logorcb

updated 3:54 PM CEST, Jul 22, 2019

Il 21 maggio la Giornata nazionale delle dimore storiche: aprono al pubblico castelli, conventi e giardini della Lunigiana

castello di monti

Per la prima volta apre al pubblico il Castello Malaspina a Licciana Nardi, in provincia di Massa Carrara, immerso in un bosco di lecci secolari, dove tuttora trascorre le vacanze estive un discendente dell’antica famiglia dei Malaspina.

Il castello ha una storia lunga circa 800 anni: dalle prime notizie della sua esistenza nel XIII secolo, diviene di proprietà dei Malaspina nel 1355, poi cade sotto l’assedio di Giovanni delle Bande Nere e ritorna ai Malaspina nel 1638 e poi sotto l’egida del Granducato di Toscana, subisce un importante restauro dopo il terremoto del 1920.

La sua struttura è trapezoidale: il mastio (la torre più alta) si trova all’angolo di nord ovest sul quale sono visibili gli elementi di pietra utilizzati come appoggio per l’allestimento degli apparati difensivi esterni. Le torri degli altri angoli, a differenza del mastio che è quadrato, sono rotonde, mentre l’intero perimetro è merlato e le falde del tetto sono molto ampie.

Questo e altri 10 edifici in altre città della Lunigiana, nonché i relativi giardini, sono visibili in occasione della VII Giornata Nazionale indetta dall’Associazione dimore storiche italiane, il prossimo 21 maggio dalle ore 10,00 alle ore 13,00 e dalle 14,00 alle 19,00.

Le visite sono gratuite (offerta libera e volontaria), l’appuntamento è alle 10,00 al piazzale della Stazione Ferroviaria di Pontremoli (piazzale Bruno Raschi). La prenotazione, da effettuarsi entro venerdì 19 maggio, è obbligatoria. Per informazioni i contatti sono i seguenti: 3315740114 – 3488097918 – .

Ultima modifica ilLunedì, 15 Maggio 2017 18:33
Altro in questa categoria: « ARTISTI IN LIBRERIA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Roma

Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore