logorcb

updated 9:07 PM CEST, Mar 29, 2020

CORONAVIRUS, ROMA: D'AMATO, 'ISOLATI DUE ISTITUTI DI SUORE'

coronavirus"Sono stati isolati due istituti di suore con un totale di 59 casi positivi. Il primo Istituto è quello delle Figlie di San Camillo di via Anagnina a Grottaferrata dove sono risultate positive 40 suore e una di queste è ricoverata. Isolato anche l'istituto della congregazione delle suore angeliche di San Paolo sulla via Casilina a Roma dove sono 19 i casi di positività registrati su 21 totali. Di entrambe le situazioni è stato avvisato il Prefetto di Roma e avviate le indagini epidemiologiche delle Asl competenti e del SERESMI – Spallanzani (Servizio regionale per l’epidemiologia, la sorveglianza e il controllo delle malattie infettive)".

Lo dichiara l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

CORONAVIRUS: D'AMATO, ‘TERMINATA VIDEOCONFERENZA TASK-FORCE, BOLLETTINO DELLE SINGOLE ASL’

lazioSi è appena conclusa alla presenza dell'assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato l’odierna videoconferenza della task-force regionale per il COVID-19 con i direttori generali delle Asl.

La situazione nelle Asl e A.O:

Asl Roma 1 – 3 i nuovi casi positivi. 43 le persone uscite dalla sorveglianza domiciliare mentre 252 persone restano in sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 2 – Nessun nuovo caso positivo. 987 le persone in sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 3 – Nessun nuovo caso positivo. 70 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare, ne restano in sorveglianza 350;

Asl Roma 4 –1 nuovo caso positivo. 58 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare, ne restano in sorveglianza 122;

Asl Roma 5 – Nessun nuovo caso positivo. 45 le persone uscite dalla sorveglianza domiciliare, ne restano in sorveglianza domiciliare 1.104. 2 i posti di terapia intensiva attivabili;

Asl Roma 6 – 5 nuovi casi positivi. 748 le persone in sorveglianza domiciliare;

Asl di Latina – 2 nuovi casi. Deceduto un uomo di 83 anni all’Ospedale Goretti arrivato da RSA di Cassino. 876 le persone in sorveglianza domiciliare;

Asl di Frosinone – 5 nuovi casi positivi. 9 usciti dalla sorveglianza domiciliare, ne restano 319 in sorveglianza;

Asl di Viterbo – 3 nuovi casi positivi. 152 in sorveglianza domiciliare più 97 in sorveglianza alla Casa dello Studente;

Asl di Rieti – Nessun nuovo caso positivo. 117 le persone in sorveglianza domiciliare. Dal 16 Marzo 8 posti letto di terapia intensiva in più.

La Lazio vola in vetta alla classifica ma…

lbDopo circa 10 anni la Lazio torna in vetta solitaria alla guida del campionato in una giornata che è purtroppo contraddistinta dalla decisione della Lega, in parte molto criticabile, di rinviare alcune partite, a causa dell’evolversi del coronavirus, a metà maggio quasi al termine del campionato.

All’Olimpico scende il Bologna dell’ex Sinisa molto emozionato che riceve prima dell’inizio del match tutto l’affetto della Curva Nord sotto il proprio settore.

La partita vede una Lazio iniziare molto bene con una grande aggressività sui portatori di palla avversari questa pressione favorisce almeno due occasioni nei primi 10 minuti e porta al vantaggio con Luis Alberto al minuto 18 con un bel tiro di destro da fuori area; il Bologna reagisce subito allo svantaggio ma dopo solo 3 minuti la difesa rossoblù capitola nuovamente dopo un tiro di Correa che viene deviato da Danilo.

Il Bologna rimane sempre in partita ma non riesce ad accorciare le distanze mentre la Lazio molto sorniona si rende pericolosa grazie ad alcuni strappi in avanti dei vari Correa, Immobile e Luis Alberto.

Il secondo tempo vede un Bologna molto più pericoloso con alcune occasioni importanti sventate dal portiere biancoceleste e con due gol che vengono annullati giustamente dopo le segnalazioni del VAR.

La Lazio arriva al ventesimo risultato positivo in campionato che la porta solo momentaneamente in prima posizione in un campionato che attende di ricevere per la sua corretta prosecuzione le indicazioni del Governo sullo stato di salute del paese.

  • Pubblicato in Calcio

Lazio: Caicedo-Immobile firmano la cinquina alla Spal

Lazio SpalAd una settimana dal derby  in cui la Lazio non era riuscita a fornire una brillante prestazione contro la squadra di Fonseca, terminata con un pareggio,  la Lazio gioca in casa contro la Spal e torna alla vittoria in modo netto senza alcuno scampo per l’avversario.

La squadra di Inzaghi entra in campo con la solita aggressività,  che l’ha quasi sempre contraddistinta in questa stagione, e sin dalle prime battute fa capire all’avversario la propria volontà di prendere i tre punti in palio.

Durante la prima frazione i biancocelesti vanno in vantaggio con Immobile, bravo a mettere in rete un azione da corner, raddoppiano con Caceido e successivamente vanno a segno ancora con una prodezza di Immobile e con un sinistro a giro di Caceido.

Il secondo tempo è praticamente a senso unico con la Lazio padrona del campo che segna con il baby Adekanye, al suo primo gol nel campionato italiano, grazie ad un  assist dell’ex Manuel Lazzari.

Con q         uesta vittoria la Lazio stacca, al momento, le inseguitrici  Roma e Atalanta dalla lotta per un piazzamento in Champions League e attende il Verona nel recupero infrasettimanale della partita non disputata a dicembre per la partita di Supercoppa italiana.

  • Pubblicato in Calcio

MALTEMPO LAZIO: ATTENZIONE PER VENTO DA DOMANI MATTINA E PER 36 ORE

allerta meteo"Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse con indicazione che dal mattino di domani, martedì 4 febbraio 2020, e per le successive 24-36 ore si prevedono sul Lazio: venti da forti a burrasca nord-occidentali, sui rilievi, in estensione dal pomeriggio-sera ai restanti settori della regione ed in successiva rotazione da nord, con raffiche di burrasca forte specie sui settori costieri e sui rilievi. Si prevedono inoltre forti mareggiate su tutte le coste esposte. Il Centro Funzionale Regionale ha pertanto emesso un bollettino con attenzione per vento su tutte le zone di allerta del Lazio.

La Sala Operativa Permanente della Regione Lazio ha diramato l'allertamento del Sistema di Protezione Civile Regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza. Si ricorda, infine, che per ogni emergenza la popolazione potrà fare riferimento alle strutture comunali di Protezione civile alle quali la Sala Operativa Regionale garantirà costante supporto".

Lo comunica in una nota la Protezione Civile del Lazio

Parità nel Derby. All'Olimpico è 1-1

Risultati immagini per ROMA LAZIO I giallorossi dominano il match ma si fanno male da soli. Al vantaggio di Dzeko risponde Acerbi, che sfrutta un’indecisione di Pau Lopez. All’Olimpico è 1-1.

I giallorossi pareggiano il Derby contro la Lazio per 1-1, dopo aver letteralmente condotto il gioco per quasi tutti i 90 minuti regolamentari più recupero.
La squadra di Paulo Fonseca parte forte e riesce a sbloccare il match grazie a Edin Dzeko. Il bosniaco anticipa di testa Thomas Strakosha in uscita e fa 1-0.
Pochi secondi e i padroni di casa sfiorano il raddoppio sempre con il bosniaco, ma il calcio è crudele e la Lazio sfrutta l’unica vera occasione del primo tempo. A crearla è la Roma stessa, con il colpo di testa a campanile di Davide Santon e la decisione di Pau Lopez di non deviare in angolo il pallone, bensì respingerlo in maniera goffa, forse anche caricato irregolarmente, regalando a Francesco Acerbi il tapin vincente. 1-1.
La partita non cambia copione e i giallorossi sfiorano nuovamente il vantaggio con Lorenzo Pellegrini, il cui destro a giro si infrange sul palo.
Nella ripresa Dzeko e compagni ricominciano a spingere e, oltre al rigore prima concesso da Calvarese e poi revocato dal VAR, vanno a un passo dal 2-1 con Jordan Veretout e Dzeko.
La Lazio è tutta nel tiro sbilenco di Ciro Immobile da buona posizione.
Allo Stadio Olimpico finisce in parità. La Roma guarda al futuro con fiducia, la Lazio scampa il pericolo.

  • Pubblicato in Calcio

Fonseca: "I giocatori sono motivati per il Derby. Perotti e Pastore ci sono"

Risultati immagini per fonseca as roma L'allenatore della Roma, Paulo Fonseca, ha parlato in conferenza stampa a Trigoria in vista del Derby contro la Lazio. 
Queste le sue parole:

Dopo l’allenamento c’è stato questo abbraccio tra tifosi e squadra. Che segnale è e che coraggio può dare?
E’ bellissimo per noi vedere questo appoggio dei nostri tifosi romanisti. Sono molto contento di vedere questo sostegno. E’ importantissimo per noi. In tutti i momenti i nostri tifosi ci hanno sostenuto in maniera importante. In questo momento dobbiamo lottare per loro e fare una buona partita. Lo meritano il nostro impegno.
Quali sono le condizioni della squadra? Qualcuno può recuperare?
Abbiamo Perotti e Pastore, che non potrà iniziare la partita ma sarà in panchina. E’ una buona notizia per noi. Per il resto la squadra sta bene, è fiduciosa e motivata. Abbiamo le condizioni per fare una buona partita domani.
All’andata avete sofferto molto la Lazio. Un girone dopo c’è l’ipotesi di schierare la difesa a tre? C’è anche l’ipotesi di schierare Spinazzola e Santon?
Giocheremo con la difesa a quattro. Chi gioca lo vedremo domani.
Se Kluivert sta bene fa la differenza. Come sta?
Meglio dell’ultima partita. Con questa situazione di Perotti e Zaniolo, è stato infortunato anche Kluivert. Si è allenato pochi giorni ed ha giocato 90 minuti. Era stanco a fine partita, non è facile dopo due o tre allenamenti. Ha giocato con la Juventus perché non avevamo altri, ma non ha fatto una buona partita. Era stanco, lo abbiamo recuperato e domani potremo vedere un Kluivert diverso rispetto a quello visto contro la Juventus.
Quanto peserà l’infortunio di Diawara?
Sono ottimista. I prossimi giorni saranno importanti. Non abbiamo bisogno di fare l’operazione adesso, dobbiamo vedere più avanti. Sta migliorando e credo che non servirà l’intervento. Sono io però che sto parlando, io credo questo. Oggi ci ho parlato e mi ha detto che va molto meglio rispetto a ieri. I prossimi giorni saranno importanti per capire se sarà necessario.
E’ pronto per giocare Cristante o può alzare Mancini a centrocampo?
Giocherà Cristante. E’ vero che non è nella condizione ideale per fare tre partite dopo l’infortunio, ma non abbiamo soluzioni. Se Mancini gioca a centrocampo, non è come avere Cristante. Così cambierei due settori, centrocampo e difesa. Secondo me dobbiamo cambiare poco in questo momento, giocherà Cristante per questo motivo.
E’ una partita in cui conta molto l’aspetto psicologico. Qualcuno ha caricato la squadra? Chi?
Noi parliamo sempre tra noi, è importante. E’ una partita per cui tutti sono motivati, è una gara speciale. Non abbiamo bisogno di parlare di più perché la motivazione è già molto alta.
Qualche anno fa si disse “il derby non si gioca, si vince”. Lei è d’accordo?
E’ interessante questa frase. Io credo che chi gioca meglio ha più possibilità di vincere. Se speriamo nella fortuna, la possibilità di perdere è alta. Io capisco questa idea, ma una squadra che domina la partita, con iniziativa e coraggio, è sempre più vicina a vincere. Può non succedere, ma io ci credo.
Kolarov è un po’ scarico, domani su quella fascia ci sarà Lazzari. Studia una soluzione?
Domani vediamo. Aspettiamo domani e vedremo.
La Roma ha vinto undici partite in campionato. Battuto solamente il Milan delle prime nove. Si aspettava di essere più avanti nei big match?
Non so mai il risultato prima della partita, ma la mia intenzione è sempre quella di giocare per vincere. In Italia è difficile vincere contro la Spal e contro la Juventus. E’ importante avere ambizione e coraggio di giocare per vincere contro la Juventus, la Spal ed il Lecce. E’ vero che abbiamo perso contro la Juventus, ma sono fiducioso del coraggio dei miei giocatori. Abbiamo perso, ma hanno avuto identità, gioco e che crea situazioni d’attacco. Per me questo è quello più importante.
Vuole commentare lo striscione contro Zaniolo?
Chi l’ha fatto non è un tifoso di calcio, non è accettabile. Non è un tifoso che ama il calcio.
La Lazio è più forte della Roma?
Nella classifica lo è, perché sono al terzo posto e noi al quarto. Se siamo più forti dovremo dimostrarlo domani.
Sei scaramantico o vai avanti per la tua strada riguardo gli infortuni?
Non ci penso. Io devo pensare solamente a quello che fa la squadra al presente. Abbiamo questi e con questi dobbiamo giocare. Ho fiducia in tutti. A volte sono preoccupato perché non abbiamo soluzioni o per un infortunio, ma non per la fiducia nella squadra. Abbiamo anche altre soluzioni, non mi piace lamentarmi. Andiamo e giochiamo con questo, deve essere così.
Può promettere qualcosa ai tifosi dal punto di vista dell’atteggiamento?
Io ho promesso cose che abbiamo fatto quasi in tutte le partite: coraggio e giocare per vincere. Non è perdere contro la Juventus o col Taorino che mi fa cambiare il pensiero. Nessuno mi può dire che la squadra ha giocato senza coraggio. Abbiamo perso, la Juventus è molto forte, ma non giocavamo per difendere, ma con coraggio e atteggiamento. Ho parlato con voi delle due partite che non mi sono piaciute. Io sono orgoglioso della squadra. Abbiamo iniziato la prima partita con la Juventus ed abbiamo preso due gol in otto minuti. Non è facile avere una reazione come abbiamo fatto noi. Noi siamo rientrati con coraggio per cambiare la partita ed abbiamo creato situazioni. Per me è importante sentire questo atteggiamento e coraggio, poi possiamo pareggiare, perdere o vincere. Sono orgoglioso del loro atteggiamento. Non ho visto una squadra che difende o aspetta la fortuna. Mi è piaciuto quello che abbiamo fatto, non il risultato ma il resto sì.
Ha avuto rassicurazioni sul mercato? Le piace Carles Perez?
Sono molto sereno. Fonseca in questo momento sembra arrabbiato con Petrachi o Fienga, no! Sto lavorando per portare le migliori soluzioni alla Roma, tutti insieme, sempre. Io sono molto fiducioso che a fine mercato avremo quello di cui abbiamo bisogno. Lavoriamo ogni giorno per trovare la miglior soluzione per la Roma.
Politano è un’occasione mancata? E’ una delusione per lei?
No. Quando abbiamo pensato ad un giocatore nella posizione di Zaniolo avevamo tre o quattro opzioni. Abbiamo avuto la possibilità di fare il cambio con l’Inter, che poi non abbiamo fatto. Petrachi e Fienga hanno difeso bene l’interesse della Roma, abbiamo altre possibilità. Nei prossimi giorni vedrete un nuovo giocatore in questa posizione.
La Lazio è molto brava ad attaccare la linea. Quale sarà il comportamento della difesa contro questi giocatori?
Se abbiamo la possibilità allo stesso modo. Mi piace difendere lontano dalla porta. Se l’altra squadra è molto forte e ci obbliga a difendere più basso lo faremo, ma l’intenzione è quella di difendere molto alti.
Aspettate l’entità dell’infortunio di Diawara per il centrocampista?
Vediamo dopo (ride, ndr).
Cercate un giocatore fisico alla Zaniolo o uno più piccolo alla Under?
Abbiamo in lista un piccolo, un medio ed un alto (ride, ndr). Le caratteristiche sono chiare: deve essere uno che gioca bene dentro al campo, veloce e con profondità.
Ha due romani in squadra come Florenzi e Pellegrini. Come li ha visti in queste ore? La pressione può essere un problema?
Io ho sentito tutti i giocatori molto motivati. Io ho parlato di pressione una volta. La maggior pressione che abbiamo è quella che ci mettiamo da soli. Tutti sappiamo quanto è importante la partita, se Florenzi e Pellegrini la sentono di più? Magari sì, ma io ho sentito tutti sereni, equilibrati e con fiducia.
L’Europa League può essere il trofeo per la stagione?
Penso solo alla partita di domani contro la Lazio.

  • Pubblicato in Calcio

Lazio arrembante rifila la “manita” alla Sampdoria

Lazio SampdoriaNella prima giornata del girone di ritorno del campionato allo stadio Olimpico va in scena lo scontro tra la squadra di Inzaghi, con le dieci vittorie consecutive al seguito, e la compagine blucerchiata di Mister Ranieri che nelle ultime giornate era riuscita a raccogliere punti importanti in chiave salvezza.

La partita era molto temuta in casa Lazio ma i biancocelesti hanno sfoderato una prestazione di grande livello tanto che dopo appena venti minuti la partita era pressoché chiusa con il punteggio di 3-0 grazie alla doppietta di Immobile e il gol del momentaneo 1-0 di Caceido.

La Lazio ha avuto il merito di aggredire l’avversario, sin dall’inizio, e dopo essere passata in vantaggio e aver raddoppiato ha tenuto la palla ed è riuscita rendere facile una vittoria contro un avversario, almeno alla vigilia, ostico.

Nel secondo tempo la Lazio con molta attenzione ha continuato a tenere la palla con ottimi fraseggi e segnare altre due volte e sempre con Immobile, arrivato a 23 centri in campionato, e con un bel go di destro dell’angolano Bastos; a nulla è valso la rete della bandiera siglata da Linetty a partita ampiamente conclusa.

Nei prossimi giorni la Lazio sarà in scena, martedì al San Paolo di Napoli contro i partenopei, nella sfida dei quarti di Coppa Italia e in campionato domenica nel derby capitolino che quest’anno rappresenta una partita di altissima classifica per entrambe le quadre con un possibile risultato che in un derby non può MAI  essere scontato.

  • Pubblicato in Calcio
Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore