolto in classifica da Lazio e Cagliari, attualmente a pari merito al terzo posto.

  • Pubblicato in Calcio

Serie A, le pagelle di Roma-Udinese

 I giallorossi vincono 1-0 grazie alla rete di Dzeko nella ripresa. I friulani giocano bene nel primo tempo ma non sfruttano le occasioni create. Pellegrini entra e cambia la partita. Bene El Shaarawy. Infortunio muscolare per De Rossi. Tra i bianconeri brilla D’Alessandro, delude De Paul. Di Bello promosso.
Un gol può valere tre punti.

La Roma sembra averlo capito e, dopo aver espugnato il Ferraris blucerchiato col medesimo risultato, vince 1-0 anche contro un’Udinese in ottima forma all’Olimpico.

  • Pubblicato in Calcio

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Udinese

 Florenzi c’è e gioca. Difesa a 4 con Juan Jesus terzino a sinistra. De Rossi favorito su Nzonzi, nonostante lo stop di giovedì. In avanti, più El Shaarawy e Dzeko di Kluivert e Schick. Tudor recupera Pussetto, ma ci sarà Lasagna in attacco. Out Berhami, Nuytinck, Zeegelaar, Ter Avest, Hallfredsson e Opoku. Arbitra Di Bello.

Cercasi continuità.
Dopo le vittorie da parte di entrambe le squadre nello scorso weekend, Roma e Udinese sono chiamate a mantenere il ritmo, seppur per obiettivi molto diversi.

  • Pubblicato in Calcio

Serie A, le pagelle di Roma-Bologna

Giallorossi sottotono ma cinici. Il Bologna fa la partita ma perde. In gol Kolarov su rigore, Fazio e Sansone. All’Olimpico è 2-1.

Chi lo dice che chi gioca meglio vince.
Si guardi a proposito la partita di stasera, in cui chi avrebbe meritato di più esce sconfitto.
Il Bologna perde in casa della Roma al termine di una partita in cui ha creato molto più degli avversari.
Ma i giallorossi, dal canto loro, lanciano un segnale importante alla lotta per la Champions League, portando a casa la vittoria in una partita che, nel gergo calcistico, si definisce sporca.

  • Pubblicato in Calcio

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Bologna

Giallorossi senza Under e Schick. In dubbio anche El Shaarawy. Zaniolo alto a destra e idea Marcano a sinistra. Più Nzonzi che De Rossi. Mihajlovic rinucia a Palacio, squalificato. Si fermano Mattiello e Destro in rifinitura.

Secondo testacoda su tre in arrivo per la Roma.
Dopo il Chievo settimana scorsa e prima del Frosinone sabato prossimo, i giallorossi affrontano il Bologna, attualmente terzultimo in classifica, nella sfida valevole per la 24esima giornata di campionato.
Sono passati 174 giorni dal 2-0 inflitto dai felsinei al Dall’Ara, ed entrambe le formazioni si sono modificate, in meglio, come ammesso da Eusebio Di Francesco (All.re Roma) in conferenza stampa:Quest’anno i momenti si sono un po’ alternati, abbiamo risalito la china e poi siamo tornati in basso. Adesso bisogna sbagliare il meno possibile. È un ricordo non bello però ci deve servire per non tornare indietro. Sarà però un’altra partita, è un altro Bologna, ha cambiato allenatore e ci sono tanti giocatori nuovi. È una squadra che lavora in maniera differente rispetto a prima”.
Il tecnico abruzzese vuole rimanere nella scia del Milan e staccare le altre aspiranti alla zona Champions League, ma dovrà farlo con alcune defezioni importanti nel reparto offensivo.

Non ci saranno, infatti, né Cengiz Under, né Diego Perotti, i cui rientri potrebbero avvenire contro il Frosinone, né Patrik Schick, le cui condizioni sono da valutare settimana per settimana.
Inoltre, è in dubbio anche Stephan El Shaarawy che, dopo aver subito una botta all’anca nell’allenamento di sabato, ha effettuato solo una parte della rifinitura in gruppo, finendo la sessione con un lavoro individuale.
Ecco, dunque, che Nicolò Zaniolo viene confermato nel ruolo di esterno offensivo destro anche in questa partita: “Per quanto riguarda il ruolo, lo devo per forza di cose tenere in considerazione, perché numericamente non ho attaccanti in questo momento, per di più perché è in dubbio e lo sarà fino a domani El Shaarawy. Ha preso un colpo in allenamento all’anca e aveva ancora fastidio, non so se parteciperà completamente col gruppo nella rifinitura, ma lo dovremo valutare. Avendo anche Under e Schick non disponibili, abbiamo solo 3-4 attaccanti insieme a Kluivert. In quel ruolo ci può rigiocare anche domani”.
Completano il tridente Edin Dzeko e uno tra Justin Kluivert ed El Shaarawy, con l’olandese che scalda i motori qualora il fastidio del Faraone non dovesse essere smaltito per tempo.
Sulla mediana dovrebbe esserci spazio per Steven Nzonzi. Il francese, infatti, si è allenato bene in settimana e potrebbe giocare al posto di Daniele De Rossi, senza escludere la possibilità di vederli entrambi dal primo minuto:È un po’ quotidiana, lo ha detto anche lui in conferenza. Ieri ha fatto un lavoro a parte, perché era programmato un po’ di carico e scarico, nella programmazione del problema al ginocchio, oggi si allenerà con la squadra, è disponibile. Potrebbe essere della partita e potrebbero anche giocare insieme lui e Nzonzi”.
Qualora il capitano romanista dovesse partire dalla panchina, ai fianchi di Nzonzi ci sarebbero Lorenzo Pellegrini e Bryan Cristante.
In difesa potrebbero riposare Aleksandar Kolarov e uno tra Federico Fazio e Kostas Manolas, con Ivan Marcano pronto a ricoprire il ruolo di terzino sinistro e Juan Jesus quello di centrale di difesa:Come terzino sinistro è più adattabile Marcano che Jesus per caratteristiche generali, è più dinamico e più abituato a giocare a campo aperto. Juan lo vedo più difensore centrale per il mio modo di vedere il calcio. Con la difesa a tre le cose cambiano perché tende ad aprirsi di più. Non ho deciso ancora niente dietro, c’è anche Ivan, ha fatto molto bene col Chievo ed è in crescita dal punto di vista degli allenamenti. Sono contento in generale di come si stanno allenando poi è ovvio che non posso far contenti tutti perché devo scegliere 11 giocatori. Juan è un giocatore di grande affidabilità”.
Sulla destra è ballottaggio tra Alessandro Florenzi, al momento in vantaggio, e Davide Santon.
Completa l’undici titolare Robin Olsen, che si riprende la porta dopo l’infortunio al polpaccio.
In casa bolognese, il tecnico dei rossoblù Sinisa Mihajlovic deve fare i conti con le assenze di Rodrigo Palacio, squalificato, e degli infortunati Riccardo Orsolini, Giancarlo Gonzales, Federico Mattiello e Mattia Destro.
Gli ultimi due hanno accusato problemi muscolari durante la rifinitura.
Scelte quasi forzate, dunque, per l’allenatore dei felsinei, che sprona i suoi in conferenza stampa:La Roma è più forte, lo sappiamo. Ma sappiamo anche che possiamo metterli in difficoltà. Giocare all’Olimpico è complicato, al di là di come stanno i giallorossi fisicamente e mentalmente. Ma a noi non cambia nulla: per fare risultato dobbiamo giocare una grande partita, di certo non partiamo battuti”.
Al netto delle assenze, dunque, si può pensare ad un 4-2-3-1 così allestito: in porta ci sarà l’ex Lukasz Skorupski, mentre davanti all’estremo difensore polacco, la retroguardia dovrebbe essere composta dalla coppia di centrali Danilo-Arturo Calabresi, altro giocatore dal passato a tinte giallorosse, e dai terzini Ibrahima Mbaye, a destra, e Mitchell Dijks, a sinistra.
Sulla mediana, il mister serbo dovrebbe schierare il tandem Andrea Poli-Erick Pulgar, davanti alla difesa, e Roberto Soriano sulla trequarti.
Ai fianchi dell’unica punta Federico Santander, ci saranno Simone Edera e Nicola Sansone.
Andiamo a riepilogare le probabili formazioni:
Roma (4-3-3): Olsen; Florenzi, Manolas, Juan Jesus, Marcano; Pellegrini, Nzonzi, Cristante; Zaniolo, Dzeko, Kluivert.
Allenatore: Eusebio Di Francesco.
Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Calabresi, Dijks; Poli, Pulgar; Edera, Soriano, Sansone; Santander.
Allenatore: Sinisa Mihajlovic.
Dirige la sfida il signor Marco Di Bello.
Sono 9 i precedenti tra la Roma e il fischietto di Brindisi, con uno score che vede i giallorossi ancora imbattuti in Serie A: 8 vittorie e 1 pareggio. L’ultimo incrocio risale a dicembre, quando i capitolini si imposero sul Genoa per 3-2 all’Olimpico.
Sono 8, invece, le partite del Bologna dirette sinora dall’arbitro pugliese, con un ruolino di marcia che recita 2 vittorie, 5 pareggi e 1 sconfitta.
Completano la quaterna arbitrale gli assistenti di linea Cecconi-Caliari e il quarto ufficiale Ghersini.
Al VAR sono stati designati l’arbitro Massa e il guardalinee Fiorito.

Il calcio d’inizio dell’incontro è previsto per le ore 20:30 di lunedì 18 febbraio 2019, presso lo Stadio Olimpico di Roma.
Il match sarà trasmesso in esclusiva da Sky, sui canali Sky Sport Serie A (numero 202 del satellite e 373 del digitale terrestre) e Sky Sport (numero 251 del satellite) o in streaming attraverso l’applicazione SkyGo.

  • Pubblicato in Calcio
Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore