Dopo Twitter, anche a Spotify smart working per sempre

Dopo Twitter, anche a Spotify smart working per sempre

Dopo Twitter e Microsoft, anche Spotify permetterà ai suoi dipendenti di lavorare in smart working per sempre, se lo vogliono, anche dopo l’emergenza Covid-19.

“L’efficacia non può essere misurata con il numero di ore trascorse alla scrivania, anzi, dando alle persone la libertà di scegliere dove lavorare incrementa la loro produttività”, scrive l’azienda sul suo blog.

Nei mesi scorsi Twitter ha spiegato che consentirà ai suoi dipendenti di lavorare a casa per sempre, almeno a coloro che possono effettuare le loro funzioni lontano dall’ufficio. Anche Microsoft abbraccia la strada dello smart working permanente e nei giorni scorsi ha lanciato Viva, una piattaforma di soluzioni che consentono di coniugare gli strumenti di produttività esistenti con le nuove modalità lavorative.

Facebook, Apple e Google hanno invece deciso che lo smart working, al momento, resta fino all’estate 2021.

Manuela Rella

Manuela Rella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *