logorcb

updated 10:57 PM CEST, Aug 13, 2019

Giubileo, musica e cuore con giovani talenti

locandina concerto Musica e CuoreIn occasione della Festa dell’Immacolata Concezione, martedì 8 dicembre, l’antica Basilica di San Lorenzo in Damaso - Palazzo della Cancelleria, Roma - celebra l’apertura del Giubileo con un concerto di musica sacra dal suggestivo titolo “Musica e Cuore” dalle 19.30 alle 21.00, ingresso libero.

Protagonisti della serata saranno giovani musicisti, neodiplomati al conservatorio, che hanno già avuto modo di dimostrare la loro professionalità sia in Italia che all'estero. La voce solista è del promettente tenore libanese, di appena 23 anni, Joseph Dahdah. Tutti hanno accolto con entusiasmo la proposta di eseguire un programma non "di cassetta" ma "di cuore".

DISOCCUPAZIONE GIOVANILE: UN FENOMENO IN CONTINUO AUMENTO

GRAFICO

Cresce la disoccupazione in tutta Europa. Ma il problema sociale colpisce in maggior misura l’Italia, dove la crisi si fa sentire sempre più. Calano i consumi e aumenta il numero di disoccupati, che a gennaio 2013 sfiora i tre milioni di persone circa. Ma il dato più preoccupante, è il numero di giovani senza lavoro, che attualmente rappresentano il 38,7%.

E’ arrivato il momento che qualcuno inizi a dare la priorità a questo problema, proponendo qualcosa di concreto per combattere il tasso di disoccupazione giovanile in allarmante aumento. Si tratta di una fascia d’età che va dai 15  ai 24 anni circa. Ma oltre al problema dovuto all’assenza di posti di lavoro, vi è anche in Italia un altro fenomeno: quello che riguarda la scelta delle aziende italiane di assumere persone adulte e con più esperienza, preferendole ai giovani senza esperienza. Questo comporta una maggiore permanenza dei giovani in famiglia, con la conseguenza di gravare economicamente sulle famiglie, le quali sono già pressate dalla forte crisi. In Italia, il problema assume più rilevanza al sud, dove sono tantissimi i giovani istruiti, costretti a espatriare o addirittura a intraprendere mestieri sotto qualificati e sottopagati.

Tutto ciò genera tra i giovani un senso di sfiducia e molti rinunciano a lottare, magari dopo tanti anni trascorsi sui libri, ma con scarse prospettive e soprattutto senza alcuna certezza. Questo continuo vivere nell’incertezza e nella preoccupazione, è demotivante e frustrante per i giovani e di certo se qualcosa non accenna a cambiare, la situazione non sarà più rosea neanche per le successive generazioni, tutt’altro.

La soluzione potrebbe partire già dalle università, le quali potrebbero programmare in base ai vari indirizzi, dei validi orientamenti per i giovani. Sostanzialmente a mancare è un collegamento diretto tra le università e il mondo del lavoro, che possa pianificare sin da subito, in base alle competenze individuali, il giusto percorso da intraprendere.

Di sicuro la situazione non è facile, ma neanche d’impossibile risoluzione.

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore