logorcb

updated 2:33 PM CEST, Sep 16, 2019


Roma Capitale Magazine media partner di Taste of Roma 2019!
Dal 19 al 22 settembre 2019 si aprono le porte dell’ottava edizione.
Promo esclusiva per i nostri lettori.
Invia una mail a oppure WhatsApp 3938614787

Incidenti stradali: troppe vittime, poche condanne

incidente-stradale2Ci siamo quasi assuefatti a sentir tutti i giorni parlare nei telegiornali d’incidenti stradali, di vittime, molte volte giovani e di pirati della strada che non si fermano neppure per soccorrere le persone che hanno investito.

Solo nel 2012 si sono verificati in Italia 184.500 incidenti stradali con lesioni a persone e oltre 3.600 morti.

Questi, sono solo alcuni dei dati resi noti dall’Istat, sulla base di una stima preliminare; numeri terrificanti che fanno rabbrividire!

images 12Nei primi 6 mesi del 2013 i dati del Servizio Polizia Stradale, relativi all’incidentalità del fine settimana, evidenziano però un andamento positivo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Sicuramente negativo invece il dato riguardante la mortalità notturna.

Si è passati da 128 decessi nel primo semestre del 2012 a 154 nel 2013 con 26 vittime in più e un preoccupante incremento del 20,3%.

Il primo semestre del 2013 si contraddistingue anche per un’inversione di marcia della mortalità fra i conducenti e trasportati dei veicoli a due ruote, motociclisti in testa.

009gNel 2013 si sono registrati 105 incidenti mortali, contro i 168 dell’anno scorso, con una diminuzione di 63 scontri fatali pari a -37,5%. In questo caso può aver “aiutato” una primavera molto piovosa.     

Questi dati comunque non sono per nulla incoraggianti. Ogni anno è come se scomparisse un intero paese di 5.000 persone.

Ricordiamo ancora che oltre le vittime, ben 20.000 persone, restano disabili gravi prodotti da questa guerra non voluta.

incidente-vespaOccorrono campagne di sensibilizzazione ma di sicuro, pene più severe, perché come abbiamo visto proprio in casi recenti, come quello della piccola Beatrice di Gorgonzola, il magrebino 39enne che l’ha falciata, si trova adesso agli arresti domiciliari.

E' difficile sentirsi tutelati quando, oltre ad aver perso una persona cara, ci si sente anche presi in giro dalla giustizia. 

Per questo motivo i familiari delle vittime, si sono riuniti e hanno costituito un’associazione, proprio per far valere i loro diritti.

Per chi volesse saperne di più, questo è il loro sito:  http://www.vittimestrada.org

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore