logorcb

updated 2:41 PM CET, Feb 25, 2020

Formula 1, Hamilton domina il Gran Premio di Abu Dhabi

 L’inglese vola per tutta la gara e, con gomme finite, conquista il punto addizionale per il giro più veloce nell’ultima tornata. Secondo Verstappen, che guadagna la terza posizione nel mondiale piloti, terzo Leclerc. Splendida rimonta di Bottas, da ultimo a quarto. Quinto Vettel. Salutano la Formula 1 Hulkenberg e Kubica. Martedì i test, il 15 marzo 2020 si riparte a Melbourne.
Mai podio fu più azzeccato.

Un punto di arrivo, essendo l’ultimo della stagione, ma anche di partenza. Saranno loro tre a farci divertire in futuro, con Lewis Hamilton, vincitore del Gran Premio di Abu Dhabi e uomo da battere anche il prossimo anno, Max Verstappen, secondo oggi e terzo in classifica iridata, e Charles Leclerc, al suo decimo podio stagionale, che mancava dal GP di Russia, nella prima stagione in Ferrari.

Formula 1, Verstappen vince un rocambolesco Gran Premio del Brasile

(Verstappen - Fonte Immagine f1.com)

 Gara pazza, con l’unica certezza del primato dell’olandese, troppo veloce anche per Hamilton. Dalla seconda posizione in poi la classifica è cambiata più volte durante la corsa, specie nel finale. Alla fine il podio è completato da Gasly, secondo su Toro Rosso, e da Sainz su McLaren, partito ultimo. Penalizzato Hamilton per l’incidente con Albon nel finale. Le Ferrari si autoeliminano, con un contatto tra Vettel e Leclerc. Ottime le Alfa Romeo. Il giro veloce è di Bottas, ma essendosi ritirato non gli è stato assegnato il punto addizionale.
Una corsa infinita.

Ci sono stati talmente tanti ribaltamenti, contatti, penalità, strategie diverse che ricordare tutto diventa quasi impossibile.
L’unica cosa certa è che Max Verstappen vince con merito il Gran Premio del Brasile, al termine di un weekend da assoluto protagonista, comprensivo di pole position. Il primato dell’olandese, tra l’altro, è una delle poche cose che, anche se in bilico in certi momenti della gara, è da subito sembrato fuori discussione.

Formula 1, Bottas vince il Gran Premio di Giappone e la Mercedes è campione del mondo

(Bottas e Vettel - Fonte Immagine: Ansa.it)

 Lo scandinavo scavalca Vettel al via e trionfa sul circuito di Suzuka. Secondo proprio il tedesco della Ferrari che resiste agli attacchi di Hamilton nel finale, terzo e con il punto addizionale per il giro più veloce in gara. Ottimo quinto posto per Sainz su McLaren. Doppia penalità di tempo a Leclerc, solo settimo. Il team Mercedes conquista per la sesta volta consecutiva il titolo costruttori.
Una vittoria strategica.
Così si può definire il trionfo di Valtteri Bottas in Giappone, frutto anche dei troppi errori, gli ennesimi, della Ferrari in gara.
Il pilota finlandese, infatti, guadagna punti sugli inseguitori al secondo posto nel mondiale piloti, mentre quello costruttori se lo aggiudica proprio la Mercedes, grazie al terzo posto di Lewis Hamilton e al mancato arrivo nei primi sei di Charles Leclerc.
Certo i piani del team teutonico, a gara in corso, erano diversi, puntando alla doppietta, infranta grazie al secondo posto di Sebastian Vettel, il quale, a sua volta, aveva in mente ben altro finale.

Formula 1, Vettel vince il Gran Premio di Singapore

 Il tedesco della Ferrari sfrutta al meglio il pit stop e precede Leclerc sul traguardo. Prima doppietta stagionale per la Rossa di Maranello. Terzo Verstappen. Fuori dal podio le Mercedes, con Hamilton quarto e Bottas quinto. Bene Giovinazzi, decimo e leader della gara per qualche giro. Ben tre le Safety Car.
Una gara infinita.
A meno di un minuto dallo scadere delle due ore, massima durata di una gara di Formula 1 consentita, Sebastian Vettel taglia il traguardo per primo nel Gran Premio di Singapore, quinta vittoria per lui su questo circuito, lasciandosi alle spalle il compagno di scuderia Charles Leclerc.
Al via, proprio il monegasco, poleman di giornata, scatta molto bene, riuscendo a tenere dietro Lewis Hamilton.
Il britannico è abile, a sua volta, a tenere a bada uno scatenato Vettel nelle prime curve.
Nelle retrovie ci sono diversi contatti, tra cui quello fra Daniel Ricciardo e George Russel, che porta al danneggiamento dell’ala anteriore della Williams.
Sempre nel primo giro è costretto al pit stop anche Carlos Sainz per una foratura.
L’inizio di gara è molto lento. La Ferrari indica nei team radio a Leclerc il tempo da stabilire nel giro, che per i primi venti passaggi si aggira intorno al minuto e quarantanove secondi, ossia 13 secondi più lento rispetto alla pole position fatta segnare dal monegasco sabato.
Questo permette al gruppo di rimanere compatto e di non poter effettuare la sosta a quelli davanti senza venir risucchiati nel cuore del plotone. Emblematico è il giro più veloce siglato da Niko Hulkenberg il 19esima posizione.
La corsa inizia a sbloccarsi solo quando nelle retrovie, nonostante la mescola più dura, le vetture vanno via via ad effettuare il cambio gomme, permettendo di sgranare un po’ di più le distanze.
I primi a fermarsi nel sestetto di testa sono Vettel e Max Verstappen, con il tedesco della Ferrari volenteroso di guadagnare la posizione almeno su Hamilton.

Formula 1, Leclerc trionfa nel Gran Premio d’Italia

 Dopo nove anni, la Ferrari torna a vincere nella gara di casa. Sul circuito di Monza, il monegasco tiene a bada le Mercedes fino alla bandiera a scacchi. Secondo Bottas, terzo Hamilton. Ottimo Giovinazzi, nono. Disastro Vettel, tredicesimo dopo un testacoda e una penalità.
Un sogno che si realizza.

Alla sua prima esperienza in Ferrari, Charles Leclerc conquista quello che per la scuderia in rosso è il Gran Premio più bello e importante della stagione.

  • Pubblicato in Calcio

Formula 1, Verstappen trionfa nel Gran Premio di Germania

 Splendida gara per l’olandese che, con tanto di testacoda, riesce a passare per primo sotto la bandiera a scacchi e si prende il punto addizionale del giro più veloce. Riscatto Ferrari con Vettel, da ventesimo a secondo. Terzo, a sorpresa, Kvyat su Toro Rosso. Disastro Mercedes, con Hamilton undicesimo e Bottas a muro. Rammarico per Hulkenberg e Leclerc, entrambi fuori alla penultima curva a causa dell’asfalto scivoloso.
Wow!
Una gara pazzesca, ricca di ribaltamenti e contrattempi.
Anche il Gran Premio di Germania, dopo Austria e Inghilterra, non lascia spazio alla noia.

Formula 1, Hamilton vince il Gran Premio di Gran Bretagna

(Hamilton - Fonte Immagine: Repubblica.it)

 Sul circuito di Silverstone, il pilota di casa si impone su Bottas, secondo, grazie a giri veloci e alla Safety Car. Terzo un leggendario Leclerc. Quarto Gasly. Vettel luci e ombre. Il tedesco tampona Verstappen quando erano in lotta per il podio. L’olandese chiude quinto, il ferrarista sedicesimo con tanto di penalità di 10 secondi. Ottime le McLaren, profondo rosso per la Haas. Va ad Hamilton il punto addizionale per il giro più veloce in gara.
Riprendersi ciò che è proprio.

Questo era l’obiettivo della Mercedes e di Lewis Hamilton, depredati in Inghilterra della vittoria lo scorso anno da Ferrari e Sebastian Vettel. Target centrato appieno, con la vittoria del britannico sul circuito di casa.

Formula 1, Verstappen vince in extremis il Gran Premio d’Austria

 Sul Red Bull Ring, l’olandese beffa Leclerc a due giri dal termine con un sorpasso dalle mille polemiche. Chiude il podio Bottas che precede di sei decimi Vettel, in rimonta dal nono posto. Anonimo Hamilton, quinto. Bene le McLaren e le Alfa Romeo. Illusione Magnussen, quinto in qualifica e diciannovesimo in gara. Alle 18:00 Verstappen e Leclerc sono stati convocati dai commissari.
Una beffa amara, quasi insopportabile.

Charles Leclerc, poleman di giornata e dominatore del Gran Premio d’Austria, si vede portar via una vittoria più che meritata da Max Verstappen, quando mancavano meno di 10 chilometri alla conclusione della contesa.

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore