logorcb

updated 3:39 PM CEST, Jun 23, 2019

Pasqua: “Un chilo e mezzo in più a testa”

post pasquaUn tempo i pasti più abbondanti delle festività pasquali erano in qualche modo compensati dal digiuno o comunque da venerdì di magra quaresimale, spiega all’Adnkronos Salute Michele Carruba, direttore del Centro di studio e ricerca sull’obesità dell’Università degli Studi di Milano.

Oggi invece capita che, appena terminate le feste di Natale e smaltiti i panettoni, troviamo già le uova di cioccolato nei supermercati. E così è sempre festa, tutto l’anno, ma non per la nostra linea e soprattutto non per la nostra salute che risente di abbuffate e di diete ipercaloriche protratte nel tempo. L’esperto stima che a Pasqua in media ci si appesantirà di un chilo e mezzo  in più a testa.

  • Pubblicato in Cucina

Un pasto alternativo per Pasqua

Pasqua-vegan

E' possibile iniziare a fare la pace con il pianeta apparecchiando per Pasqua un pranzo vegan: è un'impresa più semplice di quello che si crede, dal valore simbolico (oltre che gastronomico) fortissimo.

La tradizione ebraico-cristiana di mangiare agnelli o capretti per Pasqua poteva avere un senso in un mondo di decine di migliaia di pastori nomadi o anche di decine di milioni di contadini. Non ha più senso in un mondo urbanizzato di miliardi di persone.

La carne ovina e caprina ha un minore impatto ambientale di quella bovina, ma per le culture umane sono  importanti anche i gesti simbolici.

  • Pubblicato in Cucina
Sottoscrivi questo feed RSS

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore