logorcb

updated 6:25 PM CEST, Jun 17, 2019

Roma: palestre scolastiche nuove in tutti i Municipi

palestra scuola 640x480Una Palestra Nuova all’anno in ogni Municipio. Roma investe nei giovani con una nuova programmazione che garantisce pari opportunità per l’accesso alla pratica dello sport attraverso la pianificazione degli interventi di manutenzione delle palestre scolastiche e dei campi sportivi polivalenti all’aperto, intervenendo in maniera paritetica in ciascun Municipio.

  • Pubblicato in Roma

Scuola, primo giorno: cosa vorrebbero gli studenti!

ritorno a scuola 01Più di 2,6 milioni di studenti delle superiori rientrano a scuola questa settimana e ScuolaZoo, la community online di studenti più grande d’Italia, ha chiesto ai ragazzi cosa sperano di vedere migliorato nelle loro scuole con un sondaggio dedicato*.

Nuovo anno scolastico e vecchi problemi per alunni disabili

disabili-la-scuola-negataSono in aumento gli alunni disabili nelle scuole, ma mancano gli insegnanti di sostegno. 

In Italia siamo arrivati a ben 145mila alunni disabili, pari al 3,1% del totale, ma mancano i supporti, le strutture attrezzate e gli insegnanti di sostegno.

Per non parlare delle barriere architettoniche che ancora oggi bloccano nel vero senso della parola questi giovani, ostacolando gli accessi a edifici se non anche ai bagni.

Gli alunni con disabilità sono in aumento nelle scuole italiane.

È quanto rileva l'Istat nella sua indagine riferita all'anno scolastico 2011-2012 effettuata nelle scuole primarie e secondarie di I grado.

Una differenza territoriale segna le scuole del sud e del centro nord: mentre al sud il 31,6% degli alunni disabili della scuola primaria ha almeno tre disturbi contemporaneamente, al centro la percentuale scende al 24,4% e al nord al 22,5%.

Nelle scuole primarie, il 19,8% degli alunni con disabilità non è autonomo in almeno una delle attività indagate (autonomia nel mangiare, nello spostarsi e nell’andare in bagno), mentre il 7,8% non lo è in tutte e tre le attività.

Nelle superiori di primo grado le percentuali sono del 14,5% e del 5,4%.

Secondo i dati MIUR, gli insegnanti di sostegno sono poco più di 65mila.

In entrambi gli ordini scolastici, essi svolgono attività di tipo didattico con l’80% degli alunni disabili ma c’è anche una modesta quota con cui l’insegnante di sostegno svolge prevalentemente attività di tipo assistenziale.

E’ cominciato un nuovo anno, ma i problemi sono rimasti al capolinea.

Lecite sono le preoccupazioni dei genitori, viste le enormi inadempienze: mancano insegnanti specializzati, le nomine avvengono sempre in ritardo e, sempre più spesso, gli assistenti non vengono assegnati o vengono assegnati solo per poche ore.

201215183-25182f00-a225-47c3-8939-2ab911660827Pertanto, i 215.000 bambini portatori di handicap che hanno appena cominciato l'anno scolastico hanno scoperto, come risulta da un'indagine di Tutti a Scuola, che dovranno fare a meno di 65.000 insegnanti di sostegno (circa 120.000 bambini resteranno scoperti).

Cosa inammissibile!

Per la scuola quindi solo e sempre tagli. Che cosa possono fare i genitori di questi bambini ormai esasperati?

Lo scorso 24 settembre hanno tenuto una manifestazione sotto il Campidoglio, che metteva insieme alunni disabili, genitori, insegnanti e assistenti educatori culturali.

Si parla sempre e solo di crisi, ma non quando si legge di disinvolte diarie da 1.000,00 (mille) euro al giorno per parlamentari e di lussi sfrenati e fiumi di champagne che scorrono allegramente sulle tavole di chi dovrebbe occuparsi della cosa pubblica.

Insomma come sempre, due pesi e due misure e a rimetterci, sono i più deboli della catena.

E questa è una vergogna per un paese che si ritiene civilizzato.

ASILI NIDO

asilo nido

DE PALO:  «VICINO ALLE FAMIGLIE OGNI GIORNO ANCHE SENZA SBANDIERARLO»

«Ognuno ha il suo stile. Ognuno fa politica come crede. C'è chi lavora silenziosamente incontrando famiglie e lavoratori che chiedono spiegazioni e chi ogni giorno attacca, denigra e calunnia, attraverso comunicati, l'operato altrui». Così l'assessore alla Famiglia, all'Educazione e ai Giovani Gianluigi De Palo, in merito all’ennesimo attacco del Presidente del Municipio XI Andrea Catarci sul tema degli asili nido.

«Ho incontrato proprio ieri le famiglie allarmate per la situazione dei nidi Matarazzo ascoltandole e spiegando loro la situazione di illegalità certificata che impediva alla ragioneria di pagare le fatture. Non ho voluto fare un comunicato perché credo semplicemente di aver fatto il mio dovere e non ritenevo importante doverlo comunicare alla stampa», prosegue l’Assessore.

«Il fatto di provenire da una grande associazione, poi, è per me un vanto e non qualcosa da nascondere. Forse chi viene dalle segreterie di partito ha perso il contatto con il Paese reale e ogni giorno sente il bisogno di far sentire la sua voce attraverso comunicati polemici e denigratori, strumentalizzando famiglie ed educatrici».

«Ringrazio comunque Catarci per le continue sollecitazioni al Bene Comune. Anche l'opposizione può essere un pungolo a fare sempre più e sempre meglio», conclude De Palo.

Sottoscrivi questo feed RSS
Partly Cloudy

9°C

Roma

Partly Cloudy

Humidity: 46%

Wind: 8.05 km/h

  • Clear
    24 Mar 2016 16°C 6°C
  • Sunny
    25 Mar 2016 17°C 10°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore