Tennis Australian Open: La “nona” di DJOKOVIC

Tennis Australian Open: La “nona” di  DJOKOVIC

a cura di Marco Di Vincenzo

Novak Djokovic vince nuovamente gli Australian Open di tennis!

E’ proprio il caso di sottolinearlo. Perché se Wimbledon è il giardino di Federer, Parigi è proprietà di Nadal, Nole a Melbourne raggiunge la nona vittoria e conferma il suo dominio incontrastato in Australia.

Il match parte bene per Novak che fa subito break; Medvedev sembrava contratto dalla tensione e dall’importanza della sua seconda finale Slam, ma poco dopo recupera il servizio.

La speranza di avere una partita equilibrata però svanisce sul risultato di  6-5 quando il serbo “brecca” di nuovo e con il  7-5 dà una svolta definitiva al suo 18° slam.

La gara infatti dura un paio di ore ed i due set seguenti finiscono 6 2 senza troppa opposizione del russo che veniva da 20 vittorie consecutive!

Medvedev avrà sicuramente, altre occasioni nella sua carriera ma Nole aveva avvisato in conferenza stampa che non era ancora arrivato il tempo per la nuova generazione…infatti per lui c’è da raggiungere i due rivali storici, Nadal e Federer, fino a 20 slam.

Un cannibale sportivo come lui non rallenterà fintanto che non arriverà a quota 21 vittorie nello SLAM, su questo possiamo scommetterci!

Ormai quando parliamo di Djokovic , dobbiamo necessariamente elencare tutti i suoi record infatti a marzo raggiungerà le 311 settimane al primo posto nella classifica mondiale; praticamente, i vari Thiem, Tsitsipas, Medvedev e compagni dovranno sudare ancora molto per creare una nuova era di tennisti e di dominatori delle classifiche.

Comunque il russo lunedì sarà numero tre del mondo, e ripartirà verso la conquista di uno Slam che, se riuscirà a mantenere questo suo stato psico-fisico, arriverà presto vista anche la vittoria al Master 2020.

Del serbo abbiamo già scritto e magnificato le sue gesta, ma se proprio dobbiamo fare un appunto è necessario rilevare il suo comportamento durante i vari (forse ??)  infortuni che ha durante i match che continuano ad essere frequenti e che poi puntualmente vengono superati “miracolosamente” in partita.

Il campione serbo ha già risposto varie volte a questa critica fatta dai Colleghi e addetti ai lavori, anticipando che fornirà documenti a suo sostegno per quanto accaduto durante il torneo.

Attendiamo e rinnoviamo i complimenti al campione Djokovic

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *