logorcb

updated 11:06 PM CET, Dec 6, 2019

Odore di Ilva

ilva tarantoCon l’orgoglio si ricompongono imprese straordinarie, per una portata che non si coniughi forzatamente ai grossi numeri, quelli che mettono in ginocchio non godendo di enorme popolarità peraltro nei periodi di ricerca delle risorse, che si frammentano con lo sbattimento dei soggetti all’inquinamento in fondo prodotto non avendo mai scelto se proteggerlo o no.

La severità sta nel rispetto di un’etichetta riguardo alla possibilità d’essere operai legati benissimo l’uno con l’altro, piuttosto che alla prestazione sotto una pressione giuridica che non arreca forma alle istituzioni, appiattendole consci però di coloro che pagheranno il maltolto.

I sensi si acuiscono con una genialità nel promettere una pretesa a larghe vedute, intanto si sta lì, soli soletti dietro alla vergogna d’essere diversi dagli altri, a insegnare lo stesso le buone maniere facendo sognare un percorso amministrativo di univoca direzione come di pacifica richiesta.

Per tenere presente la fine di un’epoca industriale non bisogna ritrattare alcun tipo di competitività, altrimenti si decreta un vincitore e si cristallizza nessun tipo di nuovo inizio nello svolgimento dei compiti previdenziali che è insito alla visibilità periferica del luogo, per la quale ai cittadini non si chiede di provare il contrario.

La politica locale capita a proposito interpretando ben poche scadenze importanti, in seno ad altrettanti opinioni di esponenti falsi ma, necessari di aree di magnetismo elettorale a breve periodo e a lungo intrigo, in cui l’ancoraggio di sviluppo collettivo, drammatizza la forza di testimoniare quello che il povero Cristo è: una modestia come poche ma, schierabile facilmente dalla parte del disonore.

Il coinvolgimento in una sfida alla vita a Taranto si ritaglia finemente dopo aver raggiunto una storia di lavoro dura da soffriggere con un servizio d’inchiesta giornalistica qualunque, fra i dirigenti dell’Ilva che badano a sé, inghiottiti e sputati da compromessi indeterminati, su una classe sociale oramai insipida com’è quella borghese.

  • Pubblicato in Costume

Si apre una nuova stagione per L’Ilva; la comunicazione d’impresa è la nuova ricetta

IlvaSi apre una nuova stagione per L’Ilva; la comunicazione d’impresa è la nuova ricetta

Durante il precetto pasquale tenuto da monsignor Filippo Santoro, celebrato all’interno dell’Ilva,  i membri della famiglia Riva non sono stati presenti all’evento istituzionale. L’Ilva proverà a risollevarsi affidando il suo destino alla nuova figura professionale del consulente dott. Enrico Bondi. Si tratta di un momento difficile per l’azienda in cui si gioca il tutto per tutto, oltre che per la società Riva, la quale ormai assume un ruolo ridimensionato all’interno del gruppo societario. Il presidente Bruno Ferrante ha dichiarato che è giunto ormai il momento di rendere indipendente l’Ilva dal gruppo Riva conferendo a essa una struttura nuova, condividendo la mission dell’azienda con il dott. Bondi, acclarato professionista in tema di ristrutturazione aziendale. Il dott. Bondi ha già un contratto di consulenza con l’Ilva e diverrà amministratore delegato subito dopo l’approvazione del bilancio che avverrà a metà mese di Aprile. L’Ilva dovrà continuare a investire contando sulle proprie e sulle nuove energie, infatti, il consiglio d’amministrazione sarà aperto anche alla possibilità di far entrare professionalità esterne. Si apre così una nuova stagione per l’Ilva, la primavera è alle porte. Si spera in un gruppo dirigente forte, capace di assumersi il peso di ogni responsabilità e l’utilizzo consapevole di strumenti tecnici manageriali all’altezza di ogni decisione e di ogni scelta consapevole. Si apre per il Sud forse l’alba di un nuovo giorno, quello in cui la strategia del fare impresa possa riscattare il passato, costruendo il presente per il domani. Fonte: intopic.it/notizia/4724549

  • Pubblicato in Puglia

Etica ambientale – Gip – Ilva; il triangolo no

taranto-processo-ilvaE’ attesa la decisione del tribunale di Taranto relativamente ai due ricorsi presentati dai gip contro l’Ilva, in relazione alla vendita dei prodotti posti sotto sequestro e la conferma degli arresti domiciliari nei confronti dell’ex dirigente dello stabilimento, Riva.

Secondo i legali di Riva, non sussisterebbero le condizioni per trattenerlo agli arresti, non vi sarebbe il pericolo di reiterazione del reato o d’inquinamento probatorio.

Tesi difensiva opposta a quella dei Pm i quali sostengono sia non cautelativo scarcerare Riva, poiché l’indagine si definisce lunga e lontana da ogni possibilità di riuscita a breve termine.

Il triangolo etico/ambientale fra i tre protagonisti della soap appare davvero senza fine ma tutto sarebbe potuto non avvenire se al tavolo delle strategie imprenditoriali vi fosse stato uno stratega della comunicazione d’impresa, vera cabina di regia per il successo aziendale.

Fonte: corrieredelgiorno.com/2013/03/14/ricorsi-dellilva-siattende-ladecisione-del-tribunale-23654

  • Pubblicato in Puglia

Etica ambientale – Gip – Ilva; il triangolo no

taranto-processo-ilvaE’ attesa la decisione del tribunale di Taranto relativamente ai due ricorsi presentati dai gip contro l’Ilva, in relazione alla vendita dei prodotti posti sotto sequestro e la conferma degli arresti domiciliari nei confronti dell’ex dirigente dello stabilimento, Riva.

Secondo i legali di Riva, non sussisterebbero le condizioni per trattenerlo agli arresti, non vi sarebbe il pericolo di reiterazione del reato o d’inquinamento probatorio.

Tesi difensiva opposta a quella dei Pm i quali sostengono sia non cautelativo scarcerare Riva, poiché l’indagine si definisce lunga e lontana da ogni possibilità di riuscita a breve termine.

Il triangolo etico/ambientale fra i tre protagonisti della soap appare davvero senza fine ma tutto sarebbe potuto non avvenire se al tavolo delle strategie imprenditoriali vi fosse stato uno stratega della comunicazione d’impresa, vera cabina di regia per il successo aziendale.

Fonte: corrieredelgiorno.com/2013/03/14/ricorsi-dellilva-siattende-ladecisione-del-tribunale-23654

Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore