logorcbtmp.svg

Ritiro AS Roma, giorno 9

 I giocatori si sono sottoposti al test Mapei in mattinata. Nel pomeriggio lavoro di scarico in palestra e calcio-tennis in campo. Gran punto in rovesciata per Florenzi, sempre più vicino al rinnovo. Salutano il gruppo Antonucci e Capradossi, rispettivamente in prestito al Pescara e allo Spezia. Sarri e Klopp chiamano Alisson, ma solo il Liverpool ha fatto un'offerta: 70 milioni.

Dopo i compiti a casa, è tempo di test a Trigoria.
Nella mattina del nono giorno di ritiro, infatti, gli uomini di Eusebio Di Francesco si sono sottoposti ai test atletici Mapei per valutare forza, resistenza e velocità di ogni singolo elemento della rosa.
Questi test, che sottopongono l’atleta a numerosi esercizi come quello di funzionalità neuromuscolare durante i cambi di direzione o di spinta nel salto per calcolare l’asimmetria in volo, richiedono circa 50 minuti per giocatore, ma soprattutto tanta fatica.
I test atletici del Mapei monitorano costantemente la condizione fisica del singolo con la capacità di prevedere il rischio di infortuni.
Il tecnico abruzzese li usava già ai tempi del Sassuolo e dovevano svolgersi anche lo scorso anno, prima della semifinale di ritorno di Champions League contro il Liverpool, ma per questioni di tempo non hanno avuto luogo. Tra le altre squadre di Serie A, anche la Juventus adotta questi test.
Poco prima che la seduta mattutina iniziasse, Bryan Cristante, centrocampista arrivato dall’Atalanta in questa sessione di mercato, ha parlato ai microfoni del canale ufficiale dei capitolini, sottolineando i suoi pregi e difetti e quanto sia maturato nella scorsa stagione: “Pregi: fisico, corsa, sono un centrocampista offensivo. Difetti: nel calcio bisogna sempre migliorarsi. Se si ha una dote si può migliorare, se si ha un difetto si può limare. Con il lavoro e con il campo si sistema tutto. Penso sia stato un anno che arrivava al momento giusto. Dopo i vari passaggi, ero maturo al punto giusto. Ho trovato una piazza che mi ha dato la possibilità di esprimermi al meglio. Per un mix di cose è nata questa stagione”.
Inoltre, il nazionale azzurro ha speso parole di elogio sulla città, la squadra e il suo nuovo allenatore: “Bella città e sappiamo le pressioni che ci sono, ma il mister sta lavorando per fare bene. Abbiamo un’ottima squadra e possiamo fare benissimo quest’anno. Mi sono trovato bene con il Mister per quello che mi chiede. Fa un gioco in cui mi piace giocare e dove sono abituato a giocare. Ora bisogna aspettare l’inizio del campionato e dare tutto in partita”.
Dopo la fatica mattutina, De Rossi e compagni hanno iniziato, alle 17:37, la seduta pomeridiana in palestra con un lavoro di scarico. Poi sono scesi in campo, dove hanno trovato allestito un campetto da calcio-tennis. Da sottolineare il gran punto di Alessandro Florenzi, che sembra pronto a rinnovare, durante uno dei match, messo a segno in rovesciata. Applausi sono arrivati da tecnico, compagni e addetti ai lavori.
I portieri, come di consueto, hanno lavorato con il loro preparatore Marco Savorani, iniziando con alcuni esercizi che hanno previsto l’uso di una palla da volley.
Poco prima del secondo allenamento di giornata, ha parlato, sempre ai microfoni di Roma Tv, anche Cengiz Under, che ha svelato il perché del numero 17 sulla maglia: “Sono diventato professionista indossando il 17 e da quel momento in poi l’ho sempre portato. Credo di aver sempre giocato bene con quel numero”.
Il giovane attaccante turco, poi, ha proseguito parlando della scorsa stagione, con l’esplosione avvenuta con il gol all’Hellas Verona in trasferta: “Il titolo di miglior giovane della scorsa stagione mi ha fatto davvero piacere. Ho fatto solo 8 gol in questa stagione e vorrei farne almeno altrettanti e migliorarmi. Fino alla vittoria con il Verona non avevo segnato e nelle interviste precedenti dicevo che una volta sbloccato ne avrei fatti altri. Questo è successo davvero e mi ha fatto molto piacere”.
Per concludere, una parentesi di calciomercato. Due giovanissimi giallorossi salutano la compagnia per trasferirsi in prestito in altre squadre. Parliamo di Mirko Antonucci, che nel pomeriggio ha firmato con il Pescara, ed Elio Capradossi, che già domani potrebbe partire alla volta della Liguria per accasarsi allo g. Entrambi dovrebbero far rientro nella capitale alla fine della prossima stagione.
Restando in tema di trasferimenti, la giornata di oggi è stata molto movimentata riguardo la cessione di Alisson. Sul portiere brasiliano, come noto, ci sono due squadre della Premier League: Chelsea e Liverpool.
I rispettivi allenatori, Maurizio Sarri e Jurgen Klopp, hanno parlato con l’estremo difensore per tentare di convincerlo ad accettare l’offerta propostagli dai club di appartenenza.
I reds avrebbero messo sul piatto una somma di 70 milioni di euro, bonus inclusi, e un contratto da più di 5 milioni di euro a stagione per il numero 1 giallorosso. Il ds della Roma, Monchi, ha però chiesto almeno 75 milioni per iniziare ad intavolare una trattativa e nel frattempo strizza l’occhio ai blues, che con la cessione di Courtois al Real Madrid potrebbero spingersi ad offrire 73 milioni, tentando così di scatenare un’asta al internazionale al rialzo per il giocatore. Al momento, però, solo il Liverpool ha fatto un passo ufficiale.
Nella lista dei possibili sostituti ci sono diversi nomi, tra cui quelli di Olsen, portiere della nazionale svedese, Areola, estremo difensore del PSG, Schmeichel, numero 1 del Leicester, e Donnarumma del Milan. Per quest’ultimo qualcosa pare essersi mosso nelle ultime ore, ma si tratta solo di un sondaggio con l’agente Mino Raiola.
Del resto siamo in estate e le ore sono sempre più calde.

  • Pubblicato in Calcio

Ritiro AS Roma, giorno 8

 Intenso lavoro atletico nella mattina per i giallorossi. Tattica e partitella, senza Bianda e Santon, nel pomeriggio. Doppietta e assist per Diego Perotti, che interessa in Spagna. Allenamento individuale per Karsdorp.  Primo giorno di ritiro anche per la Primavera giallorossa. Arrivata l’ufficialità di Bruno Peres al San Paolo, mentre il Liverpool piomba su Alisson.

La ricreazione è finita, si torna in classe.
I giallorossi, infatti, dopo la giornata di riposo concessa da Eusebio Di Francesco, sono tornati ad allenarsi presso il centro sportivo Fulvio Bernardini.
Come nei giorni precedenti, i ritmi della preparazione sono stati elevati. Forse più del solito.
La seduta mattutina, iniziata alle 9:42, è stata incentrata sul lavoro atletico con diversi esercizi di corsa.
Uno in particolare ha visto i calciatori, muniti di cardiofrequenzimetro e GPS, affrontare un percorso di 900 metri eseguito aumentando la velocità progressivamente, con scatto nei 300 metri finali. I dati raccolti verranno analizzati nei prossimi giorni.
I portieri, come sempre, si sono sottoposti ad un allenamento di particolare intensità, per di più senza guanti, agli ordini del loro preparatore, Marco Savorani.  
Presente sul campo anche Maxime Gonalons, che sembra aver recuperato dai problemi intestinali che lo hanno costretto al forfait più volte nei giorni scorsi.
Proprio il francese è stato protagonista di un’intervista rilasciata al canale ufficiale della Roma. L’ex Lione ha fatto un bilancio della passata stagione, sottolineando le difficoltà vissute durante il primo anno in giallorosso: “Sapevo che il primo anno sarebbe stato difficile, venivo da 17 anni a Lione. Sapevo che avrei avuto bisogno di tempo. La scorsa stagione mi è servita per conoscermi meglio e quest’anno le cose miglioreranno. Già nel finale di stagione mi sentivo sempre meglio, capivo di più la lingua, mi ero adattato al nuovo stile di gioco. Quest’anno sono determinato per iniziare bene la stagione”.
Gonalons, poi, ha ribadito la volontà di rimanere nella capitale, nonostante alcune voci di mercato sul suo conto, e ha spiegato il suo rapporto con il mister Di Francesco: “Se ho pensato di lasciare Roma? Mai. Sono un giocatore che per esprimersi al meglio ha bisogno di giocare spesso, ma sapevo che, quando sono arrivato, nel mio ruolo c’era nientemeno che il capitano della squadra. […] Al mister piace giocare in verticale, a Lione il calcio era un po’ diverso. C’era più palleggio. Io sono un centrocampista difensivo e la mia preoccupazione è recuperare palloni. Ho sempre sentito la fiducia del tecnico e della società”.
Anche Daniele De Rossi ha rilasciato un’intervista a Roma Tv nella giornata odierna. Il capitano dei capitolini ha parlato delle sue sensazioni al 18esimo ritiro con la maglia giallorossa: “Il ritiro in sé, le corse, lo stare lontano dalla famiglia non fanno mai piacere. Però più invecchi più cerchi di godertela. Ti godi ogni singolo minuto in maniera più intensa. Tutto quello che devi fare lo fai, cose che magari da giovane, tra playstation e social network, non fai”.
Poi, il centrocampista romano ha speso alcune parole sui nuovi arrivati nella capitale: “Pastore mi piace, conosco Sirigu e Verratti e me ne avevano parlato bene. Una persona perbene ed educata. Poi è un giocatore forte, avrà bisogno di tempo, di recuperare il ritmo italiano. Al PSG ammazzavano sempre il campionato e questo è meno allettante. Dovrà essere bravo a riprendere i ritmi dell’Italia”.
Infine una battuta sul gol di Lorenzo Pellegrini al Latina, oggetto di discussione sulla volontarietà del pallonetto: “Se ha crossato? Sì sì, ci ha tenuto subito a dirlo (ride, ndr)”.
Nel pomeriggio, i giallorossi sono scesi in campo alle 17:45, per lavorare con il pallone. Dopo una fase di attivazione muscolare, la squadra si è esercitata sul pressing offensivo per buona parte della seduta. A conclusione dell’allenamento si è svolta la canonica partitella pomeridiana, cui non hanno preso parte William Bianda e Davide Santon, durante la quale sono state provate molte situazioni di gioco, con focus sul possesso palla.
Da evidenziare la prestazione fornita da Diego Perotti, autore di un assist e di una doppietta.
Rick Karsdorp ha lavorato a parte, mentre erano assenti dal manto erboso Gerson, Elio Capradossi, Daniele Verde e Mirko Antonucci.
Domani appuntamento a Trigoria per un’altra doppia seduta. L’amichevole di venerdì a Frosinone, contro l’Avellino, è sempre più vicina, così come la partenza per gli Stati Uniti.
Primo giorno di scuola per i ragazzi della Primavera, arrivati al centro sportivo per il raduno. Da domani inizierà il ritiro agli ordini del tecnico Alberto De Rossi, il quale ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni dell’emittente radiofonica ufficiale dei giallorossi: “Abbiamo accolto i giocatori con grande piacere. Hanno appena vinto il campionato under 17. È da anni che si parla di questo gruppo di 2001, cui abbiamo già attinto per poi arrivare alla soddisfazione di vedere un prodotto che si approccia alla prima squadra. Siamo soddisfatti. Questa settimana è la preparazione al ritiro vero e proprio a Borgo Valsugana, dal 22 luglio al 2 agosto. L’obiettivo? Essere la seconda squadra della prima squadra e portare lì i giocatori”.
A chiudere una parentesi di calciomercato.
Nonostante fosse concluso da tempo l’affare, solo oggi è arrivata l’ufficialità del trasferimento di Bruno Peres al San Paolo. Il giocatore è stato ceduto a titolo temporaneo con la formula del prestito oneroso, fino a dicembre 2019, ad 1.4 milioni di euro. I brasiliani, inoltre, avranno l’opportunità di riscattare il terzino versando nelle casse della Roma ulteriori 6 milioni di euro. Il club giallorosso, inoltre, in caso di acquisto definitivo, manterrà un 20% sulla futura rivendita del calciatore da parte della squadra verdeoro.
Sempre sul mercato in uscita si registra l’arrivo negli uffici di Trigoria di una controfferta del Liverpool per Alisson. Il derby inglese con il Chelsea per il portiere brasiliano, che si sta godendo le vacanze in Sardegna, è entrato nel vivo e nei prossimi giorni ci saranno sviluppi decisivi.
Sirene spagnole, invece, per Perotti. L’esterno offensivo argentino sarebbe seguito da Villareal e Valencia. Il prezzo Monchi lo ha stabilito ed è di 20 milioni di euro. I giallorossi li vorrebbero tutti e subito, in modo da ampliare la disponibilità per mettere a segno un colpo importante, specialmente se la cessione di Alisson sarà concretizzata.
Il futuro è adesso.

  • Pubblicato in Calcio

Ritiro AS Roma, giorno 7

Giornata di riposo per gli uomini di Di Francesco. Da domani si riprende con le doppie sedute. Venerdì l’amichevole contro l’Avellino. Areola primo nome per il dopo Alisson, con l’agente Raiola che abbassa le pretese del PSG: 20 milioni.

Dopo una goleada incoraggiante, la Roma si riposa per qualche ora.
Certo, niente feste o entusiasmi facili, solo il constatare che la squadra c’è e può crescere durante l’anno.
De Rossi e compagni si sono goduti il giorno libero concesso dal tecnico Eusebio Di Francesco, con rientro a Trigoria nella serata.
Da domani si riparte a ritmi ancor più serrati, a suon di doppie sedute. Nel mirino c’è la sfida di venerdì prossimo all’Avellino. Nel secondo match amichevole stagionale, il mister abruzzese vorrebbe rivedere quanto di buono hanno dimostrato i suoi ragazzi contro il Latina.
Molta attesa c’è attorno a Patrick Schick, autore di tre dei nove gol realizzati ai nerazzurri laziali. Il ceco, intervistato a fine partita dal canale ufficiale dei giallorossi, ha espresso tutta la sua soddisfazione per la prestazione messa in campo: “Era la prima partita, dovevamo trovare condizione e segnare. Ho grandi motivazioni e voglio dimostrare le mie qualità, facendo tanti gol. Lo spero. Mi piace attaccare lo spazio ma sono un attaccante, devo comunque fare gol”.
Medesimo entusiasmo è stato mostrato da Di Francesco nella conferenza post gara: “La cosa più importante era evitare gli infortuni, ed è andata bene. Ho visto cose interessanti, altre da migliorare, ma il desiderio di andare a fare gol c’è stato e mi è piaciuto. Il fatto di averli tutti a disposizione mi permette di lavorare meglio. Attualmente abbiamo una rosa molto ampia, dobbiamo sfoltire un po’ ma il mercato è sempre vivo e noi ci guardiamo intorno. Sono costantemente in contatto con Monchi. Karsdorp? Si è mosso con disinvoltura, è in crescita e sciolto nella corsa. È presto per fare valutazioni. Anche Pastore ha avuto giocate di qualità, che è quello che gli chiediamo. Schick ha una maggiore conoscenza dell’ambiente, ora lo vedo voglioso e determinato”.
C
on gli irpini sarà gara vera, dunque, e ad accendere la sfida sarà anche il pubblico del Benito Stirpe di Frosinone, location dell’amichevole, che si annuncia esaurito in ogni settore.
Nel frattempo i due francesi della rosa, Maxime Gonalons e William Bianda, hanno festeggiato la vittoria dei loro colleghi transalpini impegnati nella finale del Mondiale di Russia, vinta 4-2 contro la Croazia, affidandosi ai social network.
Capitolo calciomercato. Mentre si profila un testa a testa tutto british tra Chelsea e Liverpool per accaparrarsi le prestazioni sportive di Alisson a suon di milioni, Monchi sta lavorando al possibile sostituto.
Il profilo attualmente più vicino sembra quello di Areola, portiere del Paris Saint Germain. Un lavoro portato avanti in sintonia con l’agente del francese, Mino Raiola, il quale sta cercando, come fatto con l’Ajax per Justin Kluivert, di abbassare le pretese del club parigino per il suo assistito. Si spera che il prezzo possa scendere ancora, dunque, portandosi ad un massimo di 20 milioni di euro complessivi.
Ciò permetterebbe al ds spagnolo di avere 50-55 milioni a disposizione, più eventuali soldi derivanti da altre cessioni, su tutte quella di Daniele Verde e Gregoire Defrel, per tentare un colpaccio in altre zone del campo.
La lista sul suo taccuino è ricca di nomi interessanti, ma ancora è presto per decifrare ogni possibile trattativa di peso. Prima bisogna cedere il numero 1 brasiliano, altrimenti si passerà ad altre strategie.
Chi vivrà vedrà.

  • Pubblicato in Calcio

Ritiro AS Roma, giorno 6

Mattina di allenamento a Trigoria, con focus su tattiche e palle inattive. Nel pomeriggio la squadra ha disputato la prima amichevole stagionale a Latina, battendo i padroni di casa 9-0. Schick sigla una tripletta, Dzeko si ferma a quota 2 gol. Passi in avanti per il rinnovo di Florenzi, mentre Alisson rischia di salutare la capitale.

La curiosità è femmina. Tutti i tifosi non vedevano l’ora di ritrovare in campo la Roma e di osservare le potenzialità dei nuovi arrivati e di chi l’anno scorso aveva fatto fatica a lasciare il segno, uno su tutti Patrick Schick.
Prima dell’amichevole contro il Latina, però, i giallorossi hanno dovuto affrontare il sesto giorno di ritiro presso il centro sportivo Fulvio Bernardini di Trigoria.
Eusebio Di Francesco, tecnico dei capitolini, ha voluto mettere a punto i suoi uomini in vista della prima uscita stagionale.
De Rossi e compagni, infatti, dopo il torello di riscaldamento, sono stati impegnati in un allenamento incentrato su una lunga fase tattica, in cui sono state provate alcune situazioni di gioco, tra cui pressing e possesso palla ad alti ritmi.
Nella seconda parte della seduta, il mister abruzzese ha concentrato le energie dei calciatori sulle palle inattive, troppo poco sfruttate nella passata stagione, specie i calci d’angolo.
Gregoire Defrel ha svolto un lavoro individuale, mentre erano assenti dal campo Maxime Gonalons, ancora non al meglio, Mirko Antonucci e Daniele Verde, sul quale sono piombate le attenzioni di Udinese e Porto.
Alle 14:30, la squadra ha lasciato la capitale per dirigersi a Latina, dove ha affrontato i nerazzurri laziali per il primo test estivo di questo ritiro.
La partita, iniziata alle 18:30, ha visto i giallorossi vincere in goleada 9-0.
Al calcio d’inizio del match la Roma si è schierata con il canonico 4-3-3: Mirante in porta; Karsdorp terzino destro, Manolas e Marcano centrali di difesa, Luca Pellegrini terzino sinistro; De Rossi, Lorenzo Pellegrini e Pastore i tre di centrocampo; Under ala destra, Schick punta centrale e Perotti ala sinistra.
Il primo tempo si è concluso sul risultato tennistico di 6-0, con la tripletta di Patrick Schick, apparso motivato e più convinto nei movimenti offensivi rispetto al recente passato, lo straordinario pallonetto di Lorenzo Pellegrini, la splendida semirovesciata del nuovo arrivato Ivan Marcano e il gol prepotente dell’altro Pellegrini, Luca. Il giovane terzino sinistro sembra aver superato tutti i problemi fisici accusati lo scorso anno e potrebbe essere lui il vice Kolarov, con Santon spostato a destra. Ottima la prova di Javier Pastore, oggi nel ruolo di assist-man.
Nella ripresa Di Francesco ha cambiato tutti gli uomini ma non filosofia di gioco. Sempre 4-3-3, dunque, con Fuzato (dal 41esimo s.t. Greco) in porta; Florenzi a destra, Bianda e Juan Jesus al centro, Santon a sinistra; Cristante, Coric (dal 31esimo s.t. Riccardi) e Strootman sulla mediana; El Shaarawy, Dzeko e Kluivert nel tridente offensivo.
Un secondo tempo meno vivace giocato dai calciatori in completa tenuta giallorossa, con la metà dei gol realizzati rispetto alla prima frazione: doppietta di Edin Dzeko e autorete.
Da annoverare, sempre nei secondi 45 minuti, l’unica vera occasione da gol per il Latina, con un calcio di punizione dal limite spentosi di poco a lato rispetto ai pali difesi da Daniel Fuzato.
Tanto l’entusiasmo sugli spalti, specialmente nel settore ospiti completamente gremito di tifosi romanisti, che non hanno mai smesso di inneggiare alla squadra con cori, bandiere e striscioni.
Domani Di Francesco ha concesso un giorno libero ai suoi, che rientreranno a Trigoria solo nella tarda serata, mentre da lunedì si ricomincia a suon di doppie sedute. Nel mirino c’è la partita amichevole contro l’Avellino, che andrà in scena venerdì 20 luglio presso lo Stadio Benito Stirpe di Frosinone. Si va già verso il soldout in ogni ordine di posto.
A chiudere, una breve parentesi sul Calciomercato.
Sempre più vicino sembra essere il rinnovo di Alessandro Florenzi, oggetto di qualche contestazione durante la sfida contro il Latina. Le cifre appaiono confermate: 2.8/3 milioni di parte fissa più bonus che portano ad un totale di 3.5 milioni di euro a stagione.
Si fanno ricorrenti, invece, le voci di un approdo di Alisson in Premier League. Maurizio Sarri, ex tecnico del Napoli, è arrivato ufficialmente sulla panchina del Chelsea e avrebbe chiesto al patron Abramovich uno sforzo ulteriore sul mercato rispetto ai 60 milioni più 3 di bonus spesi per il suo pupillo Jorginho.
Il ruolo da rinforzare, con la probabile partenza di Courtois, sembra proprio quello del portiere e il mister toscano pare abbia scelto l’estremo difensore giallorosso come profilo ideale. Il prezzo di partenza per le trattative Monchi lo ha fissato da tempo, 70-80 milioni, così come la deadline: o l’affare si conclude entro la partenza per gli USA o Alisson rimane in giallorosso con tanto di rinnovo del contratto. I blues sono pronti a mettere sul piatto 70 milioni più diversi bonus, per arrivare ad un totale di quasi 80 milioni. Il brasiliano firmerebbe un contratto da 5.5 milioni a stagione. Alla finestra rimane anche il Liverpool.
Sviluppi sono attesi nelle prossime ore e la curiosità, si sa, è femmina.

  • Pubblicato in Calcio

Ritiro AS Roma, giorno 5

Palestra ed esercitazioni tattiche per reparti sia di mattina che di pomeriggio, in vista della prima amichevole stagionale contro il Latina di domani alle 18:30. Antonucci, Verde e Gerson hanno svolto allenamento differenziato, out Gonalons. Riposo programmato per Strootman, Luca Pellegrini, Bianda, Florenzi e Defrel. Presentati alla stampa Mirante e Santon.

Giornata lunga e intensa a Trigoria, con un quinto giorno di ritiro che ha fatto grondare parecchio sudore dalla fronte dei giocatori.
Eusebio Di Francesco, tecnico dei giallorossi, si sa che è un perfezionista e non vuole sorprese domani pomeriggio, quando allo Stadio Francioni di Latina andrà in scena la prima amichevole della stagione contro i padroni di casa.
La sessione mattutina, iniziata in anticipo rispetto alla media dei giorni scorsi, ha visto i calciatori impegnati dapprima in palestra per la fase di riscaldamento.
Poi la squadra è scesa in campo per affrontare esercitazioni tattiche specifiche per ogni reparto.
Nel dettaglio, attaccanti e centrocampisti si sono cimentati in azioni di gioco caratterizzate da triangolazioni a partire dal regista per essere concluse con le mezzali, prima di appoggiare il pallone sugli esterni offensivi. Poi hanno lavorato sul pressing nella metà campo avversaria.
I difensori, invece, hanno affrontato dei focus sul funzionamento della linea a quattro, con esercizi di scivolamento da destra a sinistra in base alla posizione del pallone.
Si sono allenati a parte Daniele Verde, Mirko Antonucci e Gerson, mentre ha dato forfait Maxime Gonalons, tenuto a riposo precauzionale, dopo qualche fastidio accusato nella giornata di ieri.
Poco prima che iniziasse la seduta del mattino, ha parlato ai microfoni della tv ufficiale della Roma Rick Karsdorp.
L’olandese ha esordito parlando delle sue condizioni fisiche, con la rottura del crociato che sembra ormai alle spalle: “Adesso va molto meglio rispetto alla scorsa stagione dove non ho potuto giocare, la preparazione va molto meglio e voglio dimostrare ciò che non ho potuto far vedere nella scorsa stagione. Quest'anno sarà molto importante giocare dopo aver passato un anno in infermeria. È un piacere allenarmi col resto dei compagni, li conosco bene perché ho avuto modo di partecipare alla vita di spogliatoio”.
Il giovane terzino destro, poi, ha speso alcune parole sulla Roma sempre più orange:Fa sempre piacere ritrovare dei connazionali, tra l'altro Kluivert è il mio compagno di camera. Posso scambiare tranquillamente qualche parola con una persona che parla la mia stessa lingua. C'è Justin, c'è Strootman e con loro posso instaurare un rapporto di amicizia. Spero di poter aiutare Kluivert che è appena arrivato alla Roma”.
Nel pomeriggio, i giallorossi sono scesi sul campo Testaccio per la seduta delle 17:30. L’allenamento è stato caratterizzato da alcune partite a campo ridotto, durante le quali sono stati provati schemi finalizzati, soprattutto, al possesso palla.

In grande spolvero è apparso Stephan El Shaarawy, autore di quattro gol, mentre Edin Dzeko ha incantato gli addetti ai lavori con un assist di tacco per Lorenzo Pellegrini, poi andato in rete.
Assenti dal campo, oltre ai quattro giocatori della mattina, William Bianda, Gregoire Defrel, Alessandro Florenzi, Kevin Strootman e Luca Pellegrini. Per tutti si è trattato di riposo programmato.
Tra un allenamento e l’altro, sono stati presentati in sala stampa altri due dei dieci acquisti finora effettuati dalla Roma: Antonio Mirante e Davide Santon.
Ad accompagnarli, come sempre, il direttore sportivo Monchi, che ha elogiato le qualità dei due nuovi arrivati:Mirante può portare tanto, ha fatto un bellissimo percorso nel campionato italiano. Cercavamo un portiere che trasmetta fiducia, è la sua qualità: siamo contenti e convinti di aver fatto una bella scelta. […] Un giocatore come Santon non si dimentica mai come si gioca a calcio. A volte è la persona che non si trova nel posto adatto per far uscire quello che ha dentro e a volte cambiare fa bene. Un giocatore che ha fatto anche un "Triplete", non ce ne sono molti qui, sono sicuro che ritroverà la strada giusta".
Nel presentarsi, proprio il terzino ex Inter ha parlato di cosa rappresenti il suo arrivo nella capitale e in che ruolo giocherà: “Motivo di riscatto. Sono venuto qua perché ho voglia di dimostrare a tutti quanto posso dare, per questo sono qua. Alla Roma credo ci siano grandi giocatori come Florenzi e Kolarov. Io posso giocare sia a sinistra che a destra, non ho preferenze a dire il vero: quello che devo fare è allenarmi forte, allenarmi con la voglia di far vedere quello che ho fatto vedere in passato e poi deciderà il mister. Quello che posso assicurare è che sono venuto qui per dare il massimo e spero di ritagliarmi un posto importante”.

Stessa cosa ha fatto l’ex portiere del Bologna: “La Roma rappresenta un punto di arrivo importante per me, un'ambizione e un confronto con una squadra importante. Ho fatto il settore giovanile in una squadra importante, arrivo in un'età matura: per me è motivo di soddisfazione e ho grande voglia di lavorare, sta a me dimostrare di valere questa società e questa squadra”.
Sul calciomercato, poi, Monchi ha voluto chiarire per l’ennesima volta le situazioni riguardanti Alisson e Florenzi, oggetto delle discussioni degli ultimi giorni, specie tra i tifosi: “A volte l'informazione che va in giro non è quella reale, non c'è nessuna novità su Alisson. Immagino che tutte le squadre che stanno uscendo sulla stampa stanno cercando un portiere e lui è uno forte. Florenzi? È vero che i contatti con Lucci sono più frequenti e anche io sono un po' più fiducioso rispetto all'ultima volta ma ancora manca qualcosa. Come ho sempre detto fino alla fine non si può dire che una trattativa è chiusa. Oggi però sono più fiducioso ma manca ancora da lavorare”.
Infine, ha rilasciato la sua prima intervista da giocatore della Roma William Bianda.

Il difensore centrale francese ha iniziato rivelando le prime sensazioni al suo arrivo a Trigoria: “È una grande emozione essere in un grande club. C'è molta intensità negli allenamenti ma col passare dei giorni mi sto adattando. L'ho scelta prima di tutto perché mi è sembrato il miglior progetto sportivo. E poi per i difensori il campionato italiano è il massimo”.
Il giovane, prelevato dal Lens nel mese di giugno, ha anche spiegato il suo stile di gioco: “Cerco di restare concentrato, far ripartire bene l'azione, essere solido e in generale vincere ogni duello”.
Domani pomeriggio, primo appuntamento cruciale della preparazione precampionato dei giallorossi, con la prima amichevole estiva. Si gioca a Latina, presso lo Stadio Francioni, contro i nerazzurri laziali. Calcio d’inizio alle ore 18:30. Grande entusiasmo tra i tifosi romanisti che hanno riempito, sino al soldout, il settore loro riservato.
Così come è tutto esaurito lo stadio Tre Fontane dell’Eur, dove è in programma per giovedì prossimo il secondo allenamento a porte aperte di De Rossi e compagni. Sono ben 2800 le unità attese all’impianto di Roma Sud.
L’entusiasmo sale sempre di più.

  • Pubblicato in Calcio

Ritiro AS Roma, giorno 4

Mattinata a Trigoria per i giallorossi, dove sono stati impegnati in un lavoro di scarico tra palestra e piscina.
Visita a sorpresa di Federico Fazio ai compagni.
Nel pomeriggio, entusiasmo dei tifosi allo stadio Tre Fontane per la seduta di allenamento a porte aperte. Domani la presentazione di Mirante e Santon.
C’è ottimismo per il rinnovo di Florenzi.
Chi si ferma è perduto.
Sembra questo il mantra di Eusebio Di Francesco all’alba del quarto giorno di ritiro della sua Roma nella capitale.
Ma dopo i ritmi frenetici delle scorse giornate, con esercizi atletici e partitelle, il ritmo è leggermente calato, per concedere ai giallorossi una seduta leggermente più soft.
Almeno nella mattina.
  • Pubblicato in Calcio

Ritiro AS Roma, giorno 3

Lavoro atletico e pretattica nella seduta mattutina divisa tra palestra e campo.
Il pomeriggio è stato dedicato alla tattica con partitelle a tema su specifiche situazioni di gioco.
Schick sigla una doppietta.
Prima intervista stagionale per Di Francesco e Coric.
A tutta birra.
Prosegue a suon di doppie sedute il programma di preparazione alla prossima stagione della Roma.
Eusebio Di Francesco, tecnico dei giallorossi, non vuole lasciare nulla al caso e, approfittando della presenza della squadra quasi al completo, salvo i nazionali impegnati in Russia, cerca di impartire sin da subito le sue idee di gioco. Obiettivo, non farsi trovare impreparati per l’inizio della tournée a stelle e strisce.
  • Pubblicato in Calcio

Ritiro AS Roma, giorno 2

Esercitazioni con la squadra divisa in reparti al mattino, prove di 4-3-3 nella partitella 11 contro 11 nel pomeriggio. È stato anche il giorno di Bryan Cristante, presentato dal ds Monchi alla stampa. Vestirà la maglia numero 4, quella di Nainggolan. Giovedì allenamenti aperti al pubblico al Tre Fontane.

Si fa sul serio in quel di Trigoria. Secondo giorno di ritiro e altra doppia sessione di allenamento per gli uomini agli ordini del mister Eusebio Di Francesco.

Nonostante le temperature roventi registratesi nella capitale quest’oggi, i giallorossi hanno dato il massimo per cercare di conquistare un posto nelle gerarchie del tecnico abruzzese in vista della prossima stagione.

  • Pubblicato in Calcio
Sottoscrivi questo feed RSS
Sunny

20°C

Roma

Sunny
Humidity: 77%
Wind: NNE at 6.44 km/h
Thursday
Mostly sunny
21°C / 32°C
Friday
Sunny
20°C / 33°C
Saturday
Mostly sunny
19°C / 32°C
Sunday
Mostly sunny
20°C / 31°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore