logorcb

updated 9:07 PM CEST, Mar 29, 2020

Formula 1, Hamilton domina il Gran Premio di Abu Dhabi

 L’inglese vola per tutta la gara e, con gomme finite, conquista il punto addizionale per il giro più veloce nell’ultima tornata. Secondo Verstappen, che guadagna la terza posizione nel mondiale piloti, terzo Leclerc. Splendida rimonta di Bottas, da ultimo a quarto. Quinto Vettel. Salutano la Formula 1 Hulkenberg e Kubica. Martedì i test, il 15 marzo 2020 si riparte a Melbourne.
Mai podio fu più azzeccato.

Un punto di arrivo, essendo l’ultimo della stagione, ma anche di partenza. Saranno loro tre a farci divertire in futuro, con Lewis Hamilton, vincitore del Gran Premio di Abu Dhabi e uomo da battere anche il prossimo anno, Max Verstappen, secondo oggi e terzo in classifica iridata, e Charles Leclerc, al suo decimo podio stagionale, che mancava dal GP di Russia, nella prima stagione in Ferrari.

Formula 1, Bottas vince il GP degli Usa, Hamilton il sesto mondiale

 Sul circuito del Texas, il finlandese si riprende la prima posizione nel finale sopravanzando Hamilton, secondo. Sfortunato Verstappen che, una volta entrato in zona DRS, trova le bandiere gialle in fondo al rettilineo opposto ai box e non può tentare l’attacco sul britannico. Profondo rosso per le Ferrari. Quarto e lontano Leclerc, out Vettel. Bene Albon, quinto, e Ricciardo, sesto.
A un passo dal mito.

Michael Schumacher, il pilota più vincente della storia della Formula 1, dista solo un mondiale per Lewis Hamilton, che oggi conquista il suo sesto titolo iridato.
Il britannico sfiora anche la vittoria del Gran Premio degli Usa, andata a Valtteri Bottas nel finale.
Il finlandese scatta bene dalla pole position, girando in prima posizione.

Formula 1, Hamilton vince il Gran Premio del Messico

 Il campione del mondo in carica rimonta dopo il contatto nelle prime fasi con Verstappen e precede sul traguardo Vettel e Bottas. Solo quarto Leclerc, partito in pole position, e autore del giro veloce in gara. Ancora sotto esame le strategie Ferrari. Rinviata ad Austin la festa del britannico per il sesto titolo mondiale.
Quando si dice volerla vincere a tutti i costi.

Lewis Hamilton conquista il Gran Premio del Messico, al termine di una gara tirata sin sotto la bandiera a scacchi.
E pensare che al via davanti a tutti c’erano le due Ferrari, le quali hanno affrontato la partenza con un ottimo gioco di squadra.
Charles Leclerc, poleman dopo la penalità in griglia imposta a Max Verstappen per aver ignorato le bandiere gialle, riesce a tenere la prima posizione e a concedere la scia al compagno di scuderia Sebastian Vettel, il quale si difende proprio da Hamilton.
L’inglese, nel tentativo di sorpasso, mette le ruote sull’erba e si fa ingaggiare da Verstappen in curva uno e due, nelle quali vengono a contatto perdendo posizioni.

Formula 1, Bottas vince il Gran Premio di Giappone e la Mercedes è campione del mondo

(Bottas e Vettel - Fonte Immagine: Ansa.it)

 Lo scandinavo scavalca Vettel al via e trionfa sul circuito di Suzuka. Secondo proprio il tedesco della Ferrari che resiste agli attacchi di Hamilton nel finale, terzo e con il punto addizionale per il giro più veloce in gara. Ottimo quinto posto per Sainz su McLaren. Doppia penalità di tempo a Leclerc, solo settimo. Il team Mercedes conquista per la sesta volta consecutiva il titolo costruttori.
Una vittoria strategica.
Così si può definire il trionfo di Valtteri Bottas in Giappone, frutto anche dei troppi errori, gli ennesimi, della Ferrari in gara.
Il pilota finlandese, infatti, guadagna punti sugli inseguitori al secondo posto nel mondiale piloti, mentre quello costruttori se lo aggiudica proprio la Mercedes, grazie al terzo posto di Lewis Hamilton e al mancato arrivo nei primi sei di Charles Leclerc.
Certo i piani del team teutonico, a gara in corso, erano diversi, puntando alla doppietta, infranta grazie al secondo posto di Sebastian Vettel, il quale, a sua volta, aveva in mente ben altro finale.

Formula 1, suicidio Ferrari. Hamilton vince il Gran Premio di Russia

 Il britannico approfitta del regalo della scuderia di Maranello e scavalca Leclerc grazie alla Virtual Safety Car. Secondo Bottas, solo terzo il monegasco. Si ritira Vettel. Ottimo Albon, quinto e partito dalla Pit Lane.
La Ferrari fa tutto da sola.

Certo, non del tutto volontariamente, ma il regalo alla Mercedes è clamoroso.
Lewis Hamilton vince il Gran Premio di Russia, regalandosi anche il punto addizionale per il giro più veloce in gara.
E pensare che le Rosse di Maranello erano partite alla grande, con un gioco di scuderia ai limiti della perfezione.

Formula 1, Vettel vince il Gran Premio di Singapore

 Il tedesco della Ferrari sfrutta al meglio il pit stop e precede Leclerc sul traguardo. Prima doppietta stagionale per la Rossa di Maranello. Terzo Verstappen. Fuori dal podio le Mercedes, con Hamilton quarto e Bottas quinto. Bene Giovinazzi, decimo e leader della gara per qualche giro. Ben tre le Safety Car.
Una gara infinita.
A meno di un minuto dallo scadere delle due ore, massima durata di una gara di Formula 1 consentita, Sebastian Vettel taglia il traguardo per primo nel Gran Premio di Singapore, quinta vittoria per lui su questo circuito, lasciandosi alle spalle il compagno di scuderia Charles Leclerc.
Al via, proprio il monegasco, poleman di giornata, scatta molto bene, riuscendo a tenere dietro Lewis Hamilton.
Il britannico è abile, a sua volta, a tenere a bada uno scatenato Vettel nelle prime curve.
Nelle retrovie ci sono diversi contatti, tra cui quello fra Daniel Ricciardo e George Russel, che porta al danneggiamento dell’ala anteriore della Williams.
Sempre nel primo giro è costretto al pit stop anche Carlos Sainz per una foratura.
L’inizio di gara è molto lento. La Ferrari indica nei team radio a Leclerc il tempo da stabilire nel giro, che per i primi venti passaggi si aggira intorno al minuto e quarantanove secondi, ossia 13 secondi più lento rispetto alla pole position fatta segnare dal monegasco sabato.
Questo permette al gruppo di rimanere compatto e di non poter effettuare la sosta a quelli davanti senza venir risucchiati nel cuore del plotone. Emblematico è il giro più veloce siglato da Niko Hulkenberg il 19esima posizione.
La corsa inizia a sbloccarsi solo quando nelle retrovie, nonostante la mescola più dura, le vetture vanno via via ad effettuare il cambio gomme, permettendo di sgranare un po’ di più le distanze.
I primi a fermarsi nel sestetto di testa sono Vettel e Max Verstappen, con il tedesco della Ferrari volenteroso di guadagnare la posizione almeno su Hamilton.

Formula 1, Leclerc trionfa nel Gran Premio d’Italia

 Dopo nove anni, la Ferrari torna a vincere nella gara di casa. Sul circuito di Monza, il monegasco tiene a bada le Mercedes fino alla bandiera a scacchi. Secondo Bottas, terzo Hamilton. Ottimo Giovinazzi, nono. Disastro Vettel, tredicesimo dopo un testacoda e una penalità.
Un sogno che si realizza.

Alla sua prima esperienza in Ferrari, Charles Leclerc conquista quello che per la scuderia in rosso è il Gran Premio più bello e importante della stagione.

  • Pubblicato in Calcio

Formula 1, Leclerc trionfa nel Gran Premio del Belgio

(Leclerc - Fonte Immagine: Formulapassion.it)

 Il monegasco vince davanti a Lewis Hamilton al termine di una gara tiratissima. Terzo Bottas, solo quarto Vettel, che si porta a casa il punto addizionale per il giro più veloce. Ottimo quinto posto per Albon su Red Bull. Out Verstappen, Giovinazzi e Norris. Commozione sul podio per ricordare Anthoine Hubert.
Nel segno di Anthoine Hubert.
Charles Leclerc vince il Gran Premio del Belgio e dedica la sua prima vittoria in Formula 1 all’amico scomparso tragicamente nella giornata di ieri, a seguito di un incidente nella gara di Formula 2.
Al via, è ottimo lo scatto del monegasco dalla pole position, così come quello di Lewis Hamilton. Il britannico, partito dalla terza casella, riesce ad affiancare e superare Sebastian Vettel in curva 1. 

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore