logorcbtmp.svg

Toscana

Toscana (8)

La cavalcata dei Magi

26112174 1660862153935636 4117586916356776695 n

Il prossimo 6 gennaio 2018, a Firenze, l’Opera di Santa Maria del Fiore, da secoli impegnata nella conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico di alcuni tra i più importanti monumenti di Firenze, organizza la “Cavalcata dei Magi”.

Questa manifestazione costituisce una rievocazione storica di una tradizione presente fin dal XV Secolo, quando una compagnia di laici dedicata ai Santi Re Magi, ha deciso di organizzare la “Festa dei Magi”, che consisteva in una sfilata per le vie di Firenze di tre diversi cortei che poi si riunivano davanti al Battistero e proseguivano fino alla Basilica di San Marco, dove intonavano canti e preghiere in adorazione di Gesù Bambino.

La “Cavalcata dei Magi” odierna, organizzata dall’Opera di Santa Maria del Fiore con la collaborazione del Comune di Firenze e la partecipazione di altri comuni della provincia, sotto gli auspici dell’Arcidiocesi e del Capitolo del Duomo, è giunta alla XXII edizione, e nasce nel 1997, in occasione dei festeggiamenti per i 700 anni dalla posa della prima pietra della Cattedrale di Santa Maria del Fiore e dalla fondazione dell’Opera di Santa Maria del Fiore.

Un corteo solenne, composto di 700 figuranti in costume, tra cui quelli della Repubblica Fiorentina, con in testa i Re Magi a cavallo, partirà alle 14,00 da Palazzo Pitti e raggiungerà alle 15,00-15,30 Piazza Duomo, dove deporrà dei doni ai piedi del presepe vivente.

Il 21 maggio la Giornata nazionale delle dimore storiche: aprono al pubblico castelli, conventi e giardini della Lunigiana

castello di monti

Per la prima volta apre al pubblico il Castello Malaspina a Licciana Nardi, in provincia di Massa Carrara, immerso in un bosco di lecci secolari, dove tuttora trascorre le vacanze estive un discendente dell’antica famiglia dei Malaspina.

Il castello ha una storia lunga circa 800 anni: dalle prime notizie della sua esistenza nel XIII secolo, diviene di proprietà dei Malaspina nel 1355, poi cade sotto l’assedio di Giovanni delle Bande Nere e ritorna ai Malaspina nel 1638 e poi sotto l’egida del Granducato di Toscana, subisce un importante restauro dopo il terremoto del 1920.

La sua struttura è trapezoidale: il mastio (la torre più alta) si trova all’angolo di nord ovest sul quale sono visibili gli elementi di pietra utilizzati come appoggio per l’allestimento degli apparati difensivi esterni. Le torri degli altri angoli, a differenza del mastio che è quadrato, sono rotonde, mentre l’intero perimetro è merlato e le falde del tetto sono molto ampie.

Questo e altri 10 edifici in altre città della Lunigiana, nonché i relativi giardini, sono visibili in occasione della VII Giornata Nazionale indetta dall’Associazione dimore storiche italiane, il prossimo 21 maggio dalle ore 10,00 alle ore 13,00 e dalle 14,00 alle 19,00.

Le visite sono gratuite (offerta libera e volontaria), l’appuntamento è alle 10,00 al piazzale della Stazione Ferroviaria di Pontremoli (piazzale Bruno Raschi). La prenotazione, da effettuarsi entro venerdì 19 maggio, è obbligatoria. Per informazioni i contatti sono i seguenti: 3315740114 – 3488097918 – .

Tra fiume e mare

mare pisaIl fiume.

Il fiume incontra il mare. Ma sono acque diverse. Il fiume accompagna la vita dell’uomo che costruisce dimore. Case per stare, amare una donna, crescere figli. Una lunga continuità si specchia nell’Arno che scorre; un’acqua sempre diversa  passa sotto i ponti della città, ma sembra sempre la stessa. I ponti scavalcano il fiume: permettono, a uomini distratti, di camminare sopra l’acqua senza bagnare le scarpe e nemmeno i pensieri. I ponti sono un patto con il fiume, interrotto, ogni tanto, dalla sua ira fangosa. La sua corrente  è la corrente della vita degli uomini, che per secoli si sono affacciati su l’Arno, mentre scorre verso il mare, lasciando alle spalle la fortezza pisana: la Cittadella posta a guardia dell’Arsenale. L’Arno porta con sé l’acqua di canali che hanno fatto crescere il grano e la vite, il pane e il vino: il cibo dell’uomo.

Il mare.

Sottoscrivi questo feed RSS
Mostly cloudy

25°C

Roma

Mostly cloudy
Humidity: 72%
Wind: S at 11.27 km/h
Sunday
Mostly cloudy
14°C / 27°C
Monday
Partly cloudy
16°C / 27°C
Tuesday
Sunny
14°C / 29°C
Wednesday
Sunny
15°C / 30°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore