logorcb

updated 3:00 PM CEST, Jul 23, 2019

PATRIZIA CANOLA ALLA COLLETTIVA DI MILANO “METAPHRASIS”

dipinto di Patrizia Canola Riposo dinverno bassa risoluzIl dipinto “Riposo d’inverno” di Patrizia Canola alla mostra "Metaphrasis” racconta il silenzio della natura tra contemplazione e meraviglia.

Artista di fama internazionale, PATRIZIA CANOLA, attiva in Brianza dove vive e lavora, coglie nella natura un microcosmo di emozioni che restituisce attraverso rappresentazioni dirette e realistiche, ma anche calate entro atmosfere da sogno dove il pensiero prende forme leggere quasi impalpabili.

Natura descritta nella sua fisicità nel trascorrere delle stagioni con paesaggi e vedute di marine, laghi, nature morte, ma anche nel suo immaginario metafisico dove i luoghi del pensiero e stati d’animo si lasciano intravedere dietro figure impalpabili quasi evanescenti dove i colori si fanno sempre più chiari e i segni sempre più indefiniti.

Milano: The Bright side, il lato positivo dell'informazione

positivitaMartedì 16 maggio 2017 dalle 12 alle 13.30 presso l’Urban Center di Milano in Galleria Vittorio Emanuele II, si svolgerà la conferenza stampa di The Bright Side – Il Lato Positivo della informazione dal titolo “Milano, incubatore di Positività” – Dagli Expottimisti al Manifesto della Positività.

L’Avvocato Ada Lucia De Cesaris e la Dottoressa Chiara Bisconti svolgeranno una relazione, a due voci e a quattro mani, sulle best practices del Rinascimento di Milano, dal titolo l’Alfabeto della Positività di Milano.

Terenzio Traisci, Psicologo, darà un suo contributo sul tema “Essere ottimisti e/o positivi”.

Stefania Bassi, Docente ed Animatrice digitale, racconterà la sua idea del TG delle Buone Notizie da portare nelle scuole.

Il Presidente Alberto Contri sintetizzerà il lavoro che Pubblicità Progresso svolge in favore dei valori positivi fin dal 1971 con le proprie campagne sociali e con il network di 100 docenti universitari impegnati a divulgarli ai propri studenti.

I lavori saranno aperti da una relazione del Dr. Antonino Esposito, ideatore e principale animatore di TBS, che racconterà come e perché è nata la community e come si intende sviluppare.

La web goodnews community TBS nata a fine 2014 a Milano, conta ad oggi circa 4.000 fan e follower ed ha come caratteristica unica quella di essere una piattaforma digitale, animata da semplici, liberi e volontari cittadini, che da spazio e valore solo a buone notizie, buone pratiche, eccellenze e tutto ciò che può generare buon umore e sentiment positivo.

Le buone notizie fanno notizia, buon umore e futuro è lo slogan che meglio racchiude intention e mission di TBS.

Saranno illustrate, in particolare, tre iniziative concrete che si vogliono portare avanti per affermare i principi e gli obiettivi del Manifesto della Positività che verrà presentato alla città e alla stampa.

L’evento sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook “The Bright Side” in modo che possa essere seguito anche dai tanti membri della community che non potranno essere fisicamente a Milano.

La giornata sarà anche occasione di networking e di relazione tra gli intervenuti in vista di altri e successivi incontri.

Il giorno 15 maggio, all’interno della trasmissione TV “Edicola Fiore” in onda su SKY UNO ed in chiaro su TV8, verrà lanciato il Manifesto della Positività. 

Tempo di libri a Milano: i lettori medio forti o grandi sono quasi la metà degli italiani.

uasi la metà degli italiani sono lettori di libri medio forti o grandi. La maggior parte (il 32%) è Tecno-curioso: persone attive e colte, con una dotazione tecnologica medio-alta e interessati alla lettura su più supporti (libri, ebook e audiolibri). A questi si affianca il 12% rappresentato da giovani e giovanissimi Trendsetter che hanno meno di 25 anni e sono grandi lettori di libri, leggono di tutto e su tutti i formati (cartaceo, digitale e audio).

Sono le prime tipologie delineate dall’Osservatorio dell’Associazione Italiana Editori ideato dal Gruppo Innovazione di AIE e condotto da Pepe Research che è stato presentato oggi, 19 aprile, nell’incontro Il lato oscuro del lettore che le tecnologie ci hanno nascosto. Osservatorio sui nuovi confini della lettura e dei consumi culturali a Tempo di Libri, la Fiera dell’Editoria italiana in programma fino al 23 aprile a Fiera Milano Rho.

Ai due profili si aggiungono i Tecno Basic (il 27%), lettori deboli di libri in prevalenza cartacei o altri supporti di carta mentre l’11% è Mobile Only, ovvero lettori deboli di libri che accedono ai contenuti anche attraverso social e community. Gli Sconnessi restano l’18% di persone oltre i 55 anni, professionalmente non più attive, spesso non connesse a internet e non lettori.

downloadIl nuovo concetto di lettura su cui l’Osservatorio si è concentrato tiene conto non solo dei libri – tutti i tipi e generi di libri: manuali, guide di cucina e di viaggio, graphic novel e libri a fumetti, manuali sulla salute e il self help, di giardinaggio e di vela – ma anche di letture di articoli, testi di fan fiction, su riviste, web e social e comprende l’83% dei 14-74enni che dichiarano di aver letto negli ultimi 3 mesi contenuti narrativi o comunque culturali, come la saggistica, o di utilità quotidiana, come guide e manuali. Di questi, il 65% ha letto sia libri di carta (intesi nel senso più ampio e non solo il classico romanzo o il saggio) che contenuti in formato in formato digitale; mentre il 18% è stato lontano dai libri ma ha scelto riviste, giornali e, più raramente, web e social.

  • Pubblicato in Costume

Mostra sulla Milano-Bergamo

Fondaz Bergamo nella Storia Autostrada Milano Bergamo 01Fino al 31 ottobre, a Dalmine, è possibile visitare l’interessante esposizione “Milano-Bergamo, 49 chilometri visti dall’autostrada”, organizzata dalla Fondazione Dalmine in collaborazione con la Regione Lombardia, la Triennale di Milano, la Confindustria di Bergamo, il Comune di Dalmine, la Fondazione Sestini, la Fondazione Bergamo nella storia.

La mostra ha ricevuto il patrocinio della Regione Lombardia, del Comune di Bergamo, dell’Ordine degli Architetti di Bergamo, dell’Ordine degli Ingegneri di Brescia, del Politecnico di Milano e della Facoltà di Architettura dell’Università di Bergamo.

Già dall’elenco dei soggetti patrocinanti si evince l’importanza e la ricchezza dell’iniziativa, che si articola in tre esposizioni in altrettanti spazi del Comune di Dalmine, un luogo storico nella storia della siderurgia italiana, e sede della omonima grande industria siderurgica.

L’INDIA DELL’IMPERO BRITANNICO

SABATO 18 MAGGIO 2013 DALLE 16.00 ALLE 20.00

presso La Casa di Vetro di via Luisa Sanfelice, 3 Milano

HISTORY & PHOTOGRAPHY 2012 - 2013

4 MOSTRE RACCONTANO LA STORIA DEL MONDO CONTEMPORANEO

INAUGURAZIONE IN ANTEPRIMA E APERTA AL PUBBLICO DELLA MOSTRA

L’INDIA DELL’IMPERO BRITANNICO

IL SUBCONTINENTE NELLE IMMAGINI DELLA SOCIETÀ GEOGRAFICA ITALIANA

IN ESPOSIZIONE DAL 20 MAGGIO AL 28 GIUGNO 2013

Giorno di chiusura straordinaria 15 giugno 2013 

Ballerine con musicisti, collezione “Bandini”, Delhi, India, 1903, foto di anonimoIl “mamut” sale sull’elefante, collezione “Piscicelli”, India, 1913-1914, foto di Maurizio Piscicelli; Adoratori dell’acqua, collezione

“Piscicelli”, Benares, Uttar Pradesh, India, 1913-1914, foto di Maurizio Piscicelli, particolare; Queen's Road a Mumbai (ex Bombay)collezione “Campagna oceanica della Regia Nave Vesuvio 1906-1909”, Maharashtra, India, 1906, foto di anonimo

Dall’alto in basso, da sinistra destra:

Ballerine con musicisti, collezione “Bandini”, Delhi, India, 1903, foto di anonimo;

Il “mamut” sale sull’elefante, collezione “Piscicelli”, India, 1913-1914, foto di Maurizio Piscicelli; Adoratori dell’acqua, collezione

“Piscicelli”, Benares, Uttar Pradesh, India, 1913-1914, foto di Maurizio Piscicelli, particolare; Queen's Road a Mumbai (ex Bombay),

collezione “Campagna oceanica della Regia Nave Vesuvio 1906-1909”, Maharashtra, India, 1906, foto di anonimo;

LA MOSTRA – Composta di 54 riproduzioni digitali di stampe originali conservate dalla Società Geografica Italiana, la mostra conduce il visitatore nell’India dei primi tre decenni del XX secolo. A scattare le immagini di cui si conoscono gli autori sono gli italiani Gino Bandini, Maurizio Piscicelli, Antonio Sturla, Massimo Terzano e Giotto Dainelli. Gino Bandini è in India nel 1903. Fotografa le città, i monumenti, le campagne, soffermandosi in particolare a ritrarre il gruppo etnico predravidico dei Bhil. Ma propone anche numerosi ritratti, in particolare di gruppi appartenenti alle diverse religioni e caste in cui è divisa la società indiana. Maurizio Piscicelli è in India tra il 1913 e il 1914. Fotografa soprattutto le città di Benares e Calcutta lasciandosi affascinare dal fiume Gange e dai riti religiosi induisti che si svolgono lungo le sue rive. Antonio Sturla nel subcontinente indiano è presente tra il dicembre del 1932 e il gennaio del 1933. I suoi soggetti preferiti sono le persone, spesso appartenenti ai ceti popolari, colte in strada o nelle campagne nella loro quotidianità. Massimo Terzano e Giotto Dainelli contribuiscono con immagini scattate durante le spedizioni esplorative e scientifiche sulle montagne dell’Himalaya a cui hanno preso parte. Il primo con uno scatto realizzato sulla catena del Karakoram. Il secondo con una foto tratta da una serie dedicata alle danze buddiste in Ladakh.

L’INDIA COLONIALE - Il Subcontinente indiano è colonia dell’Impero britannico dal 1857. Ma l’occidente ha cominciato a privare i regni indiani della propria indipendenza già a cominciare dal XVI secolo. I primi a interessarsi dell’India sono i portoghesi che a colpi di cannoni stabiliscono le loro basi commerciali lungo le coste dopo aver circumnavigato l’Africa alla ricerca di una nuova via delle spezie. Li seguono subito dopo olandesi, francesi e infine gli inglesi. A rendere fragile l’India e quindi appetibile agli occhi delle potenze occidentali sono le rivalità tra i vari regni e gruppi etnici in cui è divisa. La politica del “dividi et impera” viene applicata con estrema disinvoltura ed efficacia. A uscire vincitrice dalla competizione commerciale e militare tra stati europei è la Gran Bretagna per tramite della Compagnia Inglese delle Indie Orientali che nel 1856 controlla quasi completamente il subcontinente indiano. L’anno successivo una rivolta, che passerà alla storia come la prima guerra di indipendenza indiana, fa intervenire direttamente la corona inglese facendo dell’India una colonia a tutti gli effetti. L’indipendenza verrà concessa al paese solo nel 1947 grazie alla lotta non violenta del politico e filosofo indiano Mohandas Karamchand Gandhi, detto il Mahatma.

LA SOCIETÀ GEOGRAFICA ITALIANA – L’Archivio fotografico della Società Geografica Italiana custodisce circa 200.000 fototipi (tra positivi, negativi, diapositive e cartoline). Si tratta per lo più di materiali rari, spesso inediti, relativi a contesti molto diversificati: l’arco temporale di riferimento è di circa 150 anni, poiché la collezione più antica risale al 1866 (spedizione francese nella valle del Mekong), mentre i fotoreportage di Franco Lubrani, tra le acquisizioni più recenti, raccontano la contemporaneità. La vasta gamma dei contenuti consente di trovare significativi rimandi all’Italia e a ciascuno dei cinque continenti. Anche la tipologia delle fotografie spazia da quelle paesaggistiche a quelle antropometriche, dalla ritrattistica alle immagini che documentano i resoconti di esploratori o responsabili di missioni scientifiche.

LA STAGIONE – E’ la mostra “British Mood – L’Inghilterra degli anni ’50 negli archivi di Tips Images”, esposta dal 10 novembre al 22 dicembre 2012, ad avere inaugurato la stagione 2012 - 2013 del progetto History & Photography a La Casa di Vetro di Milano. Il programma annuale è proseguito con “Wild West. 1861 – 1912: l’America dei Pionieri”, visitabile dal 25 febbraio al 30 marzo 2013, e l’anteprima per l’Italia di “Carl Simon. The Collection” allestita dal 6 aprile al 4 maggio 2013. A chiudere la stagione è “L’India dell’Impero Britannico – Il Subcontinente nelle immagini della Società Geografica Italiana”. In esposizione dal 18 maggio al 28 giugno 2013, realizzata in collaborazione con l'Archivio Fotografico della Società Geografica Italiana, la mostra è un viaggio nelle campagne e città indiane dei primi anni del XX secolo.

HISTORY & PHOTOGRAPHY - La fotografia ritrae e racconta la realtà ormai da quasi due secoli. È partendo da questo presupposto che nasce History & Photography, un progetto che si pone 3 obiettivi principali. Il primo è quello di realizzare e promuovere esposizioni e iniziative editoriali che raccontino con la fotografia e con testi giornalistici le storie delle società contemporanee, esaltando non solo la funzione narrativa delle immagini ma anche il loro valore estetico. Il secondo è quello di valorizzare e rendere fruibili  al grande pubblico i tantissimi archivi fotografici storici spesso sconosciuti o frequentati solo dagli addetti ai lavori ma che conservano al loro interno gioielli ancora tutti da scoprire sia dal punto di vista artistico che documentaristico. Il terzo obiettivo è quello, quando archivi e autori lo consentono, di offrire agli appassionati la possibilità di acquistare le immagini che vedono in mostra (e non solo come di consueto i poster) finalmente a un prezzo contenuto con l’idea che la fotografia debba e possa essere una forma d’arte accessibile a tutti e non solo ai collezionisti.

IL CURATORE - Alessandro Luigi Perna (www.alessandroluigiperna.com) è un giornalista pubblicista e curatore di eventi, festival, iniziative culturali ed editoriali che dedica molta della sua attività professionale alla fotografia storica e contemporanea. È specializzato nella valorizzazione e promozione di archivi di fotografi, agenzie, case editrici, musei, aziende. In curriculum ha numerose iniziative per comuni, province e regioni (Milano, Bologna, ecc.). È co-ideatore di Memorandum – Festival della Fotografia Storica di Torino, Biella e Roma e ideatore di All you need is photography! Unlimited Edition Photo Festival di Milano. Con il progetto History & Photography approfondisce le sue ricerche sulla storia della fotografia e delle società contemporanee.

EFF&CI – FACCIAMO COSE – “Siamo un gruppo di persone che pensa al lavoro come ad un momento di condivisione di idee e di energie. Abbiamo creato Eff&Ci per realizzare uno spazio dove sia possibile a tanti crescere e sperimentare. La nostra attività ha una forte connotazione etica che ci guida nella ricerca delle collaborazioni: in un mondo dove forse le speranze si sono attenuate, vogliamo far partire nuove scintille”. EFF&CI – Facciamo Cose fornisce servizi a chi opera nella cultura e nel sociale come enti pubblici e associazioni e propone agli artisti emergenti, che cercano luoghi per farsi conoscere, dal semplice supporto alle loro esigenze espositive fino alla progettazione, cura, allestimento e promozione delle loro mostre.


 CREDITI

A cura di:

Alessandro Luigi Perna – History & Photography

In collaborazione con:

Nadia Fusco / Archivio Fotografico Società Geografica Italiana

Immagini di:

Archivio Fotografico Società Geografica Italiana

Produzione e organizzazione:

Eff&Ci - Facciamo Cose

Laboratorio di stampa:

Colorsystem - Milano

Attenzione:

I crediti delle foto sono obbligatori


 INFORMAZIONI

Inaugurazione aperta al pubblico:

Sabato 18 maggio 2013 dalle ore 16.00 alle 20.00

Periodo di esposizione

Dal 20 maggio al 28 giugno 2013

Giorno di chiusura straordinaria

15 giugno 2013

Orari di apertura al pubblico

Da lunedì a sabato dalle 14.00 alle 19.30

Ingresso:

Libero

Prezzi delle stampe in vendita

A partire da € 60,00

Come arrivare

metro piazzale Lodi

passante ferroviario fermata Porta Vittoria

filobus 90/91,92,93

tram 12

autobus 66


CONTATTI

Info per il pubblico:

Tel. 02.55019565

 

www.effeci-facciamocose.com

Info per la stampa:

Alessandro Luigi Perna

Tel. 02.54010248

Cell. 338.5953881

 

www.alessandroluigiperna.com

AVVERTITA SCOSSA DI TERREMOTO. AGGIORNAMENTI

terremotoAVVERTITA SCOSSA DI TERREMOTO A GENOVA             -aggiornamenti-

Una lieve scossa di terremoto è stata segnalata attorno alle 15.50. La scossa è stata avvertita non solo nel capoluogo ligure ma in generale nel nord Italia.

  • Pubblicato in Liguria
Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore